23 aprile 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Alluvione Est

04.11.2010

Gli elettrodomestici dal negozio all'abitazione del piano superiore

Un mezzo anfibio naviga nelle strade allagate di Monteforte
Un mezzo anfibio naviga nelle strade allagate di Monteforte

Gestire un negozio di elettrodomestici e doverli mettere in salvo dall'alluvione. Lavatrici, frigoriferi, un patrimonio «pesante» messo a rischio dal livello dell'acqua che sale e sale. «Sono venuti ad allertarmi i miei vicini: "l'Alpone ha rotto gli argini". Ma non pensavamo certo di ritrovarci con quasi un metro d'acqua al piano terra», spiega la titolare del negozio, in via Dante. Quando lei e i suoi figli, dal loro appartamento al piano di sopra, si sono accorti che l'acqua aumentava a dismisura, sono corsi a chiamare rinforzi. «Bontà di vicini e amici se siamo riusciti a salvate un po' di merce», continua l'esercente.
In una decina, racconta, si sono messi a spostare elettrodomestici in fretta e furia, sollevandoli di peso per trasferirli all'asciutto, al piano superiore. Un'impresa titanica. «Speravamo di salvare anche le "carte": contabilità, fatture, ordini... niente, tutto sott'acqua. Ora in casa non mi posso neanche muovere», spiega la negoziante, «perché ogni angolo è occupato: la cucina, la camera da letto. Siamo ospitati da parenti, perché comunque non si può stare senza corrente». E c'è stato così poco tempo, tra il prendere coscienza della gravità della situazione e la reazione, che si è dovuta fare una scelta: salvare la merce in negozio oppure le auto di famiglia, parcheggiate in strada. «Sono ancora là, stanno riaffiorando adesso dall'acqua», conclude. «L'amarezza è di non aver ricevuto in tempo l'avviso ufficiale che lo straripamento non si sarebbe contenuto nei campi circostanti, né limitato ad alcune dita d'acqua sul pavimento. Vedersi entrare in negozio, e tanto più in casa, una tale quantità d'acqua è un fatto gravissimo».L.CO.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1