08 luglio 2020

Cultura

Chiudi

28.05.2020

Seghi, omaggio all’«Orso» del sindacato

Enrico Santi «I più colti fanno notare che syn in greco vuol dire insieme, mentre dike sta per giustizia. Quindi sindacato è “fare giustizia assieme”. Diventerà un tormentone da ripetere come una scoperta, senza magari accorgersi che qualcuno prima di te lo ha già usato, facendoti fare la figura del pirla o del pappagallo. O del pappagallo-pirla, razza altamente adattabile a tutte le latitudini e che purtroppo prolifica felicemente anche in casa sindacale. “Chi lo dirà per primo?”. In palio un caffè corretto sambuca». Senza cedere al “sindacalese“ e attingendo a piene mani nell’autoironia “L’orso metalmeccanico” (edizioni Sensibili alle foglie) di Paolo Seghi, sindacalista alla soglia della pensione, è un omaggio alla memoria. Il racconto «di un mondo e di un tempo che sembrano così lontani da sembrare inventati», come scrive Paolo Gaeta nella prefazione. Tre anni di volontariato nel Nicaragua sandinista e tre di impegno nello Ong per lo sviluppo. E poi trenta nella Cgil di Verona. Per Paolo Seghi, laureato in Scienze dell’educazione, «compito di un sindacato è anche far crescere il senso di identità e la volontà di riscatto dei lavoratori». Il libro si sviluppa attraverso un intreccio di «pensieri e parole», un fitto narrare di vita quotidiana, di conquiste guadagnate a caro prezzo, di storie dove il personale si mischia con il collettivo. Pagine intrise di leggerezza, commozione, tenerezza fino all’irrimediabile senso di vuoto di fronte alla tragedia che lascia sgomenti e senza parole. «Ognuno di noi», confessa l’autore, «porta con sé un pezzetto di quegli anni, le speranze e le delusioni del voler costruire un sindacato fatto di uomini e donne capaci di raccogliere i valori che lo hanno fondato, per coniugarli con una nuova capacità di lettura e analisi di questo grande giro di giostra che il mondo attraversa». E l’“Orso” di Seghi dà voce a persone reali e ben caratterizzate, non a stereotipi ideologici, e, assieme a Franco, il protagonista, ci si appassiona alle trattative, alla dialettica e a quel po’ di teatro sempre presente nel confronto tra le parti. Un “dietro le quinte” di assemblee, manifestazioni ed estenuanti discussioni. I proventi delle vendite del libro (il prezzo è di 15 euro) vanno a favore di borse di studio promosse dall’associazione Avviso Pubblico, impegnata nel contrasto a mafia e criminalità, per una cultura della legalità. Per aderire a questa finalità sociale il libro va richiesto all’indirizzo mail: paoloseghilibero.it. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie