10 agosto 2020

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Una vita in circolo

24.02.2020

A Bionde metà del paese è con Noi

Al Circolo di Bionde è arrivata la Befana
Al Circolo di Bionde è arrivata la Befana

Era il 21 febbraio 1977 quando, per volontà dell’allora parroco don Bruno Moserle, nacque il «Circolo Culturale Ricreativo Vittoria», affiliato all’associazione Anspi. Il primo direttivo era composto dal presidente don Bruno Moserle, dal maestro del paese Angelo Fornaser, vicepresidente, e da alcuni altri nella veste di segretario, revisore dei conti e addetto alle attività. La prima assemblea si tenne nel novembre dello stesso anno con la partecipazione di una sessantina di soci a convalidare lo statuto. Nell’aprile 2002 l’associazione ha cambiato denominazione passando dall’Anspi al Noi Associazione. Di conseguenza anche il Circolo è cambiato, diventando Centro Educativo Bionde Noi. Il Circolo venne identificato con il codice Vr004, quindi tra i primissimi ad essere affiliati al Noi di Verona, e ormai può contare su più di 1.100 soci che si sono succeduti in tutti questi anni di attività. Bionde è una frazione di Salizzole con una popolazione di circa 700 abitanti. Nonostante il numero esiguo degli abitanti, il Circolo Noi ha ben attecchito e l’aggregazione legata alla parrocchia può vantare un’adesione molto soddisfacente: quasi la metà dei residenti è iscritta. Ce ne dà conferma la presidente Alessandra Cazzola, 26 anni, sposata e segretaria in un’azienda della zona. «Abbiamo una struttura aperta ogni domenica mattina, dopo la messa, per un caffè e un incontro, e nel pomeriggio per i vari giochi. Talvolta il Circolo è aperto anche il sabato in occasione di alcune attività. Accanto c’è un campo da calcio e da pallavolo a disposizione dei ragazzi ed un teatro che ci offre la possibilità di fare spettacoli o attività interattive, che nel ristretto spazio del Circolo non si possono svolgere. In prospettiva il nostro Circolo dovrebbe trasferirsi nella sede dell’ex scuola materna che, quest’anno, ha cessato la sua attività per mancanza di bambini. È un ambiente più recente e con ambienti maggiormente adatti alle nostre attività». Le vostre attività? «Possiamo cominciare con l’arrivo della Befana il 6 gennaio, che porta i dolcetti a tutti i bambini, insieme a un piccolo ristoro. In seguito organizziamo la Festa di Carnevale: invitiamo i bambini a venire mascherati al Circolo e qui trovano l’opportunità di giocare insieme e di fare la merenda, offerta dal Circolo. Con i Frati della Gabbia, da due anni organizziamo uno spettacolo di burattini. L’appuntamento per il 2020 è già fissato per il prossimo 15 marzo. «Sempre in marzo», continua la presidente, «presenteremo alla cittadinanza uno spettacolo interattivo in collaborazione con il gruppo “Schegge di fantasia”. Nel periodo primaverile, invece, organizzeremo una rassegna culturale; l’anno scorso, in una serata abbiamo ospitato la Croce Rossa, nell’altra abbiamo invitato Pietro Lombardo, pedagogista a orientamento psicologico, scrittore e apprezzato conferenziere, in un’altra Fra’ Ambrogio, un frate della Gabbia. Quest’anno pensiamo di toccare i seguenti argomenti: il nutrizionismo, il bullismo, un tema di pregnanza spirituale-religiosa affrontato da rappresentante ecclesiastico e un’altra iniziativa sulla gioia». E durante l’estate? «Nel periodo in cui si tiene la sagra del paese, c’è sempre stato il Grest per il quale noi mettiamo a disposizione tutti gli ambienti», ricorda Alessandra Cazzola. «Grest e campi estivi sono organizzati dalla parrocchia. Nel mese di luglio il Circolo offrirà alla cittadinanza delle serate nelle quali si svolgerà un torneo di tombola con dei premi simbolici legati all’economia domestica. Proveremo a tenere aperto il Circolo», auspica Alessandra, «anche quest’estate organizzando delle serate in cui si giocherà a carte (burraco o briscola). Per la domenica l’idea è quella di organizzare degli incontri a tema, invitando anche associazioni (Dadi in bilico di Lazise, ad esempio) oppure offrendo la possibilità di divertirsi con i giochi in scatola». Dopo la pausa agostana, in settembre riprendono le attività... «In ottobre-novembre abbiamo allestito una rassegna con gruppi teatrali e musicali e una serata con spettacolo interattivo. Nonostante queste ultime iniziative fossero volutamente collocate al sabato sera», spiega la presidente con un certo rammarico, «la partecipazione non è mai stata molto elevata. All’approssimarsi del Natale abbiamo intenzione di organizzare per i nostri ragazzi degli incontri domenicali per fare lavoretti o gli addobbi per il presepe o l’albero di Natale. «Il paese è piccolo, gli abitanti sono 700 ma i nostri associati», conclude con soddisfazione la presidente, «sono 300 e raggiungiamo quasi la metà della popolazione». •

Gian Battista Muzzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Giochi, sport e idee:
si cresce insieme
Noi al Centro,
qui si fa
tutto insieme
La Fonte, il laboratorio dell’amicizia
L’unione fa la differenza
Decisivo il ruolo dei laici
A Bionde metà del paese è con Noi
«Famiglie, abbiamo bisogno di voi»
Vince il senso della comunità
Tarmassia si muove al ritmo del Noi
«Un Circolo che
unisce e aiuta»
Sempre aperti e
sempre pieni di idee
«Una comunità che partecipa»
La fede? Fiorisce anche al bar
San Vito ruota
attorno alla «Cimice»
«Il Circolo unisce tutti i gruppi»
«Casa Mia», amicizia senza confini
«Il Noi, valore
indispensabile»
Gli amici del campeggio siamo Noi
La sfida del Noi: ripartire dai giovani
«Le famiglie, la nostra anima
e base dell’attività del Circolo»
Tante idee nel
segno di
don Guerrino
Giovani, anziani e
«lontani» l’importante
è partecipare
Unità nella fede, una
sfida vinta: «Il Noi vuol
dire partecipazione»
Due paesi che
lavorano
per «Uno»
Tregnago, è qui la grande bellezza
«Il Noi è il braccio operativo
Si educano gli onesti cittadini»
Quelli di Pozzo,
un Ponte fra
generazioni
«Il Noi può offrire
opportunità anche
lavorando con i gruppi»
Noi Balconi,
ecco dove il
paese s’incontra
Nuova chiesa,
sfida pastorale
«Il Sole»
mette i giovani
sempre al centro
Il Noi, il nostro luogo d’incontro
«Sei più», ma
il Circolo si
merita un nove
«Camminiamo
insieme al Noi»
Ca’ di David,
tante idee per
«vivere» il Noi
«Qui sai che ti puoi fermare»
Poggi: «Questa
è la casa
delle famiglie»
«Il Noi aiuta a creare relazioni»
Dall’oratorio al bar,
qui tutti si sentono
come a casa loro
«Un luogo
accogliente
per tutti»
Nella «casetta»
il Noi continua
a crescere
La fede
si rafforza
con i campi
Angiari, quelli
del Noi sono
una garanzia
L’accordo e
l’amicizia ci
fanno crescere
Dolcè, un quarto
di secolo da
protagonisti
Qui si mette
in circolo
il meglio
Circolo Noi,
ripartenza grazie
alle donne
Barbara e Cristina:
noi ci siamo. Franco:
«Aumentati i giovani»
Il Noi, grandi
cose con umiltà
e impegno
Dalla Befana al Grest
e al Palio un anno
vissuto intensamente
Novaglie, il
«Noi» è sempre
in movimento
Lavorare
insieme
per crescere
Corsi, idee,
proposte a misura
di famiglie
Alleati per far
crescere il paese
Lo spirito del Noi:
al centro
della comunità
Dal country a
triathlon,
largo alle idee
Allo Stadio
il gioco di squadra
mette le Ali
«Un ambiente
sereno
per i figli»
Spazi e idee,
il «Noi» fa
crescere Casette
«È un ponte
con la comunità»
Passioni e tempo libero moltiplicati per tre
Catechesi, le
famiglie al centro
Salus, il primo
ad accettare
la sfida del Noi
Salizzole, quelli
del Noi hanno
fatto tredici
«Il Circolo e i volontari
sono già il nostro futuro»
San Rocco, la grande
famiglia del «Noi»
Grest e campi scuola
si fanno in tre a Marano
«Carnevale e sagra,
Fagnano siamo Noi»
«Un super grazie
a chi crede in
questa realtà»
«Per divertirsi
il cellulare
resta a casa»
«Se non ci fosse il
Circolo si dovrebbe
inventarlo»
«C’è un sentire comune
fa bene anche alla fede»
Tante idee per
frenare la fuga
della gioventù
Erbè, la rinascita
e tante idee
per crescere
«Presenza significativa
Il Circolo serve a tutti»
Corno-San Vito,
insieme non
solo per sport
«Il Circolo
è la nostra
frontiera»
Tomba Extra,
uno spirito
da protagonisti
«Siamo un ponte
fra strada e chiesa»
Gli adolescenti al
centro: «Sono
la nostra priorità»
Giovani e adulti,
a Soave si
sono fatti in due
«Partiamo dalla
famiglia per
diffondere la fede»
Vicini nel segno
dell’Amicizia anche
quando l’età avanza
«Noi», lo spazio
dove si cammina
insieme
Casa don Bosco, la vita
comune che fa crescere
Non solo «bar dei
preti» ma una
palestra di vita
«La Sorgente», tanto calcio ma non solo
«Siamo un condominio
al servizio dei ragazzi»
Al «Noi» le volontarie
fanno la differenza
«Un ambiente familiare
che dà fiducia ai genitori»
Il primo impegno?
Aiutare la comunità
«Noi», il volontariato che fa bene a Lazise
Teatro, corsi e cene: partecipare è bello
«Coinvolgere
i genitori così il
Circolo è di tutti»
San Martino,
il Noi moltiplicato
per cinque
Ivano e Lauro
sono la
memoria storica
«Senza sede,
ogni luogo è
occasione d’incontro»
A Illasi il miglior
investimento
è la famiglia
«Noialtri», sport
e gite per
fare gruppo
Don Luigi: «Lavoriamo
insieme per
la gioventù»