Animali&Co

29.05.2012

«Una tassa per cani e gatti? Così avremo più abbandoni»

Un gazebo della lav per sensibilizzare contro gli abbandoni di animali
Un gazebo della lav per sensibilizzare contro gli abbandoni di animali

«Possibilità di introdurre una nuova tariffa comunale al cui pagamento sono tenuti i proprietari di cani e gatti e destinata al finanziamento di iniziative di prevenzione e contrasto del randagismo e dell'abbandono quali incentivi per l'adozione di animale di affezione». È il passaggio della proposta di legge, nata da un'iniziativa di Jole Santelli e Fiorella Rubino Ceccacci, che ha scatenato le dure reazioni degli stessi parlamentari - in maniera trasversale - e delle associazioni animaliste e di tutela dei cittadini. «Sono sempre stata contraria a questa sciagurata ipotesi che, al solo annuncio, già produrrebbe l'effetto di incentivare l'abbandono e quindi il randagismo», ha commentato l'ex ministro Michela Vittoria Brambilla, sottolineando che «gli animali d'affezione svolgono un importantissimo ruolo sociale per milioni di italiani, che li considerano veri e propri componenti della famiglia. Tassare il cane e il gatto sarebbe come mettere una tassa sui figli».
Duro anche il Codacons: «Un'idea malsana e gravemente pericolosa», ha commentato il presidente, Carlo Rienzi,«che porterà solo effetti negativi, alcuni addirittura pericolosi. Gli anziani che hanno un animale domestico dovranno aggiungere una nuova spesa, impoverendosi sempre di più». Dello stesso tono il commento della presidente nazionale dell'Enpa, Carla Rocchi: «Una tassa di questo tipo, oltre a essere discutibile sul piano etico, favorirebbe nuovi abbandoni e disincentiverebbe le adozioni nei canili, con un aggravio di spesa per le casse degli anti locali».
Concorda il presidente nazionale della Lav, Gianluca Felicetti, associazione che aveva promosso il testo nella sua versione originaria: «Al momento la proposta è all'esame di diverse commissioni, alla Camera. C'è stato un palese dietrofront da parte dei parlamentari, è vero, dopo il putiferio mediatico scatenato da questa proposta demente, ma aspetto i fatti concreti, perchè non è scontato che venga ritirata. Il testo modificato della legge quadro in materia di animali d'affezione e prevenzione del randagismo», conclude Felicetti, «non piace alla Lav e a altre associazioni anche perchè tutte le norme di tutela di cani e gatti non sarebbero applicabili agli allevamenti».
Lorenza Zanaboni, presidente della sezione veronese della Lav, si augura che la proposta finisca nel cestino. «Significherebbe riempire le strade di randagi», attacca, «ma soprattutto vanificare le azioni attuate negli ultimi vent'anni, con soldi pubblici, per eradicare il randagismo. Vogliamo che l'Italia diventi come la Romania e l'Ucraina, dove si organizzano le cacce ai randagi? Basta già la crisi», conclude, «a costringere padroni poco abbienti a rinunciare ai propri animali perchè incapaci di far fronte alle spese veterinarie. Da gennaio a oggi la Lav ha pagato le spese di sterilizzazione di 29 cani i cui padroni non erano in grado di pagare e dimostrando sensibilità ci hanno chiesto aiuto. Con la tassa, anziani e disoccupati sarebbero costretti a abbandonarli, pur con la morte nel cuore».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1