18 settembre 2020

Economia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

02.01.2014

Nasce il Fabrication Laboratory per la manifattura

Una «palestra del lavoro», dove dare impulso a idee innovative e far crescere nuove professionalità nel campo della manifattura. È questo l'obiettivo di Fab.Lab, il primo «fabrication laboratory» veronese, che aprirà i battenti a metà gennaio a Grezzana. Un luogo di incontro tra aziende, scuole e privati, che si sta sviluppando in seno all'associazione Innoval, composta da imprese della Valpantena e della Lessinia che condividono l'obiettivo di valorizzare il territorio.
A spiegare di cosa si tratta è Ivano Ferrari, presidente di Innoval. «L'intenzione è quella di creare un grande laboratorio per offrire a tutti la possibilità di avere a disposizione macchinari e concretizzare i propri progetti», racconta Ferrari. «Questo spazio di condivisione sarà aperto a giovani e meno giovani, artigiani, privati, aziende e imprenditori con idee interessanti da sviluppare».
Il capannone, già affittato, si trova in via del Lavoro a Grezzana: al suo interno verrà suddiviso in varie aree produttive, in cui opereranno persone qualificate con strumentazioni moderne e all'avanguardia. «All'inizio metteremo a disposizione stampanti 3D, computer, macchine a controllo numerico e saldatrici per attività nel campo dell'elettronica e della robotica», fa sapere il presidente di Innoval. «Già entro i primi sei mesi contiamo di aggiungere nuove apparecchiature, in base anche alle richieste che ci arriveranno dal territorio: due settori che stiamo valutando, perché riteniamo che possano offrire sbocchi interessanti, sono il mondo del legno e la sartoria».
L'associazione per il Fab.Lab verrà creata all'interno di Innoval (i promotori del progetto stanno valutando se aderire all'associazione nazionale dei Fab.Lab): per poter utilizzare il laboratorio di manifattura e i suoi macchinari sarà, dunque, richiesto il pagamento di una quota associativa.
«Da questa "palestra del lavoro" possono nascere nuove promettenti aziende», spiega Ferrari. «Invece di coltivare le proprie idee in un sottoscala, i giovani potranno farlo in un laboratorio strutturato, condividendo tra loro progetti e uno sviluppo tecnologico sostenibile che porterà innovazione anche sul territorio».M.Tr.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie