23 settembre 2019

Mondo

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

11.09.2019

L'America ricorda
l'11 settembre, l'onda
lunga delle vittime

L'attentato alle Torri Gemelle
L'attentato alle Torri Gemelle

L'11 settembre 18 anni dopo, tra le polemiche per i falliti negoziati di pace con i talebani e il loro invito segreto a Camp David, dove i leader americani si incontrarono dopo l'attentato per rispondere ad Al-Qaida, sostenuta dagli insorti afghani. Ancora una volta New York ricorda i quasi tremila morti degli attacchi alle Torri Gemelle nel 2001 ma questa volta si sofferma anche sull'onda lunga delle vittime.

 

Sono vigili del fuoco, poliziotti, soccorritori e comuni cittadini morti per gli effetti degli attacchi alle Torri gemelle. I loro nomi non sono scolpiti sulle fontane a Ground Zero, ma sono ugualmente vittime della strage terroristica che mise in ginocchio l'America. Quest'anno, durante la tradizionale lettura dei nomi nella cerimonia di commemorazione dell'11 settembre, sei monoliti verranno dedicati a tutti coloro che sono morti a causa dell'esposizione alle sostanze tossiche delle macerie di Ground Zero. I monoliti non hanno i loro nomi incisi ma solo una scritta: «A coloro le cui azioni nei tempi di bisogno portarono a malattie, ferite e morti».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1