20 novembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

24.12.2018

«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»

Foto di gruppo per i partecipanti alla serata karaokeIl parroco don Luca Pedretti
Cantanti sul palco alla festa dedicata agli anni SessantaI volontari del «Noi» al lavoro in occasione della festa
Foto di gruppo per i partecipanti alla serata karaokeIl parroco don Luca Pedretti Cantanti sul palco alla festa dedicata agli anni SessantaI volontari del «Noi» al lavoro in occasione della festa

Don Luca Pedretti nasce a Verona nel 1965 e viene ordinato sacerdote nel 1993. Inizia il suo ministero sacerdotale a Cerea dove rimane per cinque anni. Si trasferisce in Francia e Inghilterra per studiare lingue e trascorre tre anni in Turchia; rientrato per alcuni mesi a San Giovanni Lupatoto, riparte per la Guinea Bissau, dove si ferma in missione per otto anni. Nel 2012 ha un infarto e rientra in Italia. Dal 2013 guida le parrocchie di Salizzole, Bionde e Engazzà insieme a don Massimiliano Lucchi. «In questi tre paesi vive gente laboriosa, buona e semplice. A Bionde e Engazzà c’è il problema della denatalità, mentre Salizzole è in controtendenza con l’arrivo di molte famiglie giovani. Qui i terreni costano meno e poi c’è un asilo parrocchiale molto richiesto. Noto anche una solidarietà che chiamo familiare. Anche i nonni sono fondamentali. Il bello di questi paesi è l’identità. Qui non sei un numero anche se i tre paesi sono diversi. Il comune ha 4.000 abitanti, comprendendo oltre a Bionde e Engazzà, anche Valmorsè». Dal punto di vista pastorale quale giudizio può dare di queste realtà? «C’è una religiosità collegata ad una tradizione, che si mantiene nel tempo. La partecipazione alla vita religiosa è buona e, anche se io non mi interesso molto alle percentuali che lascio a Dio, siamo sul 35-40% di presenze alle funzioni domenicali. La parrocchia è ancora importante per la gente. Adesso è in atto un nuovo passaggio, verso l’Unità pastorale. Ciò è dovuto a due motivi: il primo è il calo dei preti e il secondo è il calo dei cristiani. Quando parlava il parroco, una volta, tutti si adeguavano. Adesso la voce del parroco è una tra le tante». Come è organizzata la catechesi? «Questo settore della catechesi è affidato a don Massimiliano. Abbiamo valutato che il metodo antico, quello settimanale, non funziona più, perciò organizziamo ogni quindici giorni degli eventi. E c’è anche un cammino con i genitori e una serie di iniziative dedicate ai ragazzi... A proposito: quando sono rientrato dalla Guinea Bissau ho notato che nella nostra società ci sono molti anziani e pochi giovani rispetto all’Africa. Giustamente il papa, di fronte a questo fenomeno, ha detto che l’Europa è la nonna di tutto il mondo». Che cosa pensa, don Luca, della presenza di un Circolo Noi nella parrocchia? «È importante perché aiuta ed è il referente delle varie attività ricreative. Però l’aspetto fondamentale è lo spirito con cui lavorano i volontari. Noi preti, andando avanti, non riusciremo più a fare tutto: toccherà pertanto ai laici, che in certi settori sono più svegli di noi, curare l’organizzazione burocratica delle parrocchie. Già ci sono i Consigli pastorali ed economici ma anche nella catechesi bisognerà coinvolgere i laici, dopo una preparazione teologica». A don Massimiliano Lucchi abbiamo chiesto come è gestita la catechesi e quali attività associativo-educative e formative vengono messe in atto d’estate, dal Grest al musical. «Quest’anno abbiamo rivoluzionato il modo di fare catechesi con i ragazzi delle elementari e medie a causa della poca disponibilità di volontari. Abbiamo creato un calendario di incontri quindicinali con tutte le elementari riunite (il sabato mattina) e le medie (il mercoledì pomeriggio). Il programma è simile: preghiera insieme in teatro, provocazione sul tema da parte del don con gioco o attività insieme, divisione in classi in cui si crea la drammatizzazione e la comprensione di un brano del vangelo, ritrovo e presentazione dei lavori, gioco conclusivo, preghiera e consegna del segno/simbolo. I numeri: 80 per le medie, 140 per le elementari, con una quindicina di catechiste e di aiuti». E per gli adolescenti? «L’incontro tradizionale è al giovedì sera, in cui vengono trattati temi decisi con gli animatori, con attività e testimonianze. Anche per loro si usa la drammatizzazione dei vangeli, e di seguito la condivisione. Inoltre è proposta l’attività del musical. Gli incontri sono settimanali. Abbiamo poi un nuovo gruppo Giovani famiglie, a sostegno della coppia e dei valori cristiani. Viene proposto una volta al mese la domenica a pranzo». Il Grest dura cinque settimane «ed è articolato su una settimana ad Engazzà e quattro parallele a Bionde e a Salizzole. Le gite sono comuni, le serate finali distinte. Le attività sono più o meno le tradizionali. Di particolare abbiamo la giornata dei giochi gonfiabili e con l’acqua. L’anno scorso avevamo lo scivolo più grande d’Italia, e lo riproporremo l’anno prossimo. Parliamo di 250 ragazzi e 60 animatori». Quanto ai campi scuola, spiega don Lucchi, «diventeranno quattro perchè fatti nell’Unità pastorale. In totale la scorsa estate hanno partecipato 170 ragazzi, 25 animatori, 20 cuochi e personale di servizio». Infine il musical: «È nato per caso come evento a conclusione degli esercizi spirituali del 2014», sottolinea don Massimiliano. «All’attivo abbiamo cinque spettacoli, uno nuovo all’anno. Abbiamo in lavorazione il nuovo, che si intitolerà Genesipop, sul primo libro della Bibbia. Il gruppo si è dato un nome, la Compagnia della Passione, ed è formato da circa 50 persone. Lo spettacolo è creato con musiche, scenografie video, coreografie, comparse. Ogni anno realizziamo 5 date, con una media di 2.500 biglietti staccati». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»