07 agosto 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Verona Virtuale

23.07.2020

Visita virtuale
Vajo Borago

Questo video non può essere visualizzato.
Non si è accettata la cookie policy.

GUARDA A TUTTO SCHERMO

Il vajo Borago è un piccolo canyon a nord di Avesa inciso nei calcari dell’Eocene medio-superiore (dai 41 ai 34 milioni di anni fa). Un ambiente ricco di biodiversità che è parte del Fondo Alto Borago, un territorio che si estende sino a Montecchio su oltre 38 ettari di terreno con boschi e prati aridi, muretti a secco e siepi che gli ambientalisti vorrebbero far diventare un parco aggiudicandosi l’asta giudiziaria che si terrà a fine ottobre 2020. Nello specifico, l’Alto Borago è costituito da 16 appezzamenti che ricadono nell’area Siti di interesse comunitario (ora Zone speciali di conservazione) Progno Borago e Vajo Galina. Il vajo è parte di questo singolare territorio e ripercorre il tratto iniziale del sentiero europeo E5, un tracciato tra «covoli» e ripari scavati nelle pareti a picco inserito in un paesaggio naturale tra i più belli della provincia. L’idea dell’associazione di promozione sociale «Il Carpino», che guida la cordata per raggiungere l’offerta necessaria, è di costituire una «proprietà collettiva» affidata ad un comitato scientifico che indicherà ai volontari del Fondo gli interventi necessari per la conservazione dei vari habitat e delle loro specie viventi. Nel vajo, come nella vallate circostanti, sono visibili fondali marini di epoche preistoriche dove è facile rinvenire resti di fossili. L’intera area Alto Borago si caratterizza per la presenza di numerose classificazioni ambientali: bosco ceduo, castagno frutteto, seminativo arboreo, prato, prato arboreo, incolto produttivo e altro. Nelle aree a bosco si ha una predominanza di orno-ostrieto, diffuso nelle Prealpi, con carpino bianco, faggio, roverella, tasso e nocciolo. Molte sono le specie animali che abitano questi luoghi: uccelli, mammiferi, rettili, insetti e farfalle. Restano anche alcuni prati che in passato ospitavano coltivazioni di cereali o erano dedicati al pascolo. Sono i prati aridi dove si incontrano alcune specie di orchidee selvatiche e tra queste l’Himantoglossum adriaticum, Pulsatilla montana e Peonia officinalis. 

 

IL POSTER

Marco Cerpelloni
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Visita virtuale
Vajo Borago
Visita virtuale
alla Melegatti
Christmas Run
Visita virtuale
alla XVII edizione
del Tocatì
Visita virtuale
alla chiesa di
San Rocchetto
Antichissima Fiera
delle Grazie
Visita a 360°
Parco Giardino
Sigurtà
Visita a 360°
Presepe pasquale
a San Fermo
Visita a 360°
Forte
Gisella
Visita a 360°
Tempio
di Giano
Visita a 360°
Melegatti
Christmas Run
Visita a 360°
Il sito archeologico
di Brentino Belluno
Visita a 360°
La montagna
spaccata
Visita a 360°
Valle delle Sfingi
Viaggio
a 360° gradi
Ponte di Veja
La visita
a 360°
Tulipanomania
2018 al Parco
Giardino Sigurtà
Bacanal del
Gnoco 2018
La visita a 360°
Incoronazione del
Dio de l’Oro, la
foto a 360°
Elezione di
Papà del Gnoco
Foto a 360°
Elezione di re
Teodorico. La
foto a 360°
Viaggio nel
presepe di
Quinzano
Visita virtuale
alla Xmas
Run 2017
Visita virtuale
ai banchetti
di Santa Lucia
Mostra
felina in Gran
Guardia
Fieracavalli
come non
l'avete mai vista
Tocatì, riguarda
giochi e piazze
nelle foto navigabili
Salotto eclettico,
un successo
a Villa Betteloni
Villa Betteloni,
salotto eclettico
di Verona
«Negrar d’Estate»
a Villa Albertini
di Arbizzano
San Fermo,
la nostra
visita virtuale
A villa Rizzardi
attraverso la nostra
visita virtuale
Rassegna teatrale
a Villa Scopoli:
visita a 360°
In via Leoncino
viene alla luce
una porta romana
Avesa, 20 giorni
di festa tra sport,
teatro e ballo
San Rocchetto
e la Pasquetta
La foto a 360° gradi
Vinitaly
da record
Verona
Antiquaria
Adigeo, la nostra
visita virtuale
con le foto sferiche
String art,
il laboratorio
di Silvia e Ilaria
Arte del Ricamo
aperto il museo
don Nicola Mazza
Carnevale, dopo 40 anni ritorna
l’incontro su Ponte Pietra
La befana
in piazza Bra
nella foto a 360°
Le tele rientrate
a Castelvecchio
nella foto a 360°
Verona Marathon
Rivedi lo scenario
nelle foto a 360°
51° Marmomacc
Visita la fiera
nelle foto a 360°
Il Tocatì in centro
Rivivi i giochi
nelle foto a 360°
Foto immersive
cosa sono
e come funzionano
Le foto navigabili
Siedi anche tu a cena
in piazza Erbe
Le foto navigabili
Visita virtuale
alla Val di Fassa
Le foto navigabili
Visita virtuale
a Ragusa Dalmata
Foto sferiche
e navigabili: "visita"
virtuale alla città