17 settembre 2019

Speciali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

I nostri grafici

01.04.2016

Apple spegne
40 candeline
Debutto fu in garage

Apple ha rivoluzionato il mondo dell'informatica
Apple ha rivoluzionato il mondo dell'informatica

Da un piccolo garage californiano alle mani, alle scrivanie e ultimamente anche ai polsi di milioni di persone nel mondo. Oggi Apple festeggia il 40esimo anniversario dalla sua nascita. In quattro decenni l’azienda con sede a Cupertino ha rivoluzionato il modo di intendere e vivere la tecnologia, facendo decollare nuovi settori di business e creando linee e prodotti di tendenza seguiti poi dal resto dell’industria. Non c’è aspetto che non sia stato coinvolto e travolto dalle idee portate avanti da Apple: dalla telefonia ai computer, passando per la musica e la sicurezza informatica.

Era il lontano primo aprile 1976 quando Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne fondarono la Apple Computers.

Il garage dei genitori di Jobs al 2066 di Crist Drive a Los Altos come luogo in cui incontrarsi e in cui sentirsi a casa, l’azienda HP dove lavorava Wozniack come sede per disegnare, progettare e assemblare i loro progetti futuri. Da allora numerosi sono stati i successi tecnologici che hanno permesso ad Apple di diventare una delle più importanti imprese hi-tech di sempre: il lancio del primo Macintosh nel 1984, l’avvento dell’IPhone nel 2007 e dell’Ipad nel 2010. La storia di Apple si intreccia nel profondo con quella del suo fondatore e genio Steve Jobs che dopo aver abbandonato la sua creazione vi rientrò nel 1997 dando la svolta alla sua carriera e a quella dell’azienda. La sua morte precoce nel 2011 ha chiuso un’era: il testimone è passato a Tim Cook che nel 2014 ha annunciato l’ultimo arrivato Apple Watch e ha da poco intrapreso una battaglia con l’Fbi in ambito di sicurezza informatica e accesso a dati per fini investigativi. 

 

Francesco Delai
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1