25 gennaio 2020

Economia veronese

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

14.01.2020

Euronics-Galimberti
«insolvente»
Due negozi a Verona

L'insegna di un negozio Euronics
L'insegna di un negozio Euronics

Il Tribunale fallimentare di Milano ha dichiarato «insolvente» la Euronics-Galimberti, la catena di negozi a marchio Euronics, che conta 11 punti vendita tra Lombardia e Veneto - di cui due nel Veronese, alle Corti Venete di San Martino Buon Albergo, e a Lugagnano, per una trentina di addetti - e ha nominato un commissario straordinario che avrà 30 giorni di tempo per elaborare una relazione da presentare al giudice Sergio Rossetti. Solo dopo, il tribunale potrà dichiarare aperta la procedura di amministrazione straordinaria.

 

La Euronics-Galimberti verrà ammessa alla procedura di amministrazione straordinaria qualora le osservazioni del commissario mettessero in luce la possibilità di concrete prospettive di recupero dell’equilibrio economico delle attività imprenditoriali. Nel settembre scorso il Tribunale aveva dato l’ok al piano di consolidamento dell’azienda che aveva offerto garanzie, tra cui la vendita di un immobile, per circa 9 milioni di euro. Poi i creditori avevano dato parere negativo e quindi era stata fissata una nuova udienza davanti al giudice.

 

«Abbiamo paura per il nostro futuro - erano state le parole di alcune lavoratrici fuori dal Tribunale di Milano - non sappiamo se terremo il nostro posto di lavoro, Galimberti non ha dato nessuna garanzia. Abbiamo il negozio vuoto, non abbiamo niente da vendere». E ancora: «La situazione è avvilente, ma quello che chiediamo è di avere ancora un lavoro. Lottiamo per la nostra dignità».

 

I SINDACATI. «Ci aspettiamo che le istituzioni coinvolte facciano il possibile per evitare il fallimento della società, prospettando una strada che dia una continuità ai 250 lavoratori, attraverso il ricorso alla Cigs per evitare situazioni già vissute con altri marchi e catene». Lo afferma a proposito del caso Euronics-Galimberti la Filcams di Milano, sottolineando che «questa crisi che perdura ormai da parecchi anni, ha portato a una massiccia dismissione della presenza della Galimberti spa sul territorio nazionale con pesanti ripercussioni sull’occupazione, passata da oltre 600 addetti nel 2013 a circa 250 lavoratori nelle sole Lombardia e Veneto».

 

Valeria Zanetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Hellas, sfida salvezza contro il Lecce. Chi scegliereste come punta centrale?
ok

Necrologie