18 luglio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

10.12.2018

«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»

Una partita del torneo notturno di calcioIl falò della Befana, una tradizione sopravvissuta a FagnanoLa preparazione degli aquiloni per la festa dei bambiniAlcune coppie impegnate nel torneo di calciobalilla
Una partita del torneo notturno di calcioIl falò della Befana, una tradizione sopravvissuta a FagnanoLa preparazione degli aquiloni per la festa dei bambiniAlcune coppie impegnate nel torneo di calciobalilla

La parrocchia di Fagnano è inserita nell’Unità Pastorale che comprende le parrocchie di Santa Maria Maddalena di Trevenzuolo e di San Zeno Vescovo di Roncolevà. Dal 2014 è retta dal parroco don Alberto Antonioli, originario di Castagnaro. Ordinato sacerdote nel 1980, ha vissuto le sue esperienze pastorali a Isola della Scala (1980-83), a San Francesco all’Arsenale (1983-95) ed a Pastrengo dal 1995 al 2014, quando fu trasferito a Trevenzuolo. «La realtà sociale di Fagnano», spiega don Alberto, «pur essendo una modesta realtà demografica di 543 abitanti, e di questi un numero considerevole è costituito da extracomunitari, è abbastanza complessa. Pochi abitanti, poco più di un borgo, poche le nascite, scomparse le botteghe e l’ultimo bar, dove si poteva gustare un caffè in compagnia e scambiarsi quattro chiacchiere è stato chiuso due anni fa. In questo contesto il Circolo Noi “Angiolo Polettini” è l’unico punto di ritrovo per anziani e per quelle famiglie che hanno bambini e ragazzi che hanno ancora la gioia di ritrovarsi insieme per festeggiare compleanni e ricorrenze particolari. Dal punto di vista economico qual è l’attività prevalente? «A vista una distesa di serre dove si coltivano frutta, verdure e ortaggi e floricoltura. Il resto della campagna è coltivato prevalentemente per fornire materia prima per il biogas». Dal punto di vista pastorale come vede questa piccola comunità? «È una famiglia molto, molto unita e tanto legata alle tradizioni. Forte è la manifestazione del Carnevale di cui i fagnanesi sono estremamente orgogliosi e viva è la sensibilità di curare una Sagra che non sia soltanto un’espressione laica ma che resti quello che il termine già di per sé esprime: Sagra. Un ritrovarsi nella preghiera, dandosi il tempo di riflettere sui valori che ci tengono uniti, dove Santa Maria che ne è la patrona di cui si festeggia il suo “Santo Nome” ti aiuta a ricordare i valori a cui ispirarci. Per questo la Sagra qui è legata ancora a un triduo di preghiera e di riflessione senza disdegnare poi l’impegno per fare la festa con tutte le espressioni che si convengono a una vera Festa paesana, realizzata con la collaborazione di un’infinità di volontari coordinati proprio dal direttivo del Noi». E la partecipazione alle funzioni sacre? «Considerando il numero degli abitanti ed escluso chi è legato ad altre fedi, pur apparendo esiguo il numero dei fedeli che frequentano la chiesa, direi che la partecipazione tocca il 20% della popolazione. Sono numeri che fanno riflettere sulla distribuzione delle messe all’interno dell'Unità Pastorale, dove ormai la partecipazione è trasversale e la gente si muove in base agli orari più confacenti alle loro necessità. Con uno sguardo in avanti, si arriverà a celebrare meno messe per vivere meglio la messa». Le problematiche del Circolo? «Penso siano quelle di tutte le associazioni: il calo delle adesioni, anche se qui più della metà degli abitanti sono iscritti. La disparità di interessi fra i due poli che abitano il Circolo: anziani, bambini e giovani hanno interessi ed esigenze così diverse che si fa fatica a conciliare. Gli uni vogliono la calma per giocare a briscola o a bocce; gli altri amano musica, giochi, saltare e ballare in un clima di maggior festa e confusione. Da qui il delicato compito di promuovere calendari e attività che coinvolgano, in un continuo dialogo, le parti interessate per arrivare ad armonizzare le proposte». Qual è l’organizzazione della catechesi nell’Unità pastorale? «Di questo abbiamo avuto modo di parlarne negli articoli sui Circoli Noi di Trevenzuolo e Roncolevà: la catechesi è centralizzata a Trevenzuolo per non disperdere forze e rendere il servizio il più funzionale possibile. Invece per quanto riguarda le celebrazioni eucaristiche e le feste, tutto viene equamente distribuito». Cosa può dire ancora del Circolo? «Un super grazie a chi crede in questa realtà associativa che è il Noi “Angiolo Polettini”. Grazie ai componenti del direttivo la cui opera permette di far vivere il Circolo, di dare al paese un ambiente sano, dignitoso, sempre aperto e disponibile seppure il tempo sia sempre risicato, le serate sono sempre tutte occupate, e il tempo è sempre ridotto ai minimi termini. Chi lavora poi è sempre esposto... ma al di là delle fatiche si crede al valore e si lotta con ostinazione per tenerlo vivo ed efficiente. Per questo amo, stimo e favorisco l’impegno degli operatori del direttivo e di tutti i volontari che stanno dando molto, e in vista delle ormai prossime elezioni invito tutti a farsi avanti con generosità per rinforzare e rinnovare un servizio che fa vivere e dà tono alla comunità e ci aiuta a realizzare il sogno di Gesù, e cioè diventare tutti una famiglia». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto