05 dicembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

13.01.2019

Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi

I partecipanti alla «Notte degli Oscar» che si svolge il 31 ottobre al posto della commerciale notte di Halloween
I partecipanti alla «Notte degli Oscar» che si svolge il 31 ottobre al posto della commerciale notte di Halloween

Ne ha fatta di strada l’idea di monsignor Davide de Massari, parroco a Legnago dal 1880 al 1925, che negli anni ’20 fece costruire la chiesetta della Disciplina (poi ribattezzata dell’Assunta) in corso della Vittoria e, successivamente, adiacente alla chiesa ma sull’attuale viale dei Caduti, diede vita al Ricreatorio parrocchiale Salus. Era composto da una sala da ricreazione, una sala giochi con il bar, un campetto di calcio e un teatro per oltre duecento persone. Negli anni ’30 e ’40 il Salus ospitò un ginnasio collegato ad un piccolo seminario. Nell’ultimo scorcio della seconda guerra mondiale fu bombardato e gravemente danneggiato; ma per volontà del parroco don Guglielmo Ederle fu ricostruito. Per altri vent’anni continuò ad essere punto di riferimento della gioventù di Legnago con tutti i suoi giochi, i tridui di San Luigi e i trionfi delle squadre di pallavolo, basket e calcio. Nel 1965 il glorioso Salus cessò di vivere e fu inaugurato il nuovo complesso del Centro giovanile Salus dove si trova attualmente. Parroco in quel periodo era don Tullio Turco. La nuova sede comprendeva un teatro-cinema da 450 posti a sedere, una palestra con campi di basket e pallavolo, una sala conferenze, una palestra per danza classica, una sala musica insonorizzata, quattro aule per il catechismo, una sala giochi con biliardo e calciobalilla, tavoli da ping pong, una sala ritrovo-studio, il bar con relativi tavoli e tv. Successivamente don Giuseppe Zenti, parroco a Legnago dal 1997 al 2002 e attuale vescovo di Verona, fece costruire una cucina attrezzata, un forno a legna per pizze e un refettorio per i ragazzi. Negli anni successivi le varie strutture furono riqualificate e sono tuttora funzionanti. Un percorso quasi secolare, quindi, come sottolinea l’attuale vicepresidente del Circolo «Centro giovanile Salus» di Legnago, Claudio Belluzzo. «Il nostro Centro giovanile Salus (Salus è stato il primo nome che gli fu attribuito) ha quasi cento anni, essendo stato costituito negli anni ’20 del secolo scorso. È passato attraverso tante vicissitudini, incluso il bombardamento, dopo il quale è stato ricostruito nello stesso luogo. La sede attuale, invece, è stata costruita ex novo nel 1965. Ha aderito, negli anni ’80, all’Anspi e, dopo un periodo di chiusura per adeguamenti alle norme sulla sicurezza, è ripartito alla grande associandosi al Noi. Anzi, è stato il primo Circolo della diocesi ad aderirvi. Infatti il codice del Salus è VR001». Negli anni scorsi il «Salus» è sempre stato il fulcro delle attività formative e associative parrocchiali. «E noi continuiamo sulla scia dei nostri predecessori. Abbiamo rinnovato il direttivo l’anno scorso e vi sono entrati 14 consiglieri. Presidente è il parroco don Diego Righetti, consigliere spirituale è don Samuele Zanchi, il curato. «L’organizzazione del nostro Circolo è un po’ complessa e per questo, al suo interno, abbiamo creato delle commissioni che curano tutte le attività. Ciascuna ha una certa indipendenza di programmazione e gestione, anche se in stretta collaborazione con il presidente e il direttivo». Conclude Belluzzo: «Le attività che abbiamo svolto e che vorremmo lanciare necessitano sempre più di volontari giovani che si diano da fare e garantiscano una continuità per aumentare le iniziative che vorremmo proporre nel sociale e per tutta la comunità». Il segretario del «Noi», Gian Luigi Meneghello, 62 anni, ha vissuto questo primo scorcio degli anni Duemila del Circolo. «Da sedici anni lavoro nel direttivo del Salus. Noi siamo arrivati al Centro su invito di don Piergiorgio Belloni e, da quei pochi giorni di lavoro al mese che ci aveva prospettato, il nostro è diventato un lavoro quasi a tempo pieno. Infatti, molti sono gli impegni che ci siamo accollati e la gestione di un Circolo grande come il nostro richiede una costante presenza. Per questo Alessandra Zambelli, da poco entrata nel direttivo, mi aiuta anche nel seguire il tesseramento». «Sto imparando a conoscere un po’ la realtà del Circolo», sottolinea Alessandra. «Mi sono affiancata a Gian Luigi per quanto riguarda il tesseramento. L’anno scorso abbiamo avuto circa 900 iscritti, di cui 500 adulti e il resto è costituito da ragazzi. Abbiamo avviato il tesseramento 2019 in occasione del falò della Befana. Cerchiamo di attirare tanti ragazzini che possano far crescere e continuare, in seguito, la nostra opera. Inoltre, seguo i bandi per riuscire ad avere dal ministero dei Beni culturali e da altri enti i finanziamenti che ci servono per la ristrutturazione della sala e per apportare qualche miglioria alle sale, al bar e ai bagni». Maurizio Berlini è il tesoriere del Salus. «Faccio volontariato dal 2008. Il Salus si autogestisce e riusciamo quasi sempre a non andare in perdita, però facciamo molte economie. Inoltre, nel periodo invernale, devo organizzare il riscaldamento. Con altri due ragazzi organizzo e programmo, ogni settimana, la distribuzione del riscaldamento in base alle esigenze e alle richieste. L’impianto è un po’ demodé e purtroppo dovremmo metterci le mani; però servono molti soldi che noi, puntualmente, non abbiamo». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie