19 settembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

24.03.2019

Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti

La banda comunale di Dolcè collabora con il Circolo Noi nell’organizzazione del Grest musicale: un’iniziativa che piace molto ai giovani
La banda comunale di Dolcè collabora con il Circolo Noi nell’organizzazione del Grest musicale: un’iniziativa che piace molto ai giovani

Il Circolo «Valdadige» di Dolcè ha iniziato la sua attività il 14 agosto 1993. La sede, di proprietà della parrocchia, era un ex asilo e per volontà del parroco dell’epoca era stato ristrutturato per ricavarne sale che servissero per il catechismo e le varie riunioni. «Le opere di sistemazione», ricorda il presidente Marco Castioni, «furono svolte ancora trenta-quaranta anni fa dal mio povero papà, che aveva un’impresa edile. E, sempre per volontà del parroco, al piano superiore c’era un appartamento che veniva dato alle famiglie bisognose del paese». Nel 1993, continua il presidente, «abbiamo costituito il Circolo e abbiamo chiesto alla parrocchia una sede: ci è stata data in uso questa struttura». Marco Castioni ha da poco compiuto 61 anni ed è pensionato da due. In quegli anni entrò fin da subito nel circolo, che allora aderiva all’Anspi. «Allora anch’io, come tanti altri volontari, facevo i turni dietro il banco del bar perché allora il Circolo era aperto tutte le sere almeno fino alle 22. Poi, nel 1994, sono stato eletto presidente». Come siete partiti con le vostre iniziative? «Il primo passo riguardò l’apertura del bar perché si pensava, con i ricavi, di mettere in ordine tutto lo stabile un po’ alla volta. «Infatti la gente e gli iscritti», ricorda il presidente, «si conquistano anche offrendo un ambiente accogliente. Perciò l’abbiamo ritinteggiato all’esterno, abbiamo fatto i bagni nuovi, con le docce e gli spogliatoi che servivano alla squadra di calcio, che ormai non c’è più. Tra i tanti interventi messi in atto, l’ultimo è stato il riscaldamento a pavimento della sala, che ci è costato non poco. Ma il debito è stato completamente ripianato. «A questo proposito», sottolinea, «voglio ringraziare i numerosi volontari che, insieme con noi, salgono sui monti a recuperare la legna, che servirà a far funzionare la stufa in inverno. «Vorrei ricordare», continua Marco Castioni, «che, anche se il nostro compito è quello di offrire delle opportunità di aggregazione e di divertimento sano ai nostri iscritti, secondo lo spirito evangelico e le finalità sancite nel nostro Statuto, non possiamo dimenticare la manutenzione ordinaria della struttura e la gestione complessiva (luce e riscaldamento) con i suoi costi». «Sinceramente e in spirito di trasparenza dobbiamo ringraziare l’Amministrazione comunale e la Cassa Rurale di Rivalta che, riconoscendo il servizio sociale che svolgiamo anche per la comunità, ci danno un contributo. Infatti, tra l’altro, non manchiamo di dare un aiuto anche agli anziani del paese, che ce lo chiedono, o hanno bisogno di piccoli interventi nelle case». Come si sviluppa l’attività del Noi Valdadige? «Lascio agli altri membri del Direttivo, che hanno precisi ruoli e incarichi, il compito di illustrare le varie iniziative. Io voglio ricordare la “Giornata ecologica” che abbiamo promosso domenica scorsa e che si ripeterà anche in un’altra occasione, più avanti durante l’anno. Promotore è il Circolo Noi e, in modo particolare, io e Gianfranco. È un’iniziativa che va avanti da più di dieci anni». In cosa consiste? «Si comincia al mattino e, con sacchi e contenitori partendo da Domegliara arriviamo fino a Ossenigo, percorriamo le varie strade raccogliendo i rifiuti e le immondizie abbandonate ai margini delle vie e non solo. Non siamo, ovviamente, da soli noi del Direttivo; si uniscono a noi parecchi volontari, ci sono i Boy-scout e la Protezione civile. Nei primi anni trovavamo di tutto e non solo ai margini delle strade; adesso ci sembra che la sensibilità ecologica della gente sia aumentata e devo dire che troviamo meno rifiuti. Anche i bambini con i genitori percorrono la ciclabile e raccolgono i rifiuti nei loro sacchetti. «Parteciperemo il 18 e il 19 maggio», ricorda Castioni, «alla manifestazione organizzata dalla Pro Loco del Comune di Dolcè e denominata “Storie e Sapori”. In quei due giorni nelle diverse corti del paese si prepareranno i piatti tipici della nostra zona e ci sarà un grande afflusso di gente proveniente anche dalle frazioni di Peri e Volargne. Il Circolo parteciperà, con l’aiuto di parecchi volontari e, in una corte, apriremo il nostro bar e proporremo caffè e gelati. Ogni anno, il 14 agosto», conclude il presidente, «festeggiamo l’anniversario della fondazione del nostro Circolo: l’anno scorso, nel venticinquesimo, nel nuovo centro comunale abbiamo proposto, per interessamento di Monia del nostro Direttivo, un concerto che ha attirato un folto pubblico». Come vede il futuro del Circolo? «Sono moderatamente ottimista. Con le ultime iniziative messe in campo abbiamo notato un buon incremento degli iscritti – siamo a quota 400 – e una incoraggiante partecipazione della popolazione. Il futuro dipenderà solo dalla vivacità delle nostre proposte». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere