20 luglio 2019

Cultura

Chiudi

31.12.2019

Scade il copyright e i grandi del ’900 diventano di tutti

Lo scrittore Thomas Mann
Lo scrittore Thomas Mann

Nuova vita nel 2019 per molti giganti della creatività del Novecento: da domani i libri di celebri autori, da Thomas Mann a Marcel Proust, Agatha Christie e D.H. Lawrence, ma anche «I Dieci Comandamenti» di Cecil B. DeMille, «Il Pellegrino» di Charlie Chaplin e le composizioni di Bela Bartok, entreranno nel pubblico dominio. Migliaia di opere perderanno le protezioni legali che finora le avevano agganciate a case editrici ed eredi a colpi di royalties da diritti di autore e controllo creativo: un terremoto dalle profonde conseguenze per il mondo dell’editoria, perchè permetterà, tra l’altro, di creare nuove opere basate sui classici senza che i nuovi autori diventino bersaglio di cause legali per violazione del copyright. Tutto questo accadrà perchè il primo gennaio scade una proroga ventennale del copyright approvata nel 1998 dal Congresso degli Stati Uniti. La legge, battezzata dagli scettici «il Mickey Mouse Protection Act» perchè adottata dietro la lobbying della Disney per tenere sotto diritti di autore fino al 2024 «Steamboat Willie», il primo film di Topolino, aveva allungato i termini del copyright per le opere pubblicate tra 1923 a 1977 da 75 a 95 anni dalla pubblicazione, congelandone di fatto la proprietà. Da Capodanno le cose cominceranno a cambiare: ogni primo gennaio un nuovo gruppo di classici diventerà patrimonio culturale comune, rendendo nell’arco di pochi anni largamente disponibili i frutti della creatività di autori come F. Scott Fitzgerald, William Faulkner, Ernest Hemingway e Virginia Woolf. Una volta entrato nel pubblico dominio, un libro potrà essere riprodotto, stampato, prodotto in audiolibro o in edizione digitale su Amazon, perfino modificato come accadde nel 2002 con il bestseller «Orgoglio e Pregiudizio e Zombie» o adattato per il teatro o il cinema senza problemi di diritti di autore. All’inizio del prossimo anno Google Books, che aveva cominciato a scannerizzarle da anni, pubblicherà edizioni complete digitali di opere uscite nel 1923 tra cui «Tarzan e il Leone d’Oro» di Edgar Rice Burroughs e «Un Figlio al Fronte» di Edith Wharton. Altri scrittori coinvolti nell’alluvione di titoli includono Willa Cather, Joseph Conrad, P.G. Woodhouse, Rudyard Kipling e Robert Frost. Nel 1923 oltre 130mila opere creative vennero registrate per il copyright, tra queste «Il Grande Romanzo Americano» di William Carlos Williams, ma per la maggior parte dei casi - ha detto al New York Times John Ockerbloom, esperto di diritti digitali alla University of Pennsylvania - i diritti d’autore non furono rinnovati dopo la prima volta. •

Alessandra Baldini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1