08 aprile 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

17.02.2020

«Famiglie, abbiamo bisogno di voi»

Il gruppo che è salito in pellegrinaggio al santuario della Madonna della Corona
Il gruppo che è salito in pellegrinaggio al santuario della Madonna della Corona

Il Circolo Noi, a San Floriano, è stato fondato nel 2017, per volontà del parroco don Amos, che già aveva guidato il Circolo Noi di Quinzano, per dare una forma giuridica all’aggregazione parrocchiale che lavora nelle strutture parrocchiali, completamente ristrutturate con la pieve e il campanile dopo il terremoto. «In precedenza», racconta Flavio Rizzi, presidente del Circolo, «colui che aveva dato inizio a un “Gruppo eventi” per vivacizzare la comunità era stato don Carlo Vinco, parroco per tre anni e mezzo. Fu lui a volere la festa del paese e a dar vita a quello che oggi è l’appuntamento più atteso e sentito, la “Festa sotto el campanil”, che propone arte, cultura, musica, sport, attività giovanili e, soprattutto, un modo di riunire la comunità che è arrivato alla decima edizione». Da dove è nata la sua passione per il Noi? «Ciò che mi spinge e mi ha fatto arrivare fino a qui oggi è una passione innata al fare, organizzare, stare con la gente e avere sempre nuove persone da conoscere. Fu proprio don Carlo Vinco ad avvicinarmi alla parrocchia. Sapeva della mia passione e mi chiese di dare una mano al neonato gruppo adolescenti. Erano più di 10 anni che gestivo con soddisfazione una comunità di ragazzi con i videogiochi online, il "Cana clan". E don Carlo, con una provocazione, mi chiese di portare la mia esperienza al servizio della comunità». Aggiunge il presidente: «Sono di San Floriano, nato e cresciuto, sposato da 15 anni, con due figli di 10 e 13 anni. Il Noi vuole essere un mezzo per coltivare la mia passione, un’opportunità da sfruttare per crescere assieme alla mia famiglia e alla comunità. Molto del mio tempo libero lo dedico al Circolo, a cercare di portare iniziative, alcune ispirate proprio al modello Cana clan. È quello che un Circolo Noi dovrebbe fare per essere d’aiuto alle famiglie». E sottolinea: «Se uniamo le forze possiamo dare ai ragazzi uno spazio dove crescere e stare assieme. Ma il Noi non sono 10 persone iscritte su un registro, devono essere le famiglie ad alimentarlo». L’origine del Circolo? «Dopo don Valerio, in parrocchia è arrivato don Amos. È stato lui a fondare il Noi al quale, in questo ultimo periodo, abbiamo dato una nuova formula giuridica che ci impegna in una serie di procedure burocratiche e fiscali conseguenti all’entrata in vigore della norma sul Terzo Settore». Avete il bar? «No, non serve e non lo abbiamo voluto. L’ambiente a disposizione è unico, il salone è un gioiello, ci puoi fare di tutto. Abbiamo giochi di tutti i tipi, per grandi e piccini. Lo usiamo per mostre, concerti, corsi, attività per adolescenti, compleanni, presentazioni, riunioni e, se ci aggiungiamo le sale di sopra, con la biblioteca, è un posto fantastico, a completa disposizione di tutti». Facciamo un quadro delle iniziative... «Elaboriamo un programma in linea di massima», spiega Rizzi; «ma se qualcuno porta idee nuove lungo il tragitto, e si possono fare, ben vengano. Annualmente abbiamo le attività fisse: tante già sperimentate dal “Gruppo eventi” che esisteva prima della nascita del Noi. Oltre alla “Festa sotto el campanil” abbiamo portato avanti attività come la “Camminata del 25 aprile”, che è diventata un appuntamento fisso e continuiamo ad avere ottimi riscontri. Poi è arrivata la biciclettata, gratuita e indirizzata alle famiglie. «Un altro evento molto importante», riprende il presidente, «è la tombola per anziani che teniamo nella nostra sede ogni 15 giorni. Per gli anziani c’è anche la ginnastica dolce. Per le ragazze e le giovani signore c’è il pilates. I partecipanti a questi corsi sono tutti nostri associati, naturalmente. Abbiamo organizzato anche corsi di musica e di chitarra, incontri con psicologi, corsi di Arduino, di primo soccorso, serate dedicate a musica, teatro e giochi in scatola. E ancora, presentazioni di libri, serate sulla storia del rock e gite, di tutti i tipi e per tutte le età». «Ma sono i giovani», sostiene Flavio, «che noi vogliamo. Abbiamo un gruppo adolescenti che da due anni si è consolidato. Abbiamo da poco altri ragazzi che si occupano dei pre-adolescenti, ossia di quella fascia di età che, dopo la Cresima, sparisce». C’è anche il presepio in cassetta... «Sì, all’avvicinarsi del Natale distribuiamo nelle varie case delle cassette della frutta e invitiamo i ragazzi a realizzarvi dentro il presepio con materiali poveri, di recupero. L’iniziativa non vuole stimolare la competitività: i presepi rimangono esposti un mese e, garantito, sono tutti belli. Anche questa iniziativa vorrebbe dare la possibilità alle famiglie di trascorrere qualche ora con i figli e creare qualcosa assieme». Un’altra importante iniziativa, portata da don Amos, è il pellegrinaggio al santuario della Madonna della Corona: «Sono 29 chilometri e tutti possono parteciparvi. È una prova fisica e sportiva non da poco ma, soprattutto, è un’esperienza mistico-religiosa da sperimentare per fare gruppo durante la fatica». Rizzi conclude con un appello alle famiglie: «Il Circolo Noi è stato creato per voi, per i vostri figli e le vostre famiglie, per dare a San Floriano qualcosa di bello, utile e sano. Abbiamo bisogno di voi per andare avanti al meglio, non possiamo più aspettare che sia un parroco a dirci cosa fare, non possiamo più dargli colpe se le cose non vanno bene. Troppo comodo. Tocca a Noi darci da fare».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Giochi, sport e idee:
si cresce insieme
Noi al Centro,
qui si fa
tutto insieme
La Fonte, il laboratorio dell’amicizia
L’unione fa la differenza
Decisivo il ruolo dei laici
A Bionde metà del paese è con Noi
«Famiglie, abbiamo bisogno di voi»
Vince il senso della comunità
Tarmassia si muove al ritmo del Noi
«Un Circolo che
unisce e aiuta»
Sempre aperti e
sempre pieni di idee
«Una comunità che partecipa»
La fede? Fiorisce anche al bar
San Vito ruota
attorno alla «Cimice»
«Il Circolo unisce tutti i gruppi»
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»