27 febbraio 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Salute & Benessere

10.04.2019

Il matrimonio fa bene alla mente, allontana il rischio di demenza

Questo video non può essere visualizzato.
Non si è accettata la cookie policy.

Condividere l'esistenza con un compagno o una compagna fa bene alla mente. Uno studio dell'University College di Londra, pubblicato sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry, ha analizzato la relazione tra lo stato civile (spostato/convivente, single, divorziato o vedovo) e il rischio di sviluppare forme di demenza, riscontrando che le persone sposate o conviventi sono meno soggette a patologie neurodegenerative rispetto ai non sposati. Mentre i vedovi e i divorziati sono meno esposti alla demenza rispetto ai single. Se per chi è solo il rischio è del 42%, per le coppie divise da un lutto il rischio scende al 20%. Risultati a cui i ricercatori dell'UCL sono arrivati incrociando e sintetizzando 15 studi internazionali sul tema e oltre 800mila partecipanti da tutto il mondo (a cura di Marisa Labanca)

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1