14 dicembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

02.12.2019

«Casa Mia», amicizia senza confini

La gita nella Foresta Nera in Germania, un altro bel momento dell’attività del Circolo Noi di Azzano
La gita nella Foresta Nera in Germania, un altro bel momento dell’attività del Circolo Noi di Azzano

Giacomo Venturini, 67 anni, è il presidente del Circolo Noi «Casa Mia». Direttore tecnico dell’impresa edile famigliare, da qualche giorno è pensionato. «L’attuale Circolo Noi è la prosecuzione del precedente Anspi», spiega, «nato nel 1998 quando il parroco era don Flavio Bertoldi. Inizialmente c’era l’attuale bar e la piastra polivalente accanto alle scuole. In pratica esistono due sedi operative; in inverno funziona il bar, d’estate l’attività continua all’esterno dove c’è una casetta con bar e le altre attrezzature. In seguito gli spazi si sono ampliati con l’annessione del campetto dove vi si svolgono alcune attività sportive e di un parco giochi per i piccoli». Quanti abitanti ha Azzano e quanti sono i vostri associati? «La parrocchia ha 4mila abitanti e al nostro Circolo, in questi ultimi anni, aderiscono circa 500 associati, dei quali il 45% è costituito da ragazzi con meno di 18 anni e i restanti sono adulti, genitori e anziani. Il direttivo del Circolo, composto da nove membri, ha adeguato lo Statuto alle nuove norme del Terzo Settore e, perciò, siamo perfettamente in regola». Quante volte in un anno si riunisce il direttivo? «Cinque o sei volte all’anno ma, in caso di bisogno, basta un colpo di telefono e si affrontano i problemi. Prima dell’inizio dell’anno sociale, però, ci incontriamo per elaborare un programma che, solitamente, ripropone iniziative ben riuscite nel passato e anche qualcosa di nuovo». Quali sono? «Partiamo da gennaio», illustra il presidente. «In occasione dell’Epifania organizziamo il falò nel campetto. Prima proponiamo alcune attività teatrali per i ragazzi nel salone; si continua con un intrattenimento con distribuzione di cioccolata calda, vin brulé, biscotti e bibite per i ragazzi. Chi si vuol fermare, però, può approfittare anche di una cena preparata dai volontari cuochi nel salone parrocchiale, ben attrezzato con cucina. «In occasione del Carnevale», continua, «partecipiamo alla manifestazione organizzata dal Comune e ogni anno, alternandosi, i due Circoli di Azzano e Beccacivetta sono punto di partenza o di arrivo della sfilata dei carri e delle maschere. Al termine il Circolo offre un momento di ristoro con gnocchi per 600-700 persone. A proposito degli altri Circoli Noi ricordo che, con Beccacivetta, Rizza e Forette abbiamo anche altre collaborazioni come la biciclettata in primavera. Per febbraio, partendo dalla Conca dei Parpari, sulle nevi della Lessinia, abbiamo organizzato la Ciaspolada con un gruppo di ottanta persone». Ma il programma è ricco: «Dopo la funzione religiosa delle Ceneri in chiesa, nel Circolo proponiamo la “Cena povera” anche se, in realtà, non lo è: bigoli con la sardella, il baccalà, polenta e renga. Chi partecipa paga e il ricavato viene devoluto al “Monte della carità quaresimale” della parrocchia. Organizziamo, spesso, gite in bicicletta di uno o due giorni: siamo andati sul Delta del Po, in Alto Adige, nel Mantovano, sui laghi lombardi, a Cortina ecc. Durante le gite di due giorni ci serviamo, naturalmente, del pullman, facciamo la nostra pedalata verso una meta dove si cena e si dorme e, il giorno successivo ancora si pedala per raggiungere un'altra meta, dove ci attende il pullman. Altre esperienze, a piedi, le abbiamo fatte alle Cinque Terre e nelle Foreste casentinesi in Toscana. A queste iniziative partecipa sempre un gruppo numeroso, non mai meno di cinquanta persone. Ricordo anche che abbiamo organizzato persino viaggi di otto giorni, in Italia e all’estero». L’aspetto conviviale ha un ruolo non indifferente nelle vostre iniziative... «Alcuni ci imputano che pensiamo solo a mangiare. Non è vero, perché lo stare a tavola insieme serve, sì, per nutrire il corpo ma serve anche per nutrire lo spirito, stimolare la compagnia, rinsaldare le amicizie, pensare a nuove iniziative. Le nostre gite non hanno mai la finalità della “mangiata”; abbiniamo sempre un momento culturale come la visita ad un santuario, ad un museo, al duomo delle città». E in estate cosa proponete? «In maggio ci spostiamo all’esterno. E mentre nella sede invernale il Circolo è vuoto perché la sera non esce nessuno, d’estate invece l’ambiente è frequentato da ragazzi che vengono a giocare, da adulti che escono a prendere il fresco e a chiacchierare. E appena prima della Sagra, che si tiene la seconda domenica di luglio, organizziamo il torneo di calcio a cinque. In agosto abbiamo un altro punto forte del nostro programma: ogni sabato organizziamo una cena a menu quasi fisso; la frequenza è molto alta (200-300 presenze) perché vien gente da tutte le parti che, oltre a cenare, partecipa alle lotterie e alle tombolate. Le serate si concludono con il dolce offerto dal Circolo. «Poi si passa, in novembre, alla castagnata di San Martino con vino novello», ricorda Venturini. «In dicembre, invece, in occasione dell’Immacolata organizziamo una cena che definiamo “Noi con Voi” con il piatto tipico dell’inverno del bollito con la peerà e, alla vigilia, dopo la messa della sera, offriamo a tutti vin brulé e pandoro». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie