19 ottobre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

01.10.2018

Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere

Il musical sulla vita di Papa Giovanni Paolo II realizzato dai giovani
Il musical sulla vita di Papa Giovanni Paolo II realizzato dai giovani

Il curato don Giulio Ambrosi è nato l'8 gennaio 1988 ed è originario della parrocchia di Casaleone. Diventa diacono il 7 aprile 2013 e nell’anno di pastorale 2013/2014 presta il suo servizio nella parrocchia di Cerea, dove viene confermato come vicario parrocchiale nel 2014. Don Giulio, ci spieghi come è nata la Casa don Bosco? «È nata quando ci siamo resi conto che l’educazione dei ragazzi e degli adolescenti non poteva ridursi ad un incontro settimanale e che la dinamica più incisiva, che colpisce di più, è quella della vita comune. Nasce, perciò, dalla passione educativa per adolescenti e giovani. Ed è anche nata dalla convinzione che la fede non è qualcosa di “spirituale”, ma è qualcosa che interessa la vita e che, vivendo insieme a loro, si incide di più che a fare tanti incontri. Allora la “Casa don Bosco” aiuta a vivere la fede nella vita di ogni giorno: condividendo la preghiera del mattino, mangiando insieme, studiando e giocando insieme». Come funziona? «Innanzitutto abbiamo a disposizione 23 posti, divisi in due camere; c’è una cucina grande, una sala studio e una cappellina. Come accennavo, questo ambiente, collocato all’interno della Casa del Giovane-Circolo Noi, serve a fare un’esperienza di vita comune. I ragazzi vivono insieme portando avanti le occupazioni che hanno ogni giorno. «Durante l’anno offriamo tre esperienze, diverse per tipologia. La prima è rivolta agli adolescenti che frequentano la parrocchia e proponiamo convivenze di una settimana; la seconda è un’esperienza che proponiamo alle classi delle superiori di una scuola superiore di Cerea: un’esperienza che dura una settimana, dalla domenica sera al venerdì; questa seconda proposta è interessante perché ci permette di creare un giro all’interno di coloro che non frequentano la parrocchia. Una terza esperienza, che è ancora in sperimentazione, è più continuativa: si tratta di un gruppo di ragazzi che si impegna a venire quasi tutte le settimane per due o tre giorni da ottobre fino a Natale e da fine gennaio a prima di Pasqua per un “lavoro” più regolare e continuativo. Questa terza possibilità è un po’ più impegnativa». Chi vive con i ragazzi? «Con loro vivono degli animatori presenti anche durante la notte; poi ci sono io per la maggior parte del tempo. I ragazzi si arrangiano a farsi da mangiare. Nell’esperienza continuativa invece c’è l’aiuto di alcune signore che danno una mano». Quali risultati vi ripromettete di ottenere? «In queste esperienze i frutti si vedono sempre avanti e sono dilatati nel tempo. Secondo me il frutto più grande è e sarà che loro comprendano che la fede ha a che fare con la vita concreta, che non è solo pregare. Il frutto che speriamo è che sentano la parrocchia come casa propria». • G.B.M.

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi