18 luglio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

19.02.2018

«Noi di Sangio»,
la vera gioia
è condividere

Il gruppo lupatotino al lago di Resia, prima della partenza per la biciclettata sulla pista ciclabile che arriva a MeranoGli amici del Circolo Noi a San Zeno di Montagna dopo la raccolta delle castagneIl corso «Tu sei il sogno di Dio» ad Assisi è stato un’occasione di aggregazione per i ragazzi del Circolo lupatotino
Il bel gruppo degli adolescenti del Circolo «Noi di Sangio» al meeting «Ricomincia da»I giovani del «Noi di Sangio» al campo invernale al PalaghiaccioIl vicepresidente Claudio Vantini e il segretario Eugenio Di Donne
Il gruppo lupatotino al lago di Resia, prima della partenza per la biciclettata sulla pista ciclabile che arriva a MeranoGli amici del Circolo Noi a San Zeno di Montagna dopo la raccolta delle castagneIl corso «Tu sei il sogno di Dio» ad Assisi è stato un’occasione di aggregazione per i ragazzi del Circolo lupatotino Il bel gruppo degli adolescenti del Circolo «Noi di Sangio» al meeting «Ricomincia da»I giovani del «Noi di Sangio» al campo invernale al PalaghiaccioIl vicepresidente Claudio Vantini e il segretario Eugenio Di Donne

Gian Battista Muzzi A fianco dell’imponente chiesa parrocchiale di San Giovanni si trovano la canonica, la palazzina delle aule di catechismo e l’ingresso del Circolo Noi: un aggregato delle strutture parrocchiali che servono per realizzare la missione evangelica nei suoi vari aspetti e l’aggregazione durante il tempo libero. A questo secondo momento è, soprattutto, finalizzato il Circolo Noi. Nella misura in cui il «Noi», collocandosi all’interno di quell’importante momento di vita che è il tempo libero, si pone all’interno e al servizio della pastorale parrocchiale, è chiaro che assume tutte le dimensioni cristiane della vita e si mette al servizio della loro crescita. Promuovere il tempo libero sembra non avere immediate connotazioni pastorali; in realtà si muove in tempi e spazi che possono trasformarsi in momenti di avvicinamento, di contatto e di testimonianza anche per tanti estranei, di momenti irrinunciabili per qualsiasi realtà parrocchiale, consapevole che anche attraverso la gestione del tempo libero si promuove una migliore qualità della vita. Questa tensione e queste finalità sono concentrate nella frase scritta sul bancone del bar all’interno del Circolo, ben visibile per chiunque entri: «Noi... per condividere». Condividere la gioia di stare insieme, di fare comunità, di giocare insieme, di godere momenti culturali privilegiati e mettersi al servizio degli altri. Questo è, in sintesi, lo spirito che unifica le iniziative che il direttivo del Circolo propone ai suoi associati. «La sede del Circolo», spiega il vicepresidente Claudio Vantini, «non è molto ampia; consiste nella sala del bar ed in un’altra sala nella quale si trovano il biliardo e altri giochi. Il servizio bar è aperto al mercoledì sera per il gruppo del biliardo e la domenica mattina. Ma non è tanto il bar che interessa agli associati; sono piuttosto gli altri momenti aggregativi che creano l'amalgama del gruppo». Aggiunge il segretario-tesoriere Eugenio Di Donne: «Talune iniziative annue si ripetono e sono entrate ormai nella tradizione. Si prenda, ad esempio, la “Ciaspolada al chiar di luna“ a Novezza oppure la “Gita sulla neve”. Quest’anno, il 25 febbraio, la meta sarà Fai della Paganella dove gli associati del Noi troveranno proposte per tutti i gusti: piste da sci, pista snowtubing, area gonfiabili, bob, slittini, scuola di sci ecc. Solitamente si propone una camminata su sentieri agevoli, senza troppe difficoltà e adatta alle famiglie. Nel 2017 la camminata sì è svolta in quel di Torbole, sul Garda, lungo il sentiero delle Busatte. «Altro appuntamento fisso», aggiunge Di Donne, «è la Pasquetta nella casa estiva della parrocchia a Prun di Negrar dove, solitamente si ritrova un folto gruppo di famiglie con i bambini. Hanno avuto una visione panoramica diversa della città di Verona i partecipanti alla navigazione sull'Adige da Chievo alla Galtarossa, proposta sempre dal Circolo». E in un crescendo di proposte e di entusiasmo i due dirigenti continuano a descrivere il piano annuale delle iniziative del Circolo. «Non manca mai la biciclettata. L'anno scorso», continua Claudio Vantini, «con il pullman ci siamo portati in Alto Adige, al passo Resia, da dove è partita una lunga pedalata in Val Venosta. Per ovviare alle difficoltà economiche delle famiglie il Circolo si è sobbarcato metà del costo». Riprende Di Donne: «Un altro momento aggregativo è l'uscita per la raccolta delle castagne. Ci si raduna nel piazzale della chiesa con le proprie automobili e poi si parte per una località della montagna. L’anno scorso la raccolta è avvenuta all’interno della “Tenuta dei cervi” a San Zeno di Montagna; in un’occasione successiva abbiamo consumato le castagne raccolte tutti insieme». In occasione del Natale la parrocchia e il Circolo organizzano il “Canto della stella”: partendo dalla sede il gruppo delle famiglie e dei ragazzi sfilano per alcune vie del paese cantando inni natalizi e raccogliendo prodotti alimentari a lunga conservazione che vengono distribuiti alle persone e famiglie più bisognose della comunità... per condividere il Natale. Come si può notare in ogni iniziativa la finalità e quella di condividere appunto. Stessa cosa avviene, sempre nel mese di dicembre, con l’allestimento del Presepe; i ragazzi confezionano i biscotti di pastafrolla e li vendono dopo le messe: il ricavato è devoluto alle associazioni parrocchiali che sostengono le famiglie in difficoltà. «Anche quest’anno», conclude il presidente, «abbiamo organizzato il cenone di San Silvestro... per condividere la buona cucina, l'allegria e la musica». Di Donne ricorda che tra le molte iniziative proposte dal Circolo non mancano quelle culturali. «Infatti», spiega, «abbiamo visitato molte mostre di altissimo livello e abbiamo in programma, in aprile, un incontro con il rabbino nella sinagoga di Verona. Una visita molto importante che ci permetterà di conoscere meglio questi nostri fratelli, il ceppo dal quale nacque Gesù, la nostra salvezza». L’apertura verso gli altri, la disponibilità ad accogliere gli ultimi e la condivisione dei molti aspetti non solo del tempo libero, hanno attirato la simpatia di molti cittadini che si sono avvicinati al Circolo; gli attuali associati sono 941 tra adulti e ragazzi. Un numero considerevole, se si calcola che, in paese, esistono altri due Circoli legati alle rispettive parrocchie. •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto