26 giugno 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

20.05.2019

«Il Noi aiuta a creare relazioni»

La chiesa parrocchiale di Castel d’Azzano
La chiesa parrocchiale di Castel d’Azzano

Don Claudio Turri è originario di Sommacampagna, dove è nato nel 1950. Ordinato sacerdote nel 1974 è stato inviato ad Avesa, dove si fermò fino al 1979. Fu, in seguito, trasferito a Povegliano, sempre come curato, fino al 1985. Altri quattro anni li trascorse a Bovolone. Nel 1989 fu nominato parroco a Castelletto di Brenzone e nel 1994 a Zevio, fino al 2006. Da quell’anno guida la parrocchia di Castel d’Azzano. «Questa è una comunità vasta, gli abitanti sono settemila, è piena di attività, ma soffre per essere cresciuta troppo in fretta e quindi si nota la fatica delle relazioni, della comunione, del sentirsi a casa propria... In questa situazione il Circolo Noi aiuta molto a creare relazioni. Siamo vicinissimi alla zona industriale, che offre posti di lavoro. C’è il rischio però che il paese si trasformi in un dormitorio; spesso non ci si conosce neppure tra casa e casa. Ogni anno cerchiamo di inventare qualcosa: al termine della Sagra parrocchiale, per esempio, offriamo una cena per fare in modo che la gente si conosca e si crei comunione». In questo tipo di società, come è inserita la comunità cristiana? «La parrocchia è divisa in otto quartieri. Ed ogni quartiere ha un responsabile che conosce le situazioni di difficoltà, che vengono comunicate al parroco o alla Caritas parrocchiale per gli opportuni interventi. Uno di questi momenti importanti si realizza in questo mese, durante il quale vado in ogni quartiere. Ci troviamo, recitiamo il rosario, c’è la benedizione delle famiglie e poi ci si ferma per un momento conviviale. Abbiamo deciso di dividere la comunità in quartieri per agevolare le relazioni e c’è sempre un bel gruppo che partecipa a questi incontri». La cura pastorale si manifesta attraverso la liturgia e, soprattutto, la catechesi. Qual è la frequenza alle sacre funzioni e come è organizzata la catechesi? «La frequenza alla messa domenicale si aggira intorno al 15%. Tutti questi adulti, però, chiedono il catechismo, la prima comunione e la Cresima per i loro figli e poi non li vedi più. Cerchiamo, attraverso il catechismo, di creare relazioni tra le famiglie: ogni classe con la propria catechista si ritrova per il catechismo settimanale: il tutto con la supervisione di una coordinatrice. Abbiamo anche la fortuna di avere le suore che coordinano le classi del catechismo. I bambini sono parecchi, una sessantina per classe, e se calcoliamo che dalla seconda elementare arriviamo alla terza media, ci aggiriamo sulle 400 presenze. I ragazzi di terza fanno la Cresima a inizio anno e sono seguiti dai loro animatori che li porteranno nel gruppo adolescenti». Durante l’anno, poi, «facciamo con i genitori tre incontri la domenica pomeriggio, con un esperto che presenta un argomento educativo, religioso. Segue la cena, offerta a tutti, per permettere a genitori e figli di stare insieme e conoscersi meglio». Naturalmente si organizzano il Grest e i campi estivi... «Il Grest dura tre settimane tra fine giugno e metà luglio. Poi cominciano i campi estivi. Abbiamo un bel gruppo di animatori, abbiamo dei formatori che si sono preparati al Centro Diocesano: ogni anno viene sviluppata una tematica, stavolta si punterà sui legami. Abbiamo tenuto un campo estivo per le elementari, dalla terza alla quinta, e siamo andati per due anni a San Mauro di Saline, perché Breonio era inagibile; quest’anno torniamo a Gorgusello dove la parrocchia di Pedemonte ha uno spazio meraviglioso. Nella seconda settimana spazio a prima e seconda media, mentre la terza frequenterà a Bosco Chiesanuova le settimane organizzate dall’Opera di Nazareth. «Abbiamo una trentina di giovani che fanno gli animatori al Grest», ricorda il parroco, «e anche coordinatori durante i campi estivi. La catechesi non può essere racchiusa nell’incontro settimanale per loro: è utile creare degli eventi. Per cui pensiamo di orientarci a partecipare all’incontro diocesano una volta al mese e creare un altro evento formativo per loro; due incontri al mese con i giovani». Come giudica la presenza di un Circolo Noi in parrocchia? «Devo solo ringraziare i membri del direttivo, anche se sono in pochi e, perciò, c’è sempre il problema dei volontari. Ripeto: li devo ringraziare perché aiutano a creare relazioni soprattutto tra la gente di questo paese, che è cresciuto troppo in fretta. Un altro servizio che parte dal Circolo Noi e che crea relazioni è l’aperitivo dopo la messa della domenica. È gestito da sette gruppi, uno per domenica: giovani, catechiste, donne pulizia chiesa, famiglie, animatori, terza media e gruppo famiglie. Da sette anni lo stiamo facendo a spese della parrocchia: in chiesa si fa comunione con la messa e dopo si sta insieme per l’aperitivo, per fare “quattro chiacchiere che aiutano a creare relazioni e a sentirsi famiglia”, come dice il nostro vescovo». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto
«Il Noi è una soglia:
qui si trova lo
spazio libero»
Impegno e
passione, altro
che gente da bar