Animali&Co

04.07.2019

Con Fido in giacca e
cravatta addio alle
tensioni in ufficio

Con Fido in giacca e cravatta addio alle tensioni in ufficio
Con Fido in giacca e cravatta addio alle tensioni in ufficio

Si siedono vicini a noi e non ci abbandonano mai con lo sguardo, accompagnandoci con attenzione anche nei minimi spostamenti; giocano e catturano l'attenzione strappandoci un sorriso, oppure sonnecchiano per ore e si rendono sempre disponibili a carezze e attenzioni. Cani e gatti sembrano essere i migliori alleati per lavorare in serenità. E se i proprietari lo hanno sempre sostenuto, e rimpiangono spesso di essere distanti dai loro compagni a quattro zampe per troppe ore durante il giorno, adesso arriva il supporto della scienza a ribadire l'importanza dei pets sul posto di lavoro. Nello studio Taking Dogs Into the Office, pubblicato su Frontiers in Veterinary Science il 7 maggio 2019, Sophie Susannah Hall e Daniel Simon Mills hanno analizzato gli effetti positivi scaturiti dalla presenza dei cani in ufficio. E i risultati sono sorprendenti: un cane e un gatto riescono a ridurre lo stress del proprietario ma anche dei colleghi, creando un clima di costante serenità. Cani e gatti, quindi, si trasformano in potenti catalizzatori che attirando l'attenzione di tutti favoriscono la comunicazione e l'amicizia tra persone. Inoltre sono un'ottima alternativa ai social e riducono l'uso e l'abuso dei cellulari; e così durante la pausa caffè diminuiscono le connessioni ossessive a Facebook e simili, e si trascorre il tempo a soddisfare le esigenze dell'animale, dalla breve passeggiata alle crocchette, alla ciotola di acqua fresca. Ecco perché, anche se con una certa lentezza, inizia a diffondersi la sana abitudine di permettere ai dipendenti di portare il proprio pet sul posto di lavoro. Ovviamente bisogna seguire delle regole, rispettare gli spazi altrui (e le eventuali paure) e soprattutto garantire che gli animali godano di un perfetto stato di salute. Ma i benefici non finiscono qui: chi ha la possibilità di lavorare fianco a fianco con il proprio animale non vive l'angoscia di doverlo lasciare a casa da solo per giornate intere. E anche cani e gatti potranno vivere meglio. Se il cane, infatti, trae enormi benefici dalla compagnia del suo umano, essendo un animale da branco, e non vive il piccolo trauma giornaliero nel vederlo uscire dalla porta di casa, il gatto che si accoccola sul davanzale della finestra o vicino al monitor del computer riceve una miriade di attenzioni, diventando spesso il «collega» più fotografato e coccolato, e favorisce il rilassamento facendo le fusa. Capi e dipendenti che hanno aperto gli uffici ai pets, dal Giappone agli Stati Uniti, dall'Italia alla Norvegia, possono testimoniare come la presenza di un animale sappia attirare le attenzioni di tutti i lavoratori, che invece di litigare fra loro dando vita a malsane competizioni fanno a gara per conquistarsi i favori del nuovo ospite. Certo, sono necessarie alcune precauzioni: cani e soprattutto gatti, incuriositi da un ambiente nuovo, saranno spinti a fare esplorazioni potenzialmente pericolose. Attenzione, quindi, ai cavi di telefoni e computer e ai cestini della carta, che potrebbero essere presi di mira e creare disordine. Ma si tratta di danni decisamente irrisori rispetto ai vantaggi procurati nel ridurre lo stress, l'ansia, la stanchezza. Lo aveva capito, già diversi anni fa, l'azienda giapponese Ferray Corporation, che decise di assumere nove gatti per contenere il livello di tensione dei suoi dipendenti. Con ottimi effetti sulla produttività.

Silvia Allegri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1