20 febbraio 2020

Cultura

Chiudi

20.08.2019

Le divise in dodici scatti con le foto di Paolo Pellegrin

La Polizia di Stato inizia a svelare il progetto del calendario istituzionale edizione 2020. Quest’anno, la realizzazione dei 12 scatti che hanno il compito di ritrarre il delicato ruolo degli uomini e delle donne della Polizia, è stata affidata alla professionalità del noto fotografo Paolo Pellegrin, vincitore di dieci edizioni del World Press Photo. Dal 2005 membro effettivo di Magnum Photos, una delle più importanti agenzie fotografiche del mondo, con le sue immagini ha voluto ritrarre l’attività operativa delle donne e degli uomini della Polizia, attraverso un racconto che mette a fuoco l’umanità dei poliziotti. Passione, impegno e servizio, tre parole che rappresentano al meglio l’autenticità della Polizia e che indicano la volontà di essere sempre vicini alla gente, mettendo a disposizione del Paese il proprio lavoro. Anche quest’anno la realizzazione del calendario ha trovato la partnership di Unicef Italia Onlus. Il ricavato della vendita verrà devoluto al Comitato italiano per l’Unicef per sostenere il progetto connesso alla celebrazione del Trentesimo anniversario della Convenzione Onu dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, occasione per riaffermare i diritti degli under 18. Tutti i cittadini potranno prenotare il calendario da parete (costo 8 euro) e il calendario da tavolo (costo 6 euro), entro il prossimo 23 settembre, facendo un versamento sul conto corrente postale n. 745000, intestato a «Comitato Italiano per l’Unicef». Sul bollettino dovrà essere indicata la causale «Calendario della Polizia di Stato 2020 per il progetto Unicef - Trentesimo anniversario della Convenzione Onu dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza». La ricevuta del versamento dovrà poi essere presentata al responsabile dell’ufficio relazioni con il pubblico che provvederà a fornire ogni dettaglio sulla consegna. Per qualsiasi ulteriore informazione, gli interessati potranno inviare una mail all’ufficio relazioni con il pubblico della questura di Verona urp.quest.vr@pecps.poliziadistato.it. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie