Animali&Co

03.03.2012

Salva la gatta rimasta intrappolata per giorni

La gattina finita nel pozzetto d'irrigazione con il suo salvatore
La gattina finita nel pozzetto d'irrigazione con il suo salvatore

Cosa non si fa per gli amici animali. Una gatta che mancava da casa da domenica scorsa era rimasta intrappolata in un pozzetto d'irrigazione ed è stata salvata ieri pomeriggio dal suo padrone in maniera rocambolesca. Antonio C., 46 anni, residente in via Salvo D'Acquisto a Pescantina, dopo svariati tentativi andati a vuoto, si è calato con una scala nel pozzetto che si trova all'incrocio tra via Salvo D'Acquisto e via Sabionè. Si è infilato nello stretto cunicolo che collega le canalette sotterranee della zona ed ha tratto in salvo l'animale. Ma per arrivare al lieto fine di questa avventura la strada non è stata per niente semplice. Subito dopo aver perso Cleopatra, questo il nome della micia di un anno color panna e dagli occhi azzurri, i padroni hanno tappezzato il quartiere di volantini con la sua foto nella speranza che qualcuno la vedesse, inviando una segnalazione anche al sito web del nostro giornale. Ma tutto senza esito. Poi giovedì sera la svolta.  «Stavo buttando la spazzatura quando ho sentito il pianto della gattina provenire da uno dei pozzetti», racconta Antonio. Spostando la lastra di cemento che chiude il pozzo, profondo oltre quattro metri, è riuscito, dopo aver gettato dei croccantini sul fondo, a vedere per pochi minuti la sua gattina, affamata e assetata (non mangiava e beveva da domenica). Sul posto giovedì sera, oltre a un gruppo di residenti della zona incuriositi e preoccupati per la sorte dell'animale, sono intervenuti i vigili del fuoco, che, dopo aver transennato l'area circostante, si sono calati all'interno del pozzetto. Ma Cleopatra, spaventata dal trambusto, si era nascosta. Antonio non si è dato per vinto e ieri mattina è tornato sul posto: ha aspettato finché la micia ha fatto capolino dall'imboccatura in fondo al cunicolo, si è calato con una scala e infilandosi tra le strette pareti del passaggio, non senza difficoltà, ha preso il felino e l'ha portato in salvo. «È stata una gioia immensa», ha affermato raggiante Antonio subito dopo il salvataggio. «In famiglia siamo molto affezionati a Cleo, specie mia figlia Chiara di 4 anni. Era straziante vederla e non riuscire a salvarla. Per fortuna alla fine tutto è andato per il meglio». EM.ZAN.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1