Animali&Co

24.07.2012

Paletta e sacchetti
obbligatori. Al
guinzaglio
nelle aree verdi

Un contenitore dell’Amia per la raccolta delle deiezioni canine
Un contenitore dell’Amia per la raccolta delle deiezioni canine

Dovrebbero finire nel carrello della spesa in automatico, come pannolini e carta igienica. E poi essere usati, è ovvio. Ma i veronesi sembrano non avere un buon rapporto con palette e sacchettini, a giudicare dai "ricordini" che trasformano marciapiedi e prati in un percorso di guerra. E i cittadini - giustamente - s'indignano, protestano e sollecitano addirittura l'esame del Dna sulle deiezioni per risalire al cane colpevole. Vecchio problema, quello delle deiezioni canine che padroni poco civili dimenticano di raccogliere. Possibile che abbiano tutti mal di schiena o problemi alle articolazioni? Per colpa loro i nostri amici a quattro zampe vengono maledetti e talvolta perseguitati. Non è giusto, non è accettabile. Si fa presto a dire «amo il mio cane». L'amore va dimostrato anche - anzi soprattutto - in quelle scomode circostanze. Ricordiamo, allora, quali sono le regole previste dal Regolamento comunale per la tutela degli animali, in vigore dal luglio 2010.
GUINZAGLIO. I cani vanno sempre tenuti, nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico, con guinzaglio di lunghezza non superiore a mt. 1,50 ed i proprietari hanno l'obbligo di avere sempre con sé la museruola da applicare in caso di potenziale pericolo.
DEIEZIONI. Coloro che conducono animali sul suolo pubblico devono adottare ogni cautela per evitare che sporchino. Essi sono tenuti a munirsi di apposita attrezzatura (paletta e sacchetti) per la raccolta delle deiezioni e provvedere all'immediata rimozione delle stesse. Dal 1994 è in vigore un'ordinanza del sindaco, la 10142/1994, che impone ai proprietari dei cani di avere con sé sacchetto e paletta-pinza per la raccolta delle deiezioni dei loro animali. Essi devono poi chiudere l'involucro e gettarlo nei cestini portarifiuti o nei cassonetti. La multa prevista è di 50 euro.
AREE VERDI. Ai cani è limitato l'accesso in aree verdi e campi gioco: originariamente era previsto un divieto di accesso generalizzato (vedi ordinanze 525/98, 656/96, 11/2009, 44/2009), anche in assenza di specifico cartello di divieto. Il Regolamento comunale per la tutela degli animali (approvato nel luglio 2010) ha modificato le disposizioni, permettendo ai cani muniti di guinzaglio il libero accesso a tutte le aree verdi ad uso pubblico, ad eccezione delel aree verdi recintate ed attrezzate per il gioco dei bambini (art. 12 comma 4)
AREE CANI. Il cane può essere lasciato libero di correre solo negli spazi destinati: in città sono presenti numerose "Aree cani", nelle quali vige comunque l'obbligo di raccolta delle deiezioni.
CUSTODIA. Gli animali vanno custoditi con la debita cautela e la loro custodia non va affidata a persone inesperte.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1