25 febbraio 2020

Redazionali

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

31.10.2018

Dibattito sul tema
degli “Incidenti
stradali dei giovani”

A CURA DI PUBLIADIGE

Incontro/dibattito sul tema degli “Incidenti stradali dei giovani”
Incontro/dibattito sul tema degli “Incidenti stradali dei giovani”

In data 16 ottobre 2018, in occasione dell’assemblea di Istituto dell’Istituto Fermi presso il teatro Gressner di Verona si è svolto un incontro/dibattito sul tema degli “Incidenti stradali dei giovani”.

L’idea dell’incontro è originata dal tragico evento che ha colpito la comunità scolastica dell’Istituto “Fermi”, che lo scorso 16 Giugno ha perso un alunno di soli 17 anni, Leonardo Bissoli, vittima di un incidente stradale mentre rientrava a casa in auto con amici.

La giornata è stata un’occasione di riflessione, muovendo dal ricordo di Leonardo, con l’obiettivo di fare prevenzione.

L’evento è iniziato con la presentazione di Roberto Martini, rappresentante di Istituto a.s. 2017-2018 che ha voluto esprimere l’importanza di avvalersi di un’occasione quale l’Assemblea di Istituto, spazio istituzionalmente riservato agli studenti, per fare informazione al fine di sensibilizzare gli studenti.

I lavori della giornata sono stati coordinati da Valeria Martino – Avvocato e Docente presso l’Istituto E. Fermi di Verona – che ha illustrato il programma dei lavori, presentato e ringraziato gli ospiti presenti, soffermandosi in particolare sul significato variegato del termine “incidente”, utilizzato in contesti diversi con un’accezione diversa, anche a seconda delle diverse materie di insegnamento a scuola (in Italiano, Matematica, Diritto) o semplicemente nel linguaggio comune, ma che pur sempre, in tutti i casi, richiama concetti negativi, soprattutto perché implica l’imprevedibilità. La Martino si è poi soffermata sui due concetti di “prevedibilità” e di “prevenibilità”, evidenziando che se è vero che nessuno è capace di vedere prima, ossia di pre-vedere cosa accadrà in futuro, è altrettanto vero che invece si può invece “pre-venire”, ossia cercare di fare qualcosa prima che l’evento (nefasto) accada.  

L’incontro si è svolto alla presenza di ospiti qualificati, che hanno portato il loro contributo e le loro testimonianze.

Per iniziare, è andata in scena la rappresentazione teatrale dell’opera in atto unico “Mi aspettavo che…” con la regia di Enzo Rapisarda – Nuova Compagnia Teatrale, che racconta di una ragazza adolescente vittima di un incidente stradale, che incide sulla sua vita e su quella delle persone a lei vicine (la famiglia principalmente).

E’ seguito un intenso dibattito condotto da Massimiliano Maculan, Presidente dell’Associazione “Verona strada sicura”, l’associazione senza scopo di lucro con sede a Verona cui aderiscono, oltre alle istituzioni e alle vittime di incidenti stradali (come ad esempio gli atleti disabili), anche le famiglie di chi ha subito un incidente. Sul palco, si sono susseguite le testimonianze delle vittime dirette e indirette, nonché testimonial dell’associazione: Anna Rapisarda, autrice del testo teatrale e compagna di classe di Costanza Mancini che ha perso la vita nel 2016 all’età di 17 anni; Giorgio Mancini, padre di Costanza; Roberto Zecchinato, atleta disabile di handbike Gsc Giambenini, che hanno raccontato la loro esperienza e trasmesso ai tanti studenti presenti le loro riflessioni.

Il dibattito si è chiuso con l’intervento di Gianpaolo Trevisi, direttore della scuola allievi agenti di polizia di Peschiera del Garda, che ha narrato una serie di aneddoti, facendo riflettere gli studenti sull’importanza dell’attenzione alla guida e, più in generale, sulla strada.

E’ seguito, poi, un momento di forte coinvolgimento emotivo, in cui è stato ricordato l’alunno Leonardo Bissoli, durante il quale è stato letto un pensiero elaborato dai suoi compagni di classe mentre veniva trasmesso un suggestivo video in cui scorrevano le immagini del ragazzo. All’incontro sono stati altresì presenti i genitori del ragazzo, cui è stata consegnata una targa con dedica (si allega foto della targa) in segno di ricordo, solidarietà e condivisione; un’altra identica targa è stata consegnata ai compagni di classe di Leonardo.  

Dopo un breve coffee break, è seguita la visione di un film sul tema, dal titolo “If I stay”.

Valeria Martino