18 luglio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

15.10.2018

Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti

Un gruppo di ragazzi durante una delle tante attività del Grest estivo
Un gruppo di ragazzi durante una delle tante attività del Grest estivo

Il Circolo Noi Tomba Extra, nel cuore di Borgo Roma, ha una lunga storia, come molti altri Circoli veronesi. Infatti, dall’iscrizione all’Anspi negli anni ’70-’80 è passato, nel 2002, all’Associazione Noi. Nuova vita, nuova impostazione di lavoro. Ma la svolta che ha inciso profondamente sulla vita del Circolo è avvenuta nel 2008 quando, dopo un’approfondita analisi dello Statuto e delle sue finalità, un gruppo di genitori e collaboratori appassionati della funzione del Circolo ha elaborato un «Progetto Educativo Ragazzi» (X Noi). Ed è cominciata un’altra storia. Il presidente del Circolo Noi è il sessantenne Gianni Gatti, che si tiene subito a precisare: «Ci interessa relativamente fare l’elenco delle attività che programmiamo; desideriamo, invece, far conoscere qual è lo spirito che anima il nostro Circolo. Abbiamo un nostro stile, che si è costruito nel tempo e che ci ha permesso di essere conosciuti all’interno della comunità, con la quale siamo un tutt’uno. Innanzitutto noi siamo una parte integrante e attiva della parrocchia», sottolinea Gatti. «La nostra prima caratteristica, perciò, è muoverci secondo i valori della fede e lo spirito del Vangelo. Ed è per questo che ci sentiamo parte attiva della parrocchia. Un altro aspetto non secondario: coloro che vengono da noi vengono per passione e non per perdere qualche ora o perché non sanno cosa fare. Per creare un Circolo riconosciuto e attrattivo all’interno di un quartiere o di una comunità servono dei volontari quasi professionisti, volontari che si preparano, che si formano, che sanno quello che devono fare, che sanno riconoscere quali sono i bisogni e le richieste della comunità e riescono a trasformare queste conoscenze in attività». Sottolinea il presidente: «Per noi è stato fondamentale non stancarci mai di formarci: la formazione è stata uno dei punti fondamentali della nostra associazione. Il segreto è stato quello di sentirci sempre impreparati nel senso che le cose non si possono più fare a caso: dietro ci deve essere sempre un progetto. Devi stabilire dove vuoi arrivare e cosa devi fare per arrivarci». Un’altra cosa importantissima, precisa Gatti, è stata la capacità di mettersi in rete con tutte le altre realtà del quartiere: «Qui da noi, in periferia, i problemi sono moltissimi e si ingrandiscono e se non riesci a metterti in rete con le altre realtà che lavorano nel sociale puoi fare poco e resti isolato. Questo ci ha permesso di fare il salto di qualità: la capacità di farci conoscere e farci riconoscere all’interno del quartiere. «Infatti noi collaboriamo con le Acli, collaboriamo con l’associazione Alzheimer, collaboriamo con la Ronda della carità, con l'Asl», ricorda il presidente del Noi. «Abbiamo ottime relazioni con il Comune, con la Circoscrizione e con tutti gli Enti pubblici. Il nostro riconoscimento nasce dal fatto che lavoriamo molto e rendiamo partecipi anche loro in quello che facciamo. Questo è il nostro stile di portare avanti il Circolo». Aggiunge Gatti: «Naturalmente cerchiamo di lasciare il maggior spazio possibile ai giovani. Quando abbiamo iniziato il progetto, che si chiama X Noi (Progetto Educativo Ragazzi), questo era il nostro intento: partire dai ragazzini per arrivare un giorno a coinvolgerli nella gestione del Circolo. Questo traguardo l’abbiamo raggiunto ed ora le attività estive sono coordinate da giovani, membri del direttivo, e il “Posto” è pure gestito da loro, con il nostro supporto». Nel tempo i volontari del Noi sono riusciti a sistemare i vari locali, il «X Noi», il cortile, il bar con il salone e la grande sala musica: «Abbiamo avuto un occhio di riguardo in queste operazioni, però prima vengono sempre il progetto e le persone, per non correre il rischio di avere bellissimi ambienti che non servono a niente. Poi ci sono le tante attività. Ma noi preferiamo che si conosca lo stile del nostro Circolo più che le attività». E con questo stile quanti iscritti siete riusciti a conquistare? «Sono circa 800, dei quali la metà è costituita da adulti. Gli altri sono ragazzi, adolescenti e giovani», conclude Gatti. •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto