Animali&Co

25.11.2011

Consiglio di Stato: sospesa la caccia in deroga

Cacciatori con cani e fucili
Cacciatori con cani e fucili

Venezia. Oggi il Consiglio di Stato con Decreto immediatamente esecutivo, su ricorso della Lac (Lega abolizione Caccia del Veneto), ha sospeso la delibera della giunta regionale del Veneto , n.1506 del 20 settembre 2011, relativa alla caccia in deroga nei confronti di Fringuelli, Peppole, Pispole, Prispoloni, Storni e Frosoni.

Nel Decreto il Consiglio di Stato si legge che “…non è stato formulato il prescritto parere obbligatorio da parte dell’Ispra ”e “che sussistono le condizioni di estrema gravità e urgenza”.

Andrea Zanoni, Presidente della Lega Abolizione Caccia del Veneto ed Europarlamentare dell’Idv ha dichiarato: «Questo decreto del Consiglio di Stato finalmente ci riporta nella legalità salvando migliaia di piccoli uccelli canori protetti, in un solo colpo sono stati sconfessati tutti coloro che hanno promosso, sostenuto e cercato di legittimare la caccia in deroga: Zaia e Stival in primis, le associazioni venatorie e purtroppo anche i giudici del Tar del Veneto, ora restiamo in attesa del verdetto finale fissato in camera di consiglio in data 6 dicembre 2011».

«Se il 6 dicembre il verdetto sarà confermato chiederemo alla magistratura di vagliare i tesserini venatori dei cacciatori in deroga perché gli abbattimenti degli uccelli protetti non sono avvenuti con la copertura della legge e pertanto si tratterà di bracconaggio».

«Bisognerà successivamente far pagare il gravissimo danno arrecato all'ambiente, con particolare riferimento agli uccelli abbattuti  al presidente della regione Luca Zaia, all'assessore Stival e a tutti i componenti della giunta regionale del Veneto»

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1