08 dicembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

12.11.2019

«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»

Don Severino Menegolo è originario di Albaredo d’Adige dove è nato nel 1947. Ordinato sacerdote nel 1972 ha prestato il suo servizio pastorale come curato allo Stadio alla parrocchia degli Angeli Custodi per cinque anni e per altri sei anni a Raldon; ha continuato per tre anni e mezzo a Castelnuovo. In seguito è stato assegnato come parroco a Bolca Sprea, a Cavalcaselle e, dal 2009, regge la comunità della parrocchia di San Giacomo in Borgo Roma. Don Severino qual è il contesto socioeconomico di Borgo Roma, nel quale svolge la sua missione pastorale? «Qui la gente vive di attività professionali e di piccoli, umili servizi. Abbiamo almeno metà della popolazione che vive in case di edilizia popolare e quindi in condizioni economiche abbastanza precarie. Per fortuna c’è anche una fascia di popolazione con minori difficoltà, che conduce una vita abbastanza serena dal punto di vista economico perché lavorano nei servizi e nelle attività professionali». Quanti sono gli abitanti e qual è il volto della parrocchia? «I numeri sono un po’ aleatori: calcoliamo fra i tre e i quattro mila. Più della metà non è di tradizione cattolica. Questa caratteristica segna, perciò, la nostra pastorale che si impegna a seguire, oltre la popolazione che vive la parrocchia, anche l’altra fascia di persone di famiglie immigrate. Soprattutto bambini e giovani che, spesso, sono abbandonati a sé stessi perché i genitori lavorano magari anche sabato e domenica. «E questi figli lasciati a sé frequentano i nostri ambienti e i nostri campi di gioco. E io, ogni tanto, cerco di dare un po’ di attenzione anche a loro. Una delle cose positive che sono riuscito a fare: ho portato una quindicina di questi adolescenti a Gardaland: e nessuno di tradizione cattolica. La fortuna ci ha assistito perché abbiamo avuto 15 ingressi gratis, anche perché chiedere un solo euro a questi ragazzi è come strappare loro un dente». Che tipo di religiosità anima la comunità cristiana di San Giacomo? «Innanzitutto ricordo che la nostra parrocchia è abbastanza giovane e perciò mancano tradizioni inveterate come le processioni o le Quarantore. Perciò si può proporre ogni iniziativa ma, spessissimo, lascia il tempo che trova. Qui la pastorale tradizionale non funziona». Allora cosa fa? «Cerco, ogni tanto, di inventare qualcosa di nuovo. Tenendo conto che la gente non esce più la sera perché una grossa fetta della popolazione è anziana, ho proposto ultimamente la messa più importante la prima domenica del mese. Poi andiamo al bar del Circolo Noi ed io, in dieci minuti, rispondo ad una domanda che la gente pone. E viene più gente che se li invitassi la sera. Per fortuna c’è un gruppo di famiglie ancora abbastanza giovani, che sono l’anima della parrocchia e anche la base dell’attività del Noi». Come siete organizzati per la catechesi? «Per fortuna, se così può essere definita, i bambini sono pochi, appunto perché le famiglie di tradizione cattolica non sono molte. Abbiamo circa dai cinque ai dieci bambini per annata. Quindi la catechesi è molto semplice e familiare. «Non servono grandi impostazioni: semplicemente il catechista o la catechista svolge la sua missione seguendo le grandi indicazioni della chiesa. I nostri ambienti sono molteplici e si trovano sotto la chiesa: possiamo fare i nostri incontri di catechesi tutti contemporaneamente. E per quelli che non frequentano tentiamo di agire come si fa con i “ragazzi di strada” anche attraverso piccole cene, momenti di convivialità, ponendo loro alcune domande sulla vita. Per esempio: per quei quindici che ho portato a Gardaland faremo un incontro apposito. Ed è la terza generazione di ragazzi che tento di seguire in questo modo». In questo contesto sociale e pastorale così complesso che funzione svolge il Circolo Noi? «Sappiamo che l’ideale del Circolo Noi è quello di poter incontrare le persone che vivono ai margini della fede per far sì che anche a loro arrivi qualche messaggio di accoglienza e di amore. I risultati sono quelli che sono, anche se l’impegno c’è». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie