20 giugno 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

10.09.2018

«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»

Una delle vincitrici alla pesca di beneficenza
Una delle vincitrici alla pesca di beneficenza

Don Ulisse Mantovani, originario di Roncolevà, è stato ordinato nel 1985. Inviato a Isola della Scala, è rimasto per cinque anni come curato; poi quattro anni a Domegliara. Quindi per undici anni è stato parroco a Terrazzo. A Sanguinetto guida la parrocchia da tredici anni. Don Ulisse nutre nei confronti del paese e della parrocchia un sentimento di particolare affetto, come di un padre nei confronti della sua famiglia e definisce Sanguinetto «un paese tranquillo e buono» per l’impegno e la partecipazione alle attività proposte. Dal punto di vista economico è passato da un’economia agricola al terziario e ciò porta molti abitanti a svolgere attività anche fuori dal paese. Nel Comune sono residenti circa 200 persone provenienti da altre nazionalità. «C’è anche una comunità di immigrati, richiedenti asilo che, inizialmente, ha creato alcune paure tra la popolazione. Attualmente la situazione sembra tranquilla. Alcuni di loro, dal momento che provengono da paesi cattolici, frequentano la messa. Tuttavia l’integrazione è un cammino difficile e parte del paese sta a guardare. Cerchiamo di lavorare per arrivare a conoscersi. Abbiamo fatto un incontro con il Noi e l’assistente sociale che segue questo gruppo di 50 persone per vedere se è possibile realizzare iniziative insieme alla Pro loco e anche al volontariato». Se a don Ulisse si chiede un’impressione della religiosità della sua comunità risponde che è un po’ tradizionale; però ribadisce, con una certa soddisfazione, che dei circa 3.800 abitanti della parrocchia, coloro che frequentano i sacramenti e l’Eucarestia si aggirano intorno al 20 per cento. Che è una percentuale alta rispetto alla media di tante altre parrocchie. Per quanto concerne la catechesi e l’annuncio del Vangelo, don Ulisse spiega che dalla scuola primaria fino al terzo anno della scuola secondaria di primo grado, le attività sono regolari e sono frequentate sia dai ragazzi che dalle famiglie, raccogliendo circa 150 ragazzi. «Finché c’è disponibilità di catechiste andiamo avanti così. Risentiamo anche noi, però, del problema del “secolarismo”», continua, «per cui, nell’anno successivo alla cresima, nel gruppo degli adolescenti si notano delle defezioni. Non certo causate da avversità o contrarietà alla chiesa. Sono bravi ragazzi che intendono fare altre esperienze anche perché oggi sono attratti da tante cose e sono loro offerte moltissime possibilità. «Il gruppo adolescenti sta vivendo alterne vicende, tuttavia si sta tentando di coinvolgere animatori per gestire questa attività anche a livello di vicariato e nella prospettiva della costruenda Unità pastorale. Tuttavia il gruppo dei nostri adolescenti si incontra tutti i venerdì sera al Circolo Noi». Quali sono le attività estive portate avanti dalla parrocchia? «Finita la scuola c’è l’attività del Grest per i bambini della scuola primaria e quelli della secondaria di primo grado che abbiamo fatto anche quest’anno. Hanno partecipato una cinquantina di ragazzi. Bisogna tener presente che in paese esistono già altre offerte da parte di altre organizzazioni che vanno in contro alle esigenze delle famiglie, alle quali prendono parte parecchi ragazzi. Con Concamarise, Bionde, Engazzà e Salizzole, all’interno dell’Unità Pastorale, il creativo don Massimiliano, responsabile dell’Unità, ha organizzato dei campi estivi ai quali hanno partecipato i bambini e i preadolescenti. Per gli adolescenti, invece, pur proponendo specifiche esperienze, hanno preferito trasferirsi nelle altre parrocchie, dove avevano amici». La presenza del Circolo Noi cosa significa per la parrocchia di Sanguinetto? «Da quando è sorto», sottolinea il parroco, «il Centro è sempre stato una realtà importante e ha dato opportunità di incontro e di aggregazione. È un punto di riferimento per le famiglie. È importante perché si cerca di creare un ambiente famigliare del quale i genitori possano fidarsi. Occorrerebbe maggiore collaborazione da parte delle famiglie per portare sempre nuova creatività ed entusiasmo cosi da rendere affascinante ciò che da sempre è fondamentale il saper condividere, via della formazione». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar