20 novembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

24.02.2019

Alleati per far
crescere il paese

Don Franco Dal Dosso
Don Franco Dal Dosso

Don Franco Dal Dosso è originario di Verona, dove è nato nel 1964. È stato ordinato sacerdote nel 1989 e ha fatto la sua prima esperienza sacerdotale a Palazzina (1989-1992). In seguito ha fatto il curato per altri tre anni a Grezzana. Poi è stato vice rettore delle medie in seminario per sei anni e poi parroco di Corbiolo. Dal 2011 è parroco a Cerro. Don Franco ci illustri la situazione socioeconomica all’interno della quale si trova la comunità cristiana di Cerro. «Comune e parrocchia praticamente corrispondono. Gli abitanti sono 2.300. Pur essendo una piccola comunità, è la realtà più grande della Lessinia. La sua economia, non essendoci grandi insediamenti industriali, si regge sui tanti artigiani che, quotidianamente, con camioncini e furgoni, scendono verso la città e risalgono la sera. È una comunità molto giovane e viva, con la più alta natalità rispetto agli altri centri limitrofi». In questi ultimi anni in paese si è assistito ad un «desiderio di casa»: «Qui negli anni Settanta si sono costruite tantissime seconde case (allora c’era l’idea della seconda casa in Lessinia); ma adesso la realtà sta cambiando perché la seconda casa ha un costo e la gente preferisce girare il mondo. Perciò sul mercato c’è una grande offerta di abitazioni. E uno degli aspetti interessanti è che Cerro è vicino alla città per cui tanti preferiscono abitare qui nel verde e scendere in città per il lavoro. Per questo il nostro Comune è in controtendenza nei confronti di tante altre comunità che si stanno spopolando». Alla vivacità della società civile corrisponde un altrettanto dinamico spirito religioso? «Nel nostro territorio c’è una religiosità ben radicata; religiosità semplice da gente di montagna. La cosa più problematica è data dagli arrivi anche dai paesi vicini delle nuove famiglie, che non hanno portato sempre ad una coesione o ad un tranquillo inserimento. Dal punto di vista religioso anche questo fatto non è stato del tutto favorevole. «Nel paese la parrocchia ha un ruolo rilevante anche perché le strutture sono tutte della parrocchia. La parrocchia ha il teatro, gli ambienti per gli incontri, la palestra, ha il Noi. E poi, lo stabile della scuola materna è della parrocchia. Se la parrocchia chiudesse... Però devo aggiungere che tra l’Amministrazione comunale e la Parrocchia non solo esiste un rapporto di reciproco rispetto ma una fattiva collaborazione, volta al bene dei cittadini, ognuna nel proprio ambito». E la partecipazione alle funzioni liturgiche? «È buona», spiega don Franco. «C’è da dire che essendo Cerro un punto di riferimento commerciale, c’è il mercato, ci sono tutti i servizi, c’è la posta, la farmacia, è anche un punto di riferimento come servizio religioso. C’è una buona offerta di messe: la domenica quattro celebrazioni più quella del sabato sera. Abbiamo un sacerdote giovane, un curato vicariale, don Fabio Gastaldelli ordinato nel 2016. Risiede a Cerro ma è a disposizione di tutta la vicaria nell’ambito delle proposte per i giovani». La finalità prima e ultima della pastorale si incentra sulla catechesi. Come l’avete organizzata? «Noi abbiamo ancora lo schema tradizionale, che prevede l’incontro settimanale del lunedì sia per le elementari che per le medie. Il venerdì sera c’è l’incontro con gli adolescenti, seguiti da don Fabio. Per i giovani, attualmente, stiamo proponendo 10 incontri consecutivi, la domenica sera; è un programma di catechesi per giovani che si attua nella vicaria ed è denominato le “Cene Alfa”. Stiamo avendo un riscontro positivo se osserviamo che i giovani presenti superano sempre la cinquantina». Cerro è anche un punto di riferimento per tutta la vicaria... «Qui si fanno corsi di formazione per tutte le catechiste e per i consigli pastorali. Da sette anni, inoltre, tutti i martedì sera nella vicaria si tiene un corso di teologia per laici, con lezioni alla portata della nostra gente». E d’estate quali proposte offrite ai ragazzi? «Si riparte. Noi proponiamo il Grest tradizionale, al pomeriggio, di tre settimane. Vengono poi proposti, sempre a livello vicariale, i campi scuola per i ragazzi di quarta-quinta elementare e un altro campo per prima e seconda media. Don Fabio agli adolescenti offre l’opportunità di due campi scuola al mare. Proponiamo, inoltre, un pellegrinaggio per giovani: quest’anno lo faremo in Terra santa. Nel frattempo il circolo Noi organizza tutta una serie di piccole attività come la scuola di pattinaggio, tornei per piccoli e grandi». Quanti i bambini che frequentano il Grest? «Sono duecento con 50/60 animatori e una decina di mamme che collaborano per la distribuzione delle merende e i laboratori». Cosa può dire del Circolo Noi e della sua attività all’interno della parrocchia? «Innanzitutto c’è un bel clima di collaborazione tra parrocchia e circolo: facciamo parte della stessa famiglia. Per noi la parrocchia e il Circolo sono un tutt’uno. Il Circolo cerca di venire incontro alle necessità del momento e del luogo; per cui noi apriamo in orari molto limitati, che sono quelli durante i quali i ragazzi, già molto impegnati in altre attività, possono incontrarsi per vivere insieme alcuni eventi appositamente organizzati per loro dal Circolo». •

G.B.M.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»
È il gioco di
squadra che fa
vincere il «Noi»
Il Perdon d’Assisi
all’origine
della sagra
Unità pastorale,
la sfida di un
cammino comune
Amanda, nata
grazie a
papa Paolo VI
«Uno spazio di
relazioni dove
riannodare legami»
I volontari fanno
grande l’estate
del «Noi»
Grest, 200 giovani
nel segno d i«Yubi»
Star, un unico
percorso per
quattro comunità
Sognare insieme,
così cambiamo
il paese
Quelli del «Noi»,
volontariato
senza colori
Dai giovani al teatro
l’importante è esserci
Amicizia e rispetto:
«Qui ci si sente
a proprio agio»
Al Circolo tutti
sono al centro
del mondo
«Volontari e creativi
qui nasce la comunità»
Si investe sui
bambini coinvolgendo
le famiglie
Dai Primi passi al
Grest vince lo
spirito di gruppo
Qui si offre l’ambiente
giusto per i ragazzi
«A Santa Maria
il punto fermo
siamo Noi»