05 dicembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

25.02.2019

Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie

Messa al campo scuola con gli adolescenti: un momento di riflessione durante una vacanza piena di significati
Messa al campo scuola con gli adolescenti: un momento di riflessione durante una vacanza piena di significati

Sabrina Garonzi, quarantenne responsabile degli acquisti di un'azienda alimentare, è nel Circolo Noi da 4-5 anni e nel 2016 è entrata a far parte del direttivo. «Il Circolo di Cerro è nato nel 2000», spiega la vicepresidente. «La progettazione della ristrutturazione del vecchio fabbricato e i lavori sono stati voluti da don Tullio Ferrarese. Il lavoro è stato concluso da don Luigi Bertagnoli». Inizialmente era un Circolo Anspi; successivamente il Circolo ha aderito, come la stragrande maggioranza di questi enti, al Noi veronese. «Abbiamo il pieno appoggio della parrocchia con la quale collaboriamo attivamente. L’esempio più palese: quando organizziamo delle feste per i ragazzi delle medie ci viene in aiuto don Fabio con la sua squadra di animatori». Quali ambienti avete a vostra disposizione? «Abbiamo un bar con alcuni tavoli e una sala più grande con tavolo da ping pong e altri giochi elettronici e un bel cortile all’esterno, riservato al Noi. Possiamo poi usare la piastra polivalente per corsi di basket o tornei di pallavolo o la piastra di pattinaggio. Quindi abbiamo fatto anche dei corsi di pattinaggio. Idem per il campo da calcio in sintetico. Sopra la nostra sede abbiamo a disposizione un salone, dove possiamo organizzare le nostre feste». In questi ampi spazi quali sono le iniziative che organizzate? «In generale, il Circolo è aperto tutti i lunedì dalle 16 alle 18.30 e la domenica mattina dalle 10 a mezzogiorno con la possibilità per i genitori di fare quattro chiacchiere e bersi un caffè mentre i loro figli giocano. Ma andiamo con ordine. All’inizio dell’anno catechistico, che corrisponde con l’avvio delle attività del Circolo, c’è la Festa di apertura verso fine ottobre. La palestra diventa il punto di riferimento della manifestazione: montiamo i gonfiabili e per due giorni si alternano i ragazzi delle medie e delle elementari. Durante l’anno, di solito il venerdì, grazie alla collaborazione dei volontari proponiamo laboratori tra i quali ricordo, molto interessante, quello di mosaico». Durante l’Avvento, aggiunge Sabrina Garonzi, «organizziamo laboratori per costruire i lavoretti di Natale e, sempre in occasione delle feste natalizie, organizziamo il concorso dei presepi. I ragazzi che costruiscono il presepio a casa ci inviano la foto e una giuria preposta valuta i lavori stilandone una graduatoria: alla fine premiamo i primi aggiudicati con piccoli premi simbolici». E durante l’estate? «Quando i ragazzi sono più liberi, organizziamo dei corsi di basket e di pattinaggio cercando di mettere in atto delle iniziative aggregative. Sempre in estate, quando il don apre i campetti sopra la piastra polivalente, abbiamo recuperato un bel gruppo di adulti e di giovani famiglie che volontariamente si prestano, al pomeriggio e alla sera, per fare un po’ di sorveglianza ai ragazzi. A proposito di volontari, voglio sottolineare che abbiamo un bel gruppo di genitori che, in ogni occasione, si rendono disponibili ». Le idee non mancano: «Adesso stiamo provando a fare, il sabato sera, delle feste a tema. Per esempio se organizziamo la “Festa Fluo” invitiamo tutti i ragazzi a presentarsi con qualche vestito fluorescente oppure la Festa tutti eleganti: perciò i ragazzi si sono presentati con cravatta o papillon e le ragazze con la gonnellina. Animatori di queste feste sono gli adolescenti mentre noi prepariamo un piccolo buffet con patatine e bibite... I ragazzi trascorrono la serata divertendosi e i genitori sono sicuri che l’ambiente è sano». D’estate qual è il vostro ruolo durante il Grest? «Collaboriamo offrendo i locali quando servono e mettendo a disposizione le mamme volontarie per la distribuzione delle merende e delle bevande. La Festa conclusiva del Grest, l’estate scorsa, è stata fatta nel nostro cortile. Tra noi e la parrocchia, lo ripeto, c’è piena collaborazione». Altre iniziative? «Due sono le proposte che abbiamo in ballo», ricorda la vicepresidente. «Il corso di inglese rivolto agli adulti e ai ragazzi delle medie ed elementari; i ragazzi partecipano al corso il venerdì pomeriggio e sono seguiti da due insegnanti di madre lingua inglese puntando soprattutto sulla conversazione, mentre un bel gruppetto di adulti si ritrovano il venerdì sera. Altra offerta è il “corso di cucina”. Una mamma esperta nel settore si è offerta: l'anno scorso si sono tenute sei lezioni e, quest'anno, i sei incontri si svolgono di sabato dalle ore 17 alle 21. Al momento le iscrizioni sono aperte e in marzo gli incontri riguarderanno gli aperitivi e i secondi piatti di carne». Quali sono lo spirito che anima il Circolo e le motivazioni di fondo che vi spingono a partecipare al Noi? «Tendiamo all’aggregazione e al coinvolgimento delle famiglie per creare comunità; inoltre, per noi è fondamentale proteggere i nostri figli dando loro un’alternativa e la possibilità di avere un ambiente sano dove incontrarsi. Abbiamo notato anche che molte famiglie che non si conoscevano, sfruttando l’occasione di portare i figli, hanno colto l’occasione di creare delle amicizie tra di loro». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie