17 luglio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Verona Virtuale

13.02.2017

Carnevale, dopo 40 anni ritorna
l’incontro su Ponte Pietra

I volontari del Comitato  Carega Centro storico  con il nuovo carro
I volontari del Comitato Carega Centro storico con il nuovo carro

Guarda a tutto schermo

Carnevale, torna l’incontro su Ponte Pietra: si terrà il «luni pignatar» e a stringersi le mani saranno le maschere della riva sinistra dell’Adige con quelle del lato opposto.

Ad annunciare l’evento che è assente da una quarantina d’anni sono Alberto Recchia, presidente del Comitato carnevale benefico Carega-Centro storico «Cor de Verona», Giuliano Frazza, presidente del Comitato benefico Simeon de l’Isolo, e Giancarlo Adami che impersona la maschera Re Saltucchio di Porto San Pancrazio.

L’occasione sono gli ultimi ritocchi al carro carnevalesco di Re Teodorico, lo storico personaggio del rione Carega e la cui direzione artistica è stata affidata a Luigi Scattolin. Manca davvero poco e il gruppo di costruttori del Comitato sta stringendo i tempi in vista della sfilata del «venardì gnocolar», il prossimo 24 febbraio.

L’inaugurazione del nuovo carro stringe attorno a sé molti volontari e pure numerosi cittadini protagonisti di una iniziativa di raccolta fondi che si è tenuta lo scorso settembre nello storico rione a due passi da Piazza Erbe. Il bilancio della colletta è esposto nella sede del Comitato carnevalesco che ha luogo nei locali del ristorante osteria «A le Petarine». Entusiasmo e tanta voglia di rivivere la tradizione.

È questo anche il significato del rinnovato appuntamento su Ponte Pietra che «riprende i rapporti tra tutti i comitati cittadini», commenta Recchia. «Il nostro intento», continua, «è di rivivere nuovamente l’aspetto tradizionale e culturale del carnevale che da sempre ci ha contraddistinto».

La volontà è di avere un carnevale «pienamente vissuto tra leggende, miti ed usanze» e il suo programma, illustrato recentemente con una conferenza stampa, «era già stato presentato e protocollato in Comune ai primi di novembre dal Comitato carnevale di Verona», dice Recchia.

«Una dimostrazione che la volontà dei sei comitati storici (Ducato di Santo Stefano, Filippini, Carega-Centro storico, Porto San Pancrazio, Sanzeneto e Simeon de l’Isolo) non è di bloccare il carnevale, ma di farlo e portarlo avanti». «Forse», dice Recchia, «quanto sta accadendo al di fuori della manifestazione, e in modo parallelo, può pure “fare bene”, perché fa crescere la conoscenza dello stesso carnevale. Al di là delle liti, che ci possono essere, dobbiamo ricordarci della tradizione».

Se il 1531 è una data storica e da ricordare, essendo il tempo di Tommaso Da Vico indicato come istitutore del «Baccanale del Gnocco», ci sono anche tempi bui dove il carnevale non è stato organizzato. Ma anche anni, quelli del Podestà Giovanni Orti Manara, che rividero ai fasti di un tempo il Baccanale.

Le maschere, poi, e i loro cortei spesso «leggono» nella storia i loro volti e percorsi.

È il caso del Ballo in Maschera che si terrà martedì 28 febbraio in Piazza dei Signori e che trae la sua origine nel triplice giro a figura di chiocciola, in veronese noto con il nome «El bogon», che si animava nello stesso luogo. Era il 1700 e lo ricorda un’antica stampa. «Un altro momento legato alla tradizione con il fine di invitare le autorità a seguire il corteo sino a San Zeno. Se il ballo fosse fatto altrove andrebbe contro la storia», conclude Recchia.

Marco Cerpelloni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Parco Giardino
Sigurtà
Visita a 360°
Presepe pasquale
a San Fermo
Visita a 360°
Forte
Gisella
Visita a 360°
Tempio
di Giano
Visita a 360°
Melegatti
Christmas Run
Visita a 360°
Il sito archeologico
di Brentino Belluno
Visita a 360°
La montagna
spaccata
Visita a 360°
Valle delle Sfingi
Viaggio
a 360° gradi
Ponte di Veja
La visita
a 360°
Tulipanomania
2018 al Parco
Giardino Sigurtà
Bacanal del
Gnoco 2018
La visita a 360°
Incoronazione del
Dio de l’Oro, la
foto a 360°
Elezione di
Papà del Gnoco
Foto a 360°
Elezione di re
Teodorico. La
foto a 360°
Viaggio nel
presepe di
Quinzano
Visita virtuale
alla Xmas
Run 2017
Visita virtuale
ai banchetti
di Santa Lucia
Mostra
felina in Gran
Guardia
Fieracavalli
come non
l'avete mai vista
Tocatì, riguarda
giochi e piazze
nelle foto navigabili
Salotto eclettico,
un successo
a Villa Betteloni
Villa Betteloni,
salotto eclettico
di Verona
«Negrar d’Estate»
a Villa Albertini
di Arbizzano
San Fermo,
la nostra
visita virtuale
A villa Rizzardi
attraverso la nostra
visita virtuale
Rassegna teatrale
a Villa Scopoli:
visita a 360°
In via Leoncino
viene alla luce
una porta romana
Avesa, 20 giorni
di festa tra sport,
teatro e ballo
San Rocchetto
e la Pasquetta
La foto a 360° gradi
Vinitaly
da record
Verona
Antiquaria
Adigeo, la nostra
visita virtuale
con le foto sferiche
String art,
il laboratorio
di Silvia e Ilaria
Arte del Ricamo
aperto il museo
don Nicola Mazza
Carnevale, dopo 40 anni ritorna
l’incontro su Ponte Pietra
La befana
in piazza Bra
nella foto a 360°
Le tele rientrate
a Castelvecchio
nella foto a 360°
Verona Marathon
Rivedi lo scenario
nelle foto a 360°
51° Marmomacc
Visita la fiera
nelle foto a 360°
Il Tocatì in centro
Rivivi i giochi
nelle foto a 360°
Foto immersive
cosa sono
e come funzionano
Le foto navigabili
Siedi anche tu a cena
in piazza Erbe
Le foto navigabili
Visita virtuale
alla Val di Fassa
Le foto navigabili
Visita virtuale
a Ragusa Dalmata
Foto sferiche
e navigabili: "visita"
virtuale alla città