14 dicembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

12.11.2019

La sfida del Noi: ripartire dai giovani

Uno spettacolo nel teatro parrocchiale
Uno spettacolo nel teatro parrocchiale

Il presidente del Circolo Noi della parrocchia di San Giacomo è Roberto Baiocco, 65 anni, pensionato. L’anno scorso è stato riconfermato alla guida e sono stati assegnati i nuovi incarichi ai membri del Direttivo; perciò i giovani entrati stanno ancora facendo il loro rodaggio. Come tanti circoli Noi della diocesi di Verona, anche quello della parrocchia di San Giacomo Maggiore è la continuazione del precedente Circolo Anspi. In questo ultimo lasso di tempo il Direttivo ha adeguato lo statuto alle nuove norme che riguardano il Terzo Settore, nella speranza che siano definitive. Presidente, ci può fare un panorama abbastanza esaustivo della situazione del Circolo? «Sarò sincero nel descrivere la nostra situazione, che non è molto brillante perché in questi anni la nostra realtà si è modificata molto. La nostra platea è anziana e, perciò, siamo stati costretti a mediare tra regole, abitudini, interessi di tutti e l’attualità. Abbiamo dovuto adattare il nostro stile di vita interno e i comportamenti. Purtroppo ci mancano i giovani e con loro manca il gruppo degli animatori che li seguano». Il presidente sottolinea: «Prima c’era il campo da calcio, che adesso non c’è più e, di conseguenza, manca anche il gruppo sportivo. Sotto la chiesa c’è una palestra nella quale giocavano due o tre squadre di pallavolo; c’è un campetto che viene utilizzato dal “mondo” e, in precedenza, vi si svolgevano attività sportive. Adesso i nostri “giovani” hanno dai settant’anni in su. Alcune attività le faremmo volentieri, ma siamo impossibilitati perché i figli delle giovani famiglie vanno nelle parrocchie vicine, dove c’è il Centro giovanile con attività e scout; quindi, a ruota, diverranno animatori e svolgeranno questa attività in quelle parrocchie. Se il futuro è nella collaborazione, cercheremo di fare la nostra parte». Vedo, comunque, che di fronte ad una realtà così mutata non demordete e continuate nel vostro impegno di volontariato. «Questo è il nostro desiderio», spiega Baiocco. «Per quanto riguarda gli iscritti abbiamo avuto un calo e, attualmente, siamo in 230. Sono venute meno, purtroppo, le tessere di un gruppo di ragazzi che frequentavano il doposcuola. Mi spiego. Da noi esiste un’attività abbastanza importante che è il doposcuola per i ragazzi delle elementari. Il Circolo andava incontro alle varie necessità, garantiva la merenda ai bambini, supportava il gruppo con gli acquisti e nei momenti dell’attività. Le famiglie mandavano volentieri i bambini perché altrimenti i compiti a casa non si facevano. È un’attività da mantenere». Il problema è quello dei giovani: «Non c’è collaborazione con gli istituti superiori: mancano, perciò, i 10-12 ragazzi delle superiori che aiutavano nei compiti. I ragazzi delle elementari da aiutare, tuttavia, sono ancora numerosi. Fino a due anni fa ai bambini facevamo la tessera del Noi per dare la copertura assicurativa. La tessera la regalavamo quasi, cioè facevamo pagare meno di quanto costasse a noi, anche perché quei pochi soldi le famiglie facevano fatica a sborsarli. Il gruppo che lo gestiva era autonomo e non veniva a chiedere più di tanto. Adesso nella nuova assicurazione della parrocchia, invece, è compresa anche questa attività. Di conseguenza sono mancate queste tessere; per il resto il calo è naturale per un Circolo che ha soci di una certa età. E siccome il Circolo ha un carattere di territorialità a noi non interessa averlo pieno di soci non del nostro territorio. Altrimenti diventa un’attività economica. E non è giusto». Sottolinea il presidente: «Con un po’ di sforzo riusciamo a tenere aperto il Circolo tutti i giorni, tre ore al pomeriggio e, quotidianamente, c’è la presenza di due volontari. Anche la domenica mattina teniamo aperto per dare un supporto alla parrocchia, permettendo lo svolgimento dell’Aperitivo Biblico. Il parroco parla spesso di “ragazzi di strada” e questo è vero nel nostro quartiere. Con loro c’è stata in passato una conflittualità che, fortunatamente, è finita. Ma nel nostro campetto, in estate, si radunano quotidianamente più di un centinaio di ragazzi di ogni età che auto organizzano i tornei. In passato sono stati fatti dei tentativi attraverso un progetto, con una cooperativa, per gestire dei fondi arrivati da Cattolica Assicurazioni. Ma quando finiscono i fondi si tronca il progetto, non avendo nel Circolo e in parrocchia dei giovani che si attivino in questo tipo di servizio. Per quattro o cinque anni avevamo aperto una sala giochi in inverno; aprivamo una prima ora ai ragazzi più piccoli e, successivamente, a quelli più grandi. Anche questa iniziativa è andata lentamente consumandosi e i ragazzi cresciuti tornano ma con tutt’altre intenzioni che il gioco. Devo dire sinceramente che è difficilissimo riuscire a dialogare con questo mondo adolescenziale e giovanile; serve gente preparata perché si tratta di una sfida continua». Gli spazi non mancano... «Abbiamo tante sale: una volta venivano usate perché di ragazzi ce n’erano. Adesso dobbiamo avere chiaro in testa che gli appuntamenti devono essere diversificati e incisivi. Soprattutto, dobbiamo tener duro e non cedere proprio in questo momento. Voglio ricordare che la nostra parrocchia offre ospitalità alla numerosa comunità cattolica nigeriana, che proviene da tutta la provincia. Ogni domenica si trovano in chiesa per la messa e per parlare dei problemi degli emigranti si trasferiscono nel teatro, dove c’è anche una cucina. Alcuni di loro cominciano a cucinare il venerdì sera e continuano nel giorno seguente per poter garantire un pasto a tutti i convenuti. Anche questo è un segno della nostra apertura verso i fratelli in difficoltà». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie