15 novembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

19.05.2019

Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»

La preoccupazione educativa e formativa verso i bambini, i ragazzi e gli adolescenti è sempre stata presente nei parroci e curati che hanno svolto il loro ministero sacerdotale nella parrocchia di Santa Maria Annunziata. E per rendere più agevole la missione, nel corso degli ultimi 50 anni, sono state costruite nelle vicinanze della chiesa alcune strutture finalizzate all’accoglienza della gioventù. Non solo catechesi, ma anche attività sportiva e momenti di incontro. Già nel 1978, nel 25° anniversario dell’ordinazione sacerdotale di don Orso e don Antonio Righetti, nel volumetto stampato per l’occasione si elencavano alcune opere: «Sala parrocchiale (circa 60 posti a sedere), sala per proiezioni cinematografiche (circa 110 posti). Campo sportivo per gioco del calcio; docce e spogliatoi. Campo per pallavolo (nell’area retrostante la canonica. Locali incorporati nell’edificio della chiesa, adibiti... ad aule per incontri catechistici». Nel 1983, con don Righetti, fu inaugurato anche il Circolo Anspi per raccogliere in un unico «ente riconosciuto» tutte le attività oratoriane e giovanili, educative, associative e sportive. Nel 2002 il Circolo, con il numero di adesione VR027, si associava al Noi Verona. L’attuale presidente è Maurizio Poggi, un padre di famiglia di 57 anni, impiegato. A lui dobbiamo l’illustrazione dell’attività del Circolo, il racconto degli impegni e delle prospettive future. «Sono nel Noi da 12 anni. Sono entrato dapprima come segretario e, successivamente, sono stato eletto presidente. Qualcuno si chiederà se sia difficile gestire il Circolo. La risposta è: sì e no. Nel mio caso sono facilitato dal gruppo di persone che fanno parte dell’associazione, con le quali condivido con entusiasmo le attività e gli impegni da svolgere». Secondo Poggi, «il Circolo dovrebbe essere il punto di ritrovo delle famiglie. Da genitore ricordo che ho iniziato a vivere il Circolo con i miei figli piccoli; ci si trovava tutti assieme con molte famiglie al Centro parrocchiale ed era una cosa molto bella. «Le domeniche erano organizzate per condividere le attività con i ragazzi e tra genitori. Negli anni non abbiamo più avuto la possibilità di continuare, ma spero che sia possibile un ritorno a queste esperienze di convivialità». In questo periodo, continua Maurizio, «molte delle attività che organizzava il Circolo sono state assorbite e portate avanti dal Comune. Il Noi è sempre presente perché il municipio ci chiede di partecipare. «Noi rimaniamo dietro le quinte», aggiunge il responsabile del Circolo, «ma forniamo il supporto organizzativo. Cerchiamo di facilitare sempre il rapporto tra persone e per questo il nostro bar è quotidianamente punto di riferimento per coloro che vivono le strutture parrocchiali». È aperto dalle 14 fino alle 17-18, «con un bel gruppo di anziani che vengono a giocare a carte e a scambiare quattro chiacchiere», ricorda Maurizio Poggi, «e dai ragazzi e genitori che frequentano la parrocchia; attualmente abbiamo anche una volontaria che si è resa disponibile a tenerlo aperto fino alle 22». A proposito della collaborazione e condivisione con l’Amministrazione comunale il presidente Poggi ci tiene a ricordare «la Biciclettata in programma domenica 26 maggio, organizzata da tutti i Circoli Noi delle frazioni comunali. È uno dei momenti belli, in cui riusciamo a trovarci tra circoli e collaborare con un fine comune. Noi ci occupiamo del percorso e dell’organizzazione di quelle che sono le attività mattutine, il Circolo Noi Casa Mia si prende in carico la ristorazione, creando una cucina da campo nel Parco le Risorgive, dove tutti i partecipanti alla manifestazione possono mangiare una gustosa pastasciutta; ed il Circolo San Gaetano fornisce i tavoli e le persone che aiutano nel corso della giornata. Questo è il quarto anno che organizziamo la biciclettata. Aderiscono circa 250 partecipanti». C’è poi il bar del Circolo: «Qui una attività che stiamo portando avanti ormai da sette anni è quella degli «Aperitivi tra Noi». La domenica mattina, dopo la messa delle 10.30, prepariamo e offriamo a tutti coloro che lo desiderano un aperitivo. Si tratta di un bellissimo momento per continuare, dopo la messa, gli scambi di opinioni. Siamo strutturati in sette gruppi, che ruotano nel corso dell’anno: creiamo un calendario di questa attività e poi le persone di riferimento sanno dove trovare quanto serve per organizzare l’aperitivo». Da quest’anno il Circolo Noi organizzerà e gestirà la Sagra parrocchiale. «É grosso l’impegno che ci aspetta», ricorda Poggi, «ma lo facciamo nella convinzione che le persone hanno bisogno di stare assieme e condividere momenti di serenità. Perciò dal 7 al 10 giugno sarà grande festa. Tutte le sere partiremo con il truccabimbi e la baby dance. Venerdì 7 giugno partiremo con Rockabilly, mentre il sabato, la domenica e il lunedì avremo tre serate di liscio come da tradizione. I giovani apriranno un loro gazebo all’interno del campo di calcetto e qui potranno autogestire le proprie serate». Un altro appuntamento molto sentito è organizzato dai ragazzi nel corso del mese di luglio, il torneo di calcio «Memorial Enrico Ciao Bomber», in ricordo di un loro coetaneo, morto alcuni anni fa, «che era il bomber della squadra giovanile di calcio. «Abbiamo anche un bel gruppo di signore che organizza dei momenti conviviali per gli anziani con pranzi e cene sempre molto frequentate: si arriva ad un centinaio di partecipanti. Ricordo un altro momento aggregativo importante», conclude il presidente, «anch’esso in collaborazione con altre associazioni: il gruppo dell’Alzheimer. I partecipanti si ritrovano per fare musica e poesia. E ogni settimana, al circolo Noi, c’è la psicologa di sostegno che insegna come mantenere le capacità cognitive». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»