14 dicembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

28.10.2019

Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»

Amicizia al «Sagrest»: una grande occasione per stare insieme
Amicizia al «Sagrest»: una grande occasione per stare insieme

Don Damiano Frisoni è originario di Isola della Scala dove è nato nel 1980. Ordinato sacerdote nel 2006, la sua prima destinazione è stata Soave come vicario parrocchiale. Successivamente è stato spostato a Verona, a San Giuseppe fuori le mura. È a Spinimbecco e Carpi dal 2013. Come giudica i due paesi dal punto di vista economico e sociale? «Le due parrocchie vivono della generosità delle persone, tra alti e bassi. Rispetto ad anni fa c’è stato un piccolo calo demografico; ma credo sia normale. Le nostre due comunità sono, comunque, un’isola felice perché abbiamo una buona risposta. Gli abitanti di Spinimbecco sono 1.350, quelli di Carpi circa 1.200». Come si muovono le comunità parrocchiali? «Le iniziative sono tante, le comunità rispondono con la presenza anche se rilevo un calo di attenzione nei confronti della chiesa. Come accennavo, però, verifichiamo buone risposte sia nel percorso della catechesi che nelle iniziative estive come Grest e campi scuola; oppure nelle manifestazioni che dicono il vissuto del paese, cioè le sagre». Quanti partecipano in media alla messa della domenica? «Non mi preoccupo dei numeri perché sono convinto che la fede sia qualcosa di più grande ed io non sono il sacerdote che guarda alle percentuali. E il conteggio è anche difficile perché rispetto a 30-40 anni fa adesso c'è molta mobilità e la gente può frequentare dove ritiene più utile e comodo», spiega don Damiano che, pur senza avere la percentuale, si dice soddisfatto, anche con numeri in calo. E la catechesi? «Siamo in un periodo di cambiamento diocesano; quindi rientriamo in un percorso delle Unità pastorali e in questi ultimi anni si è cercato di rispettare le richieste della diocesi adattandole alla situazione locale. Quindi la catechesi dell'Iniziazione cristiana che ci è stata proposta dalla diocesi in quattro tempi abbiamo cercato di adeguarla al nostro vissuto incontrando i genitori e alcune altre iniziative. Le nostre comunità hanno fatto un grande passo avanti. Fino al 2009 Spinimbecco e Carpi avevano il loro parroco, i loro vissuti, i loro catechismi; dal 2009 al 2013 chi mi ha preceduto, con difficoltà e spesso con incomprensioni, ha gestito l'unificazione voluta dai superiori. Negli ultimi anni, passando sopra alle difficoltà, sono emerse la gioia e la serenità della collaborazione. Sono dell’idea che è meglio cercare ciò che ci unisce piuttosto che quel che ci divide. Gli stessi Circoli si sono unificati dando origine al Circolo Uno di Spinimbecco & Carpi, come pure il catechismo, il ritrovo degli adolescenti e altre iniziative». Unico è il Consiglio pastorale; due invece i Consigli economici. «Non siamo diventati un'unica parrocchia perché istituzionalmente sono rimaste due chiese con i rispettivi patroni, due sagre patronali e anche due cori. La vita liturgica l’abbiamo messa sullo stesso binario delle manifestazioni. In questi anni abbiamo inserito la messa della comunità una volta al mese a Spinimbecco o a Carpi, e la messa festiva alternata». Per quanto riguarda la catechesi, come siete organizzati? «I bambini sono una ventina per annata: alcune classi si ritrovano a Spinimbecco, altre a Carpi. E poi accogliamo anche bambini delle comunità vicine che ci scelgono per esigenze di tempo o per comodità. Questo rientra nella modalità delle Unità pastorali, il vescovo ci ha chiesto di unirci come parrocchie. «Abbiamo una buona risposta dal gruppo adolescenti e terza media con attività settimanali, non solo incontri ma anche altre proposte, e da quando sono qui ho cercato di invitare un personaggio magari noto, che potesse portare la propria testimonianza di fede prima di tutto agli adolescenti e ai giovani, ma anche ai bambini e alle famiglie: un messaggio positivo di vita e di fede. Ed è sempre stata una serata ben accolta. «Nelle nostre comunità», spiega don Damiano, «oltre al percorso della catechesi, ci sono tanti altri gruppi: formativo, di riflessione sul Vangelo, i volontari, i fabbricieri, i cori, i chierichetti, i due gruppi per la Sagra patronale». Durante l’estate quali proposte fate? «Organizziamo il Grest, che durca circa 4 settimane; negli ultimi tre anni abbiamo registrato un incremento notevole. Quest'anno abbiamo avuto 250 presenze tra giovani, animatori e mamme che collaborano. Tutto finisce sempre con la messa e una cena, con la rispettabile cifra di 450 partecipanti più i volontari che lavorano in cucina e al servizio. Il Grest è il pezzo forte dell’estate, con il campo scuola, che può rivolgersi ai bambini di elementari o medie o ad entrambi. In montagna nei primi anni e in seguito al mare». A Spinimbecco c’è anche il «Sagrest», cioè il Grest prima della sagra, un’alternanza tra gioco e attività che offre ai ragazzi anche il tempo per fare i compiti. E poi in estate abbiamo organizzato le serate al Parco o al Circolo Noi per invitare le persone ad incontrarsi». Cosa significa la presenza del Circolo Noi? «Vuol dire partecipazione attiva dei laici. È vero che la comunità ha il suo riferimento nel parroco; però anche lui ha bisogno di una collaborazione. La presenza del Noi pertanto è una ricchezza, c’è condivisione di pensiero. Non è un circolo estivo ma parrocchiale, con il filo conduttore dei valori cristiani. Dà vita alla comunità coinvolgendo i piccoli d’inverno e i grandi d’estate». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie