12 novembre 2019

Cultura

Chiudi

25.04.2019

Un «filo diretto» con Gerusalemme fra la città terrestre e quella celeste

Mons. Martino Signoretto
Mons. Martino Signoretto

Una città «sospesa» tra Cielo e Terra. Così appare Verona nel «racconto» proposto dalla trentina di artisti scaligeri selezionati nell’ambito del concorso ispirato al tema del Festival Biblico 2019 (Polis), a sua volta indetto dalla Diocesi di Verona in collaborazione con l’Unione Cattolica Artisti Italiani (Ucai) e Società Belle Arti (Sbav) di Verona. La collettiva d’arte, intitolata «Verona, tra la città celeste e la città terrestre», sarà ospitata nella chiesa di San Pietro Incarnario, nell’omonima piazzetta non lontana dalla Bra, da domani al 6 maggio, e vedrà esposte diverse interpretazioni della dimensione terrestre di Verona e della dimensione celeste di Gerusalemme. Per gli artisti, selezionati da una qualificata giuria composta da Patrizia Nuzzo, curatore responsabile della Galleria d’arte moderna di Verona, mons. Martino Signoretto, vicario episcopale per la Cultura della Diocesi di Verona, Gianni Lollis (presidente Sbav), Roberta Tosi (presidente Ucai), e premiati soprattutto «per la coerenza con il tema proposto, i valori dell’opera e i contenuti artistici, siano essi figurativi o astratti». «L’iniziativa è stata certamente un’occasione importante per affrontare un tema di particolare spessore culturale», aggiunge Lollis. «Al centro delle opere c’è infatti il richiamo costante alla storia antica della Bibbia, così come alla dimensione storica e territoriale di Verona, legata alla sua tradizione in quanto Minor Hierusalem, o piccola Gerusalemme. Sono opere in cui fondamentale non è solo il dialogo tra la nostra città e quella di Gerusalemme, ma anche quello tra il fiume di Verona e i suoi monumenti, che si specchiano sul filo dell’acqua, nel solco di un’antica tradizione che affonda le radici nella civiltà europea e cristiana». «Non è mai semplice per degli artisti di oggi confrontarsi con temi che, nel corso dei secoli, hanno suscitato emozioni e riflessioni da parte di pittori, scultori, poeti», aggiunge Tosi, «eppure l’invito è stato raccolto con entusiasmo, e ciascuno dei partecipanti ha saputo declinarlo secondo la propria sensibilità. L’itinerario espositivo diventa allora un percorso articolato tra pittura, scultura, fotografia, poesia, in cui il tema della polis potrà stupire per le sue innumerevoli espressioni, divenendo così il punto da cui partire e ritornare con uno sguardo del tutto rinnovato». Il taglio del nastro, domani alle 18 nello spazio espositivo della Società Belle Arti di Verona, sarà impreziosito dalla performance «Alla vita», con la coreografia di Franca Bosella, gli interpreti Valentina Castioni e Simona Mazzo, l’allestimento di Gaetano Miglioranzi e Bosella, e l’arpa celtica di Massimiliano Martinelli. Ingresso libero. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1