05 dicembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

10.03.2019

Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno

La festa dell’Epifania al Circolo Noi: una occasione di condivisione e di allegria
La festa dell’Epifania al Circolo Noi: una occasione di condivisione e di allegria

Il Circolo ad Albaredo è partito nel 1980 con il parroco don Alfonso Sambenini. Allora il Circolo si chiamava Circolo parrocchiale San Rocco e dopo poco aderì all’Anspi. Il Circolo ha proseguito la sua vita, ma poi per alcuni dissapori interni è stato chiuso alcuni anni. Quindi la ripartenza come Circolo Noi «Arena nel Verde»: il parroco che ha guidato questa ripresa è stato don Bruno Gonzaga, insieme a Rolando Micheletto, scomparso poco dopo. Il presidente adesso è don Floriano Panato, mentre Alessandro Baldo, 42 anni, idraulico, due figli, ne è il vice. A lui abbiamo chiesto di illustrare la realtà del «Noi». Per quale motivo ha deciso di avventurarsi in questa esperienza? «Il mio approccio al Noi, come credo sia avvenuto per altri, è nato dal desiderio di lasciare ai nostri figli un ambiente nel quale riproporre e continuare quello che noi abbiamo seminato per loro. Se ognuno di noi mette a disposizione un po’ di tempo per questo progetto i nostri figli, un domani, trasmetteranno ai loro figli quanto hanno ricevuto... «Siamo un gruppo di persone che si sono messe in gioco per coltivare la profonda passione civile, culturale e sociale che ci accomuna», sottolinea Baldo. «Crescere come associazione significa per noi condividere obiettivi e rispettare impegni; la testimonianza, il dono e il servizio che nascono dall’azione comune di chi sceglie di non agire singolarmente, di chi sceglie di ascoltare gli insegnamenti di quella scuola di aggregazione e solidarietà che è da sempre l’oratorio. Maturare un progetto di educazione e formazione permanente, sulle orme dei valori evangelici e della visione cristiana della società e dell’uomo, ci dà la forza per camminare e crescere con gli altri, senza dimenticare chi è rimasto indietro, offrendo un solido appoggio a chi si vuole avvicinare a questo mondo fatto di solidarietà e volontariato. A dettar legge nel nostro gruppo sono l’umiltà e l’impegno: questi due fattori ci hanno permesso di fare cose anche più grandi rispetto alle nostre forze». Come è composta la vostra struttura organizzativa? «Il nostro Circolo ha un direttivo di otto membri, che rimane in carica per quattro anni; ha un presidente che, nel nostro caso, è il parroco don Floriano; un vicepresidente, un segretario e una tesoriera. Ma anche gli altri consiglieri hanno assunto ruoli operativi. Ogni anno elaboriamo un programma, condiviso, e cerchiamo di realizzarlo». Quali ambienti avete a disposizione? «Abbiamo il bar nel quale, durante le domeniche invernali, il don tiene il catechismo per i bambini, per gli adolescenti e anche per i genitori dei bambini. Naturalmente, sopra il bar, ci sono anche le aule di catechismo. All’esterno abbiamo uno spazio enorme nel quale si trova la piastra polivalente con il campo di pallacanestro; c’è anche il campo da calcio a sette e l’arena con gli spalti e un piccolo palco sul quale, in estate, vengono fatti spettacoli. Abbiamo altre due strutture: il teatro, che serve anche per i più diversi incontri, e un’altra sala, che noi definiamo “Sala specchi” nella quale gli anziani fanno ginnastica dolce. Soprattutto per le esigenze del Grest, abbiamo la cucina e, per ultimo, utilizziamo una capannone che serve per i molti eventi che si susseguono durante l’anno». Adesso avete superato la metà del vostro mandato. Possiamo fare un breve consuntivo del vostro operato? «Vorrei riassumere brevemente il lavoro fatto dividendolo in due settori: gli interventi strutturali e le proposte aggregative ed educative-culturali messe in campo. «Per quanto riguarda il primo aspetto, che voglio rendicontare personalmente, abbiamo realizzato molto a partire dal 2017. Abbiamo acquistato la cucina con tutta l’utensileria necessaria (piatti, posate, friggitrici e nuove porte tagliafuoco Rei. Abbiamo sostituito la caldaia con nuovo impianto fumi e messo a norma l’impianto elettrico con l’inserimento di quadri corrente per i vari fari. All’esterno del bar abbiamo realizzato la pavimentazione per mantenere pulita la zona dove sono stati posizionati i bidoni per l’immondizia, oltre che a porre una copertura di cemento nella zona estiva, che è stata rifinita con tendaggio scorrevole. E una serie di altri interventi che sarebbe lungo descrivere». No, no! Dica pure... «Abbiamo tinteggiato e coperto con cartongesso la sala degli specchi; altrettanto abbiamo fatto con la sala cinema, sistemando il proiettore con il suo impianto e creando un’area bimbi interna per i più piccoli. Sempre con il fondamentale contributo dei volontari abbiamo messo in opera la nuova irrigazione del parco e la sua illuminazione. Dimenticavo, abbiamo installato giochi, giostrine con torrette e scivoli per i bambini. Le iniziative aggregative e ludiche o culturali le lasciamo descrivere a Matteo Ambroso». La forza del Circolo di Albaredo, continua Alessandro Baldo, «è data dal gran numero di volontari che vengono a dare una mano e prestare il loro tempo. Ci sono pensionati che vengono a tagliare l’erba, a fare le pulizie... Collaboriamo spesso con la Pro loco, l’Adige Nostro, i Fanti, gli Alpini, gli Avieri, l’Avis; quando facciamo qualche iniziativa chiediamo sempre loro se vogliono partecipare». Questi volontari «diventano fondamentali durante il periodo del Grest», ricorda Baldo, «si tratta, infatti di 350 bambini accompagnati da un centinaio di animatori che arrivano ai cancelli e lì serve sempre qualcuno che controlli. A mezzogiorno prepariamo anche il pranzo, perché il Grest dura tutta la giornata, dal mattino al pieno pomeriggio. È un servizio molto importante per la comunità. Il vero scopo del Noi è di essere attiguo all’opera pastorale della Chiesa, offrendo agli associati momenti di sano divertimento durante il tempo libero». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie