15 novembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

05.11.2018

Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù

Don Michele De Rossi
Don Michele De Rossi

Don Michele De Rossi è originario di Verona, dove è nato nel 1977. Ordinato sacerdote nel 2013, ha svolto il suo primo ministero sacerdotale nell’Unità pastorale di Ronco, poi a Sant’Ambrogio, tre anni a San Giovanni Lupatoto nelle parrocchie del Buon Pastore e di San Giovanni Battista. Da un anno guida le parrocchie di Menà e Villa d’Adige, verso la costituenda Unità pastorale tra le Valli, con Villa Bartolomea, Carpi, Spinimbecco e Castagnaro. «Villa d'Adige è una frazione di Badia Polesine, della diocesi di Verona e della provincia di Rovigo; Menà è frazione di Castagnaro», spiega. «Villa d’Adige è una comunità piccola e festosa; la gente si ritrova spessissimo sia nelle case che in parrocchia, manifestando il desiderio di stare insieme. Ha avuto personalità importanti, pittori e scultori e ha sofferto per le migrazioni in Sudamerica. Ma qui sono state anche create, negli anni ’70, le prime “biciclette pazze” utilizzate nelle sfilate di Carnevale. La creatività e la goliardia sono le caratteristiche dei due paesi. Attualmente resta il grande pittore Andrea Crivellente, in arte Baloca». La popolazione ha sempre vissuto d’agricoltura ma la trasformazione tecnologica nelle campagne ha costretto la gente a cercarsi un lavoro lontano da casa. «Anche la gioventù è in fuga», ricorda il parroco, «negli ultimi vent’anni tanti se ne sono andati, in cerca di lavoro e per altri motivi. Perciò il paese è in velocissimo invecchiamento». Anche a Menà c’è stato un grande spopolamento: «Molti si spostano a Villa Bartolomea, a Legnago o addirittura a Verona, nonostante la presenza di varie industrie del legno e le attività di movimentazione terra. L’agricoltura non attira più...». Dal punto di vista pastorale che giudizio dà delle comunità? «Sono parrocchie vivaci, ma risentono dei tempi: la gioventù non esce più di casa, le famiglie sono rinchiuse non solo nel senso relazionale. Le relazioni ferite provocano chiusura e diffidenza, speriamo nell’educazione delle famiglie, unica alternativa per l’apertura al mondo. Ora le piazze sono degli stranieri, non sono più frequentate dai ragazzi locali». Don Michele sta tentando una serie di iniziative: ad esempio il «Sabato In» con le famiglie «creando un momento di conoscenza e condivisione. Le nuove famiglie arrivate in paese manifestano desiderio di stare insieme. Per me solo l’insegnamento intra familiare può rendere aperto il paese alla fiducia, per una rinascita di queste comunità». Quanti sono i praticanti? «Orientativamente siamo sui 200-300 persone. Alcuni, però, frequentano altre chiese come i devoti di Lendinara. Avendo molte “ferite relazionali”, molti si allontanano e creano diffidenza: quando uno non è in pace con se stesso e non è in pace con il fratello che gli è vicino, non è in pace con nessuno, neanche con Dio. E quindi ci si richiude in piccole tane che, a lungo andare, diventano asfittiche». Come svolgete la catechesi? «Siamo in una fase un po’ delicata nel senso che stiamo mettendo in opera l’Unità pastorale con Villa Bartolomea, Carpi, Spinimbecco, Castagnaro. Sono qui da un anno e non ho fatto grandi spostamenti, se non logistici della catechesi. Sviluppiamo quanto è già avviato, ma nello stesso tempo, cerchiamo di dare dei fondamenti abbastanza solidi». Quanti sono i ragazzi del catechismo? «Demograficamente c’è stato un crollo delle nascite: mediamente, tra Menà e Villa d’Adige, abbiamo una decina di ragazzi per annata di catechismo. Quello per le elementari si fa il sabato pomeriggio, un’oretta e mezza: per le medie si fa sempre il sabato, ma i ragazzi di terza si incontrano il venerdì pomeriggio. Stiamo sfruttando i due ambienti cercando di caratterizzarli: a Villa d’Adige si trovano i ragazzi delle elementari, a Menà quelli delle medie. La prima Confessione si fa in terza elementare, la prima Comunione è in quarta, la Cresima in terza media. Ma ci sono difformità: su sei parrocchie abbiamo quattro modelli catechistici diversi». Non ci sono solo i ragazzi. Per i giovani e gli adulti cosa avete messo in atto? «Durante l’anno per gli adolescenti facciamo il percorso ordinario di formazione e proposte con cene, uscite, biciclettate, pizzate e attività aggregative. Da quest’anno abbiamo iniziato da abbinare alle catechiste gli adolescenti disponibili. Questo vale per Villa d’Adige e Menà. Per i giovani e gli adulti proponiamo il percorso delle “Dieci parole”, che si tiene in tante parrocchie e in 60 diocesi d’Italia. Offriamo anche il percorso della “Riconciliazione del cuore” per vivere con se stessi, con gli altri e con Dio. E poi abbiamo la “Scuola di preghiera” portata avanti da persone sposate che condividono un percorso già strutturato». Durante l’estate organizzate qualche iniziativa? «Noi abbiamo la tradizione dei bellissimi Grest nelle due comunità. Poi ci sono le sagre che tengono legate le comunità. Dieci giorni dopo la fine della scuola c’è il Grest a Menà; dura tre settimane, solo al pomeriggio. Segue poi la Sagra di Villa d’Adige (San Costanzo) e continua con la Sagra di Menà (Sant’Anna). L’estate si chiude con il Grest di Villa d’Adige, che raduna i ragazzi prima dell’inizio della scuola ed è trampolino per il catechismo. Al Grest gli animatori sono i nostri adolescenti». Qual è la sua opinione sulla presenza del Circolo Noi nelle parrocchie? «È fondamentale per l’organizzazione e il coordinamento delle attività ludiche e ricreative nei due paesi. Mentre una volta era il prete che doveva organizzare, fare le riunioni, badare ai gruppi, adesso i Circoli Noi sono chiamati, per la loro stessa vocazione, a coordinare queste attività. Ed è fondamentale anche nella prospettiva dell’Unità pastorale: quando il sacerdote non risiederà più nella parrocchia, se non sarà il Circolo Noi a coordinare le riunioni e le attività, chi si sobbarcherà questi impegni?». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»