22 luglio 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

11.02.2019

Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali

Gli alpini sono una certezza per il Noi: in cambio della sede offrono un servizio prezioso per la comunità
Gli alpini sono una certezza per il Noi: in cambio della sede offrono un servizio prezioso per la comunità

Il Circolo Noi - Oratorio «Le Ali» si trova nel quartiere dello Stadio, a Verona, ed è una realtà abbastanza recente; viene infatti costruito negli anni 2000 per volontà di don Giovanni Barlottini. Nel 2002 inizia la sua attività coinvolgendo molti volontari del quartiere. Nel tempo, come tanti oratori, ha alternato a momenti di grande partecipazione altri di difficoltà; il volontariato dei genitori si è quasi del tutto azzerato e, in seguito alle dimissioni dei dirigenti, il Circolo rischiava di chiudere. È rimasto, comunque ad oggi, l’unico oratorio aperto con continuità nella zona. Da tre anni il presidente del Circolo Noi - Oratorio «Le Ali» è Alessandro Ferialdi, un bancario di 49 anni. «Sono presidente quasi per sbaglio. Mi spiego. Tre anni fa l’allora presidente diede le dimissioni e, poiché nessuno si faceva avanti, a malincuore avevamo quasi deciso di chiudere il Circolo. A quel punto diedi la mia disponibilità. Il nostro punto di riferimento lo chiamiamo Oratorio oppure Circolo Noi; il nome non è tanto importante ma ciò che conta è la sostanza cioè quello che cerchiamo di fare. Per noi è l’oratorio, per il ricordo degli anni della nostra infanzia quando lo frequentavamo per giocare a calciobalilla con gli amici: era un punto di incontro, un ritrovo. E lo è tuttora mentre i punti d’incontro stanno venendo sempre meno».

 

Per ripartire cosa avete inventato?

«Abbiamo cercato di cambiare il vecchio sistema. Ho chiesto che ci fosse una squadra di persone disponibili a dare una mano per le attività che avremmo messo in atto. E con questa squadra abbiamo rilanciato l’oratorio. Abbiamo ridato un po’ di effervescenza ed io mi sono messo un po’ da parte a guardare, perché i collaboratori più stretti hanno dimostrato di saperci fare. «La nostra grande fortuna è stata quella di incontrare il gruppo degli alpini, che non avevano una sede. Abbiamo fatto un accordo: noi vi diamo una sede e voi ci garantite l’apertura e la chiusura degli ambienti dell’oratorio. E così è stato. Si è instaurata tra loro e i nostri ragazzi una gioiosa collaborazione. Il lavoro degli alpini è quello più sporco, se volete, di tenere aperti gli ambienti, tenerli in ordine e puliti. Ai genitori, invece, è affidato il compito più bello: portare o indirizzare i ragazzi all'oratorio, proporre attività e gestirle insieme a noi».

 

Quali difficoltà avete incontrato?

«La nostra grande sfida di fare ripartire l’oratorio si è dovuta misurare con la mentalità delle nuove generazioni condizionate dalla multimedialità. Durante il percorso alcuni ragazzi un po’ “fighetti” si sono allontanati: è stata anche una fortuna; in compenso noi abbiamo recuperato molti “ragazzi di strada”, quelli che bighellonavano e non avevano punti di riferimento. Ora ce li troviamo qua a giocare in un ambiente sano. Se poi i ragazzi capiscono che vogliamo loro bene, si affezionano. Se l’oratorio ha passato momenti di difficoltà, il campetto invece, nel quale molti genitori si sono sbucciati le ginocchia, è storico. In questo nostro campetto hanno giocato anche “piedi importanti” come Diego Maradona e Claudio Caniggia. Infatti, dall’altra parte della strada c’era il negozio di parrucchiere di Lele Mora, frequentato da questi calciatori; che vedevano i ragazzi giocare in questo campetto ed ogni tanto scendevano e facevano due palleggi con loro».

 

Quali attività state sviluppando?

«L’oratorio», dice il presidente Alessandro Ferialdi, «è un luogo di incontro eccezionale per conoscersi e stare insieme. Quando sento parlare di programmi di intercultura fatti a scuola mi viene una tristezza enorme, perché capisco che i ragazzi non riescono più a socializzare tra loro. Nel campetto basta una palla per vedere il più grande programma di intercultura esistente. Ogni giorno abbiamo ragazzi di tutte le etnie che giocano a calcio scherzando e prendendosi in giro tra loro, per poi finire con una Coca cola in oratorio. Più intercultura di così!».

Attualmente l’oratorio con i suoi ragazzi sta organizzando alcuni eventi che coinvolgono tutti i gruppi del quartiere, come la Festa delle associazioni che si svolge la terza domenica di gennaio ed è partito da poco, con una iniziativa lodevole che coinvolge un sabato sera al mese, tutti i ragazzi delle medie con giochi importanti e di grande impatto. «Le attività svolte sono state e sono molteplici. Abbiamo fatto la scuola di danza, cineforum, scuola di teatro, scuola di pittura e bricolage con alcune signore», ricorda il presidente. «Abbiamo lanciato anche delle iniziative per legare l’oratorio alla pastorale: dopo il catechismo, nel maggio scorso, organizzavamo la merenda per permettere ai ragazzi di stare un’oretta insieme e permettere ai genitori di recuperarli verso le sei e mezza... La risposta dei genitori, però, non è stata del tutto soddisfacente». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»
Campalano, gli
anziani sono
protagonisti
Fede e campanilismo
in difesa
delle tradizioni
Don Franco: la missione
è coinvolgere le famiglie
Quelli del Noi,
volontari coi
piedi per terra
Don Pietro: «L’Acr
e gli scout sono il
nostro valore aggiunto»
Tempo libero
formativo su
misura per le famiglie
Dossobuono,
giovani con
lo spirito giusto
Coinvolgere le
famiglie per far
crescere i ragazzi
Noi Pèraro, la
forza trainante
dei giovani
Un contenitore
di idee che
aiuta a crescere
Catechismo, Grest,
Acr tutto gira
intorno al Noi
Dossobuono,
giovani con lo
spirito giusto