07 aprile 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

02.12.2019

«Il Noi, valore
indispensabile»

Don Bruno Zuccari
Don Bruno Zuccari

Don Bruno Zuccari è originario di Minerbe dove è nato nel 1949. Ordinato sacerdote nel 1975 ha svolto il suo primo ministero sacerdotale, per cinque anni, a Sanguinetto ed altri otto a Santa Lucia. In seguito, sempre come curato, fu trasferito a San Giovanni Evangelista e poi a Lugagnano per cinque anni. Per 14 anni è stato parroco a San Pietro di Morubio prima di essere incaricato ad Azzano nel 2015. «L’ambiente di Azzano è un po’ difficile da descrivere perché è molteplice. Devo dire, comunque, che non c’è molto senso di comunità», sottolinea. «Abbiamo anche alcune famiglie di extracomunitari ma quasi tutte hanno un lavoro. In questi ultimi tempi, attraverso la Caritas, abbiamo visto la diminuzione enorme di coloro che anni fa venivano in cerca di vestiti. Ora non li chiede più nessuno. Anzi, abbiamo chiuso. Idem per pentole e piatti... Quindi significa che queste famiglie riescono a vivere senza il nostro contributo». E la comunità cristiana come vive? «Fa quello che può. La partecipazione alle funzioni religiose non è al massimo... saremo sul 10-15 per cento. Anche perchè è un quartiere formato da tante persone che sono venute dall’esterno e parecchi la domenica penso tornino alle famiglie di provenienza. È forse un comodo criterio di valutazione... «Ci sono comunque momenti di aggregazione pastorale anche a livello di Unità pastorale: alcune iniziative le facciamo qua, altre a Vigasio o a Beccacivetta. Quindi esiste anche una bella collaborazione tra le parrocchie». Tra le varie modalità di evangelizzazione in primis c’è la catechesi. Ad Azzano come è organizzata? «I bambini e i ragazzi delle elementari e delle medie partecipano quasi tutti. Ogni annata, composta in media da venti-venticinque ragazzi, ha il suo itinerario che consiste in un incontro quindicinale di un’ora e mezza nelle aule del catechismo. I catechisti vengono preparati a livello di vicaria e a livello diocesano e sanno che, se vogliono e quando vogliono, io sono sempre disponibile. «Per gli adolescenti tutti i lunedì abbiamo un incontro. Per i giovani c’è spazio. seguiamo l’incontro di preghiera e l’8 dicembre, ad esempio, ci sarà un ritiro tutto per loro. E seguiranno altri incontri. Ma, secondo me, non è ancora stata compresa l’importanza che ha, per i giovani, il loro specifico cammino. C’è anche un bel gruppetto di scout, il Verona 8°». Durante l’estate cosa propone la parrocchia per i ragazzi? «Non facciamo niente a livello parrocchiale perché c’è il Grest; e poi coloro che lo desiderano li mandiamo ai campi diocesani Saf». Come valuta la presenza del Circolo Noi? «È un valore indispensabile; senza il Circolo non potremmo fare tante cose. Alla parrocchia compete il ruolo nell’evangelizzazione, il Circolo lavora, in comunione con la parrocchia, per sostenere i momenti ricreativi-culturali a servizio della comunità. La presenza del Noi è molto positiva soprattutto durante l’estate. In inverno, invece, si fa più fatica, e non dipende dai volontari ma dalla realtà che vede i ragazzi impegnati nella scuola a tempo pieno e nelle attività sportive. Non hanno tempo per l’aggregazione». «Qualcosa riusciamo, invece, a fare per gli adulti», spiega il parroco; «in novembre, per esempio, in occasione della Madonna del Dono, abbiamo organizzato una settimana religiosa di formazione. Esistono poi incontri organizzati dalla Vicaria e dalla Diocesi o incontri legati ai sacramenti». Papa Francesco dice che i pastori devono avere l’odore delle pecore. Ebbene: lei prima sosteneva che un 10-15% frequenta la chiesa. E gli altri come cerca di avvicinarli? «È quando le pecore sentono l’odore del pastore che scappano. È la verità. Io sono sempre andato a visitare le famiglie e a benedire le case. Ma attualmente è un’impresa improba. Non si trova mai il momento opportuno. Abbiamo, perciò, chiesto attraverso un questionario distribuito in chiesa la disponibilità delle famiglie. In questo modo ne abbiamo raggiunte almeno centocinquanta». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Giochi, sport e idee:
si cresce insieme
Noi al Centro,
qui si fa
tutto insieme
La Fonte, il laboratorio dell’amicizia
L’unione fa la differenza
Decisivo il ruolo dei laici
A Bionde metà del paese è con Noi
«Famiglie, abbiamo bisogno di voi»
Vince il senso della comunità
Tarmassia si muove al ritmo del Noi
«Un Circolo che
unisce e aiuta»
Sempre aperti e
sempre pieni di idee
«Una comunità che partecipa»
La fede? Fiorisce anche al bar
San Vito ruota
attorno alla «Cimice»
«Il Circolo unisce tutti i gruppi»
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»