18 luglio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

10.12.2018

«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»

Lo staff degli organizzatori della Sagra di settembre: il grande impegno dei volontari garantisce il successo
Lo staff degli organizzatori della Sagra di settembre: il grande impegno dei volontari garantisce il successo

Non è particolarmente lunga la storia del Circolo di Fagnano, la cui nascita seguì a ruota, dopo qualche mese, quella del Circolo Anspi di Trevenzuolo, fondato il 10 aprile 1996 da un gruppo di parrocchiani volonterosi insieme al parroco don Frassani. Anche a Fagnano fu lanciato il circolo Anspi per avere un punto d’incontro per le famiglie e poter riunire i ragazzi in un ambiente sereno e sicuro. Nel 2002, quando a Verona fu istituita l’Associazione Noi, il Circolo di Fagnano aderì subito. Le vicende che seguirono furono alterne, anche se l’obiettivo è sempre rimasto ben chiaro a coloro che lo hanno diretto: aggregazione e rapporti solidali e di amicizia tra i soci, secondo lo spirito evangelico. Fino ai nostri giorni, sotto la guida del presidente Davide Morelato. Davide ha 35 anni ed è un artigiano edile. Entrato nel Circolo Noi circa otto anni fa, si occupava, allora, prevalentemente del settore giovanile e cercava di avvicinare più giovani possibile all’associazione. «L’attività principale del gruppo trainante del Circolo, quando sono entrato io», spiega Morelato, «era il torneo di calcio estivo, che durava da luglio fino a metà agosto ed era a sedici squadre. Si giocava dalle due alle tre sere la settimana. Il gruppo ha funzionato parecchi anni. Poi le squadre aderenti si sono ridotte: hanno cominciato ad aprire altri campi di calcio nei dintorni e il flusso delle squadre ha preso altre direzioni. «Così il nostro torneo, quattro anni fa, è andato a spegnersi. Noi, però, abbiamo continuato con le piccole manifestazioni che già erano diventate la nostra tradizione». A quel punto, quattro anni fa, il direttivo è decaduto e il 90 per cento dei vecchi amministratori si è ritirato. «In due o tre, che da sempre avevamo creduto nella validità del Noi», riprende Davide, «abbiamo cercato di trovare nuovi associati. Il direttivo è stato rinnovato e io sono stato eletto presidente. «Superate le prime difficoltà ad inserirci nella comunità come nuovo gruppo, abbiamo individuato nella Sagra il momento di maggior aggregazione sia dei membri del direttivo che della comunità». E su quello si sono concentrati gli sforzi dei volontari. La Sagra si tiene la seconda settimana di settembre e dura tre giorni. L’iniziativa è stata particolarmente apprezzata dalla popolazione e, nel Circolo, è rinato ancora l’entusiasmo iniziale; anzi questo successo ha dato la carica che ha permesso di arrivare alla terza edizione. «È una manifestazione che ci impegna a cominciare da sei mesi prima: sia per raccogliere i volontari, che di solito sono una cinquantina, e sia per l’organizzazione logistica generale. L’iniziativa copre l’arco di tre giornate, venerdì, sabato e domenica. Facciamo tutto all’aperto, dietro il salone nel campo sportivo e in un terreno a fianco, messo a disposizione da Renato Suma, collezionista di trattori storici. Lui espone un centinaio di quei trattori perfettamente funzionanti e, durante la manifestazione della domenica mattina, per le strade del paese si tiene la sfilata, tra due ali di persone che arrivano anche da fuori. È un modo per ricollegarci alla tradizione agricola del paese». Durante le tre serate «proponiamo sempre qualcosa di nuovo e originale. Una sera, per esempio, la sfilata di automobili d’epoca; nell’altra serata suona sempre qualche gruppo musicale. Durante il periodo della Sagra funziona lo stand gastronomico che, di domenica, offre anche il pranzo», ricorda Morelato. Se nella Sagra si concentra la maggior parte del vostro impegno, durante l’anno cosa proponete agli associati e alla comunità? «Si comincia all’inizio dell’anno con i festeggiamenti per la Befana: una iniziativa che è ormai scomparsa nei paesi limitrofi e che è sopravvissuta solo nel nostro paese. Si tratta della “Vecia”. Allestiamo un bellissimo spettacolo ed offriamo anche la cena a chi intende fermarsi negli ambienti del Circolo. «In questa occasione vediamo molte famiglie giovani con i bambini. Il paese si raduna tutto al Noi, anche perché non c’è altro luogo o modo per incontrasi e creare aggregazione. Anche per questo le manifestazioni che organizziamo vedono sempre una folta presenza». Segue la festa di Carnevale. «Anche il Carnevale è una nostra caratteristica; non c’è a Trevenzuolo, non c’è a Roncolevà e neppure a Erbè. A Fagnano c’è un “comitato carnevalesco” con il quale collaboriamo. Fino a qualche anno fa ci chiedevano un aiuto nel momento della festa: da alcuni anni, poiché anche il loro numero si è ristretto, ci chiedono un impegno più importante. Fino ad ora si erano limitati alla pura sfilata dei carri in piazza. «Da quest’anno, con la nostra presenza, cercheremo di ampliare la manifestazione organizzando anche i vecchi giochi, come la cuccagna, il tiro alla fune e altro. Abbiamo ancora del tempo e contribuiremo ad arricchire la festa». Prosegue Morelato: «Grazie al rapporto di amicizia con Renato Brognoli, presidente del circolo di Erbè, negli questi ultimi tempi abbiamo iniziato una bella collaborazione con quel Circolo Noi: insieme abbiamo organizzato il Torneo di calcetto. E, per superare i vecchi campanilismi tra Trevenzuolo e le sue frazioni, ci aiutiamo reciprocamente anche con il Circolo Noi di Roncolevà. «Anzi, ogni anno, quando si tratta di programmare le attività, ci incontriamo anche con rappresentanti degli altri Circoli e vediamo di non sovrapporre le iniziative». In gennaio scadrà il mandato del direttivo; bisognerà rinnovare le cariche sociali. «È vero, a gennaio il nostro direttivo è in scadenza», conferma il presidente Morelato, «in quell’occasione lanceremo una proposta per rimpolpare il nuovo direttivo con forze giovani, che hanno voglia di fare, e guardare avanti con fiducia». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto