16 ottobre 2019

Italia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

09.10.2019

Il disastro del Vajont, un monito oggi attuale più che mai

 

56 anni. Scorre il tempo ma la ferita non si rimargina, non può e non deve rimarginarsi. 1917 morti (14 almeno i veronesi), 1.300 dispersi, con quell'onda di 250 metri che superò la Diga del Vajont e travolse Longarone e le frazioni limitrofe, devastandole.

250 milioni di metri cubi di roccia che il 9 ottobre 1963 si staccarono dal monte Toc in piena notte, facendo innalzare il lago artificiale e rendendo inutile il mastodontico manufatto che lo divideva dalle valli sottostanti.

Un disastro causato dall'uomo, perché la superficialità e la ricerca di profitto fecero costruire una diga prima e innalzare i livello dell'acqua poi, dove la Natura non lo permetteva. Un disastro che in quest'epoca di lotta ai cambiamenti ambientali ricorda come i limiti del progresso umano non debbano superare le necessità e gli equilibri naturali.

 

 

 

«Il Vajont è un monito affinchè la politica sia buon governo, capacità di prevenire e intervenire creando condizioni di sicurezza e sia strumento essenziale per dare sempre garanzie di giustizia», ha detto il presidente della Regone Veneto Luca Zaia.

Ma è anche un esempio della solidarietà di un popolo: nei giorni successivi al disastro, migliaia e migliaia di volontari, non solo dalla provincia di Belluno, portarono il loro aiuto ai corpi militari e a quelli di soccorso nelle operazione di ricerca dei dispersi e successivamente in quelle di ricostruzione. 

 

 

Riccardo Verzè
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1