Animali&Co

21.12.2018

Il leone Blanco
morto un anno fa
«rivive» al Muse

Seduto accanto alla leonessa che accudisce il proprio piccolo, nella sezione che ospita la storia dell’evoluzione. 

Perfetto in tutta la sua imponenza, che in vita sfiorava i 200 chili di peso: è dal piano -1 del Museo delle Scienze di Trento che Blanco continuerà a vivere e raccontare la storia degli ultimi leoni bianchi del Kruger, sacri alle leggende africane e ambiti trofei di bracconieri e trafficanti.

Fino al giorno della sua morte - il 26 giugno dello scorso anno - Blanco ha vissuto al Parco Natura Viva di Bussolengo da leone bianco più vecchio d’Europa, maschio dominante di tre femmine dalle quali si è guadagnato sempre rispetto e considerazione. Da ieri mattina, è uno degli animali esposti al MUSE con tutta la sua pelliccia, criniera e scheletro.

 

«Esiste un ruolo che gli esemplari di specie a rischio di estinzione possono condurre anche oltre la propria vita - spiega Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva di Bussolengo - e Blanco ne è l’esempio. I suoi simili in natura - colpiti da una forma di leucismo che rende loro il manto bianco e gli occhi dorati o azzurri - sono stati avvistati per la prima volta nel 1938 e dal quel momento, sono stati oggetto di caccia illegale e commercio d’ogni genere. La scienza li ha classificati solo negli anni ’70 e oggi, sopravvivono in 13 nell’area originaria del Timbavati, oggetto di una protezione altissima».

Va da sé che il patrimonio genetico di Blanco era prezioso in vita per la sua prole, ma è un contributo inestimabile per la scienza anche dopo la sua morte. «Ed è proprio per continuare a mantenere un patrimonio genetico che in natura è sull’orlo della scomparsa, che il nostro “re” ha due successori”, continua Avesani Zaborra. “Ermelo e Madiba sono due splendidi giovani maschi di leone bianco, due degli 81 esemplari presenti nei parchi zoologici d’Europa, giunti da un parco francese per costituire un branco con Safia, Lubaja e Kianga. Trascorrerà ancora del tempo prima che le tre possano accettarli ma quando accadrà, la storia dei leoni bianchi del Kruger avrà ancora un futuro».

I popoli africani tramandano che i leoni dal manto candido giunsero dopo la scomparsa di una regina dei capelli d’argento, per questo considerati messaggeri del divino. Gli sciamani credono che ucciderli sia un sacrilegio e in questo caso, per una volta, scienza e credenza concordano.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1