09 dicembre 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute & Benessere

11.03.2019

Scudo naturale:
«Un’arancia
al giorno...»

«Un’arancia al giorno...»
«Un’arancia al giorno...»

Spremute, succhi, centrifughe di frutta e verdura. Quando ricerchiamo il benessere, ci affidiamo naturalmente ai cibi ricchi di vitamina C. Il problema è che non servono le overdose, visto che se si supera la quota di cui il corpo ha bisogno questa sostanza viene eliminata, né si può contare sulla possibilità di «mettere da parte» la vitamina. Le urine la portano via quando ce n’è a sufficienza.

 

Ed allora? Allora bisogna provvedere ad offrirla all’organismo giorno dopo giorno, in una condizione che ci vede molto vicini al pipistrello indiano della frutta e ad alcuni pesci. Come questi animali, infatti, anche noi abbiamo bisogno di rifornirci del composto, isolato per la prima volta in forma cristallina dal succo di limone da biochimici americani nel 1932. La vitamina C è particolarmente abbondante negli agrumi e nei pomodori, ma è contenuta in numerosi altri alimenti.

 

Il contenuto di vitamina C diminuisce notevolmente a causa della cottura e del tipo di conservazione (l’acido ascorbico è resistente al calore, ma si perde nei liquidi di cottura e si ossida in presenza di ossigeno). La vitamina C viene assorbita nell’intestino ed eliminata con le urine. Svolge importanti funzioni in numerose reazioni enzimatiche di ossido-riduzione (reazioni durante le quali avviene la cessione di elettroni – ossi dazione – da parte di una o più molecole e contemporaneamente acquisto di elettroni – riduzione – da parte di altre molecole), che utilizzano l’ossigeno. Le proprietà riducenti e la capacità di reagire con i radicali liberi sono alla base delle sue funzioni biologiche.

 

Per questo la vitamina C è coinvolta in numerosi e importanti sistemi biochimici, come ad esempio la sintesi del collagene, il nostro tessuto di sostegno, che non potrebbe avvenire in presenza di altri riducenti. La vitamina C favorisce l’assorbimento del ferro e previene l’accumulo di istamina (sostanza che controlla le diverse reazioni allergiche) e contribuisce sia alla sua degradazione sia alla sua eliminazione, prevenendo la risposta al lergica e/o favorendone la risoluzione. Infine è fondamentale per il buon funzionamento delle cellule del sistema immunitario ed ha un effetto protettivo sulla mucosa gastrica. È stato infatti riscontrato che in pazienti con gastrite affetti da Helicobacter pylori (microrganismo potenzialmente patogeno del tratto gastroenterico coinvolto nella patogenesi dell’ulcera) i livelli di vitamina C nello stomaco sono non solo al di sotto della media, ma inversamente proporzionali alla gravità della patologia.

 

Ma allora, come dare all’organismo ciò di cui ha bisogno? Facile, si può pensare. Basta mangiare frutta a volontà. Ma purtroppo non è sempre così. Se è vero che la vitamina C è contenuta in molti alimenti, in particolare frutta (agrumi, kiwi, fragole, frutti di bosco) e vegetali (peperoni e prezzemolo), è altrettanto provato che non sempre il quantitativo «promesso» dalla tabelle nutrizionali rimane nel piatto e può quindi essere disponibile per il nostro organismo. L’acido ascorbico è infatti estremamente sensibile ad una serie di elementi che, purtroppo, lo alterano.

 

Capita dopo l’esposizione alla luce e la conservazione in frigorifero. Oltre che ovviamente, con la cottura. Qualche esempio per capire meglio. Poche ore di permanenza nei piattini arrivano a dimezzare la vitamina C di una macedonia. Cuocendo a vapore si può perdere anche il 40 per cento della vitamina C presente nella verdura. Con la cottura in acqua la percentuale di vitamina che “rimane nella pentola” arriva anche al 70 per cento. E allora? Allora consumiamo regolarmente frutta e verdura, se possibile fresca. E coltiviamo l’orto, se possiamo!

Federico Mereta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1