23 luglio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Auto

28.11.2018

Scommessa "carioca"
per Fiat: Fastback
primo suv-coupé

Le linee aggressive della Fastback, il primo suv-coupé di casa Fiat
Le linee aggressive della Fastback, il primo suv-coupé di casa Fiat

La nuova scommessa di Fiat si chiama Fastback. È questo il nome scelto dalla casa torinese per il suo primo suv-coupé, di cui è stato presentato il prototipo. La versione definitiva – derivazione del pick up Toro – dovrebbe arrivare solo nel 2020 e non è sicuro che arriverà sul mercato europeo. Tuttavia l’importanza della notizia è evidente: stiamo parlando di un modello che potrebbe rappresentare la chiave di volta del gruppo. Fastback, infatti, è stato pensato come punto di partenza per un progetto che dovrebbe portare sul mercato dell’America Latina un suv coupé diretto rivale del Renault Arkana, riprendendo soluzioni e proporzioni già viste in modelli di fascia superiore, come il Bmw X4 e il Mercedes Gle. Il design è caratterizzato da linee audaci, quasi rivoluzionarie per Fiat, con linea laterale «effetto tre porte» (non si vede la cornice delle portiere anteriori e posteriori), con il tetto che degrada dolcemente come spesso accade per le coupé, su dimensioni generose, superiori ai quattro metri e mezzo. Il tutto contribuisce a far salire l’attesa per vedere la versione finale. Non ci sono notizie ufficiali nemmeno sui motori che spingeranno il nuovo suv. Tuttavia è possibile che sotto al cofano venga montato un flexi-fuel da due litri della famiglia Tigershark Flex con circa 160 cavalli e 200 Nm di coppia, affiancato da un turbodiesel sempre da due litri, Multijet, con a disposizione 170 cavalli e 350 Nm di coppia. Secondo la programmazione prevista potrebbe esserci anche una variante ibrida 1.8 E.torq - cioè mild hybrid - che dovrebbe proporre 135 cavalli e 182 Nm di coppia con consumi ed emissioni molto contenuti. Il progetto rientra nel maxi piano di investimenti che Fiat ha in programma di portare avanti in Sud America con quindici nuovi modelli da sfornare entro il 2023. Per raggiungere questi obiettivi sono stati messi in preventivo 3,3 miliardi di euro di fondi. Con Fastback, Fiat intende osare ma potrebbe rivelarsi anche una strategia per «aggredire» ulteriormente il mercato. Questo modello rappresenta una scommessa strategica per il futuro del brand Fiat in America Latina, dal momento che in quella macro area, sottolinea Antonio Filosa, responsabile per l’America Latina di Fca, Fiat Chrysler Automobiles, «Fiat è mainstream, ma copre solo il 67 per cento del mercato perché non ha un Suv o una pick up «metric ton», che stiamo studiando. Ma quando avremo i Suv passeremo all’87 per cento e diventerà veramente mainstream, perché i Suv sono il settore che cresce». Intanto il modello futuro potrà aiutare ad incrementare ulteriormente le vendite di Fca, che nell’America Latina, da gennaio a settembre di quest'anno, ha venduto 433mila auto. •

Emanuele Zanini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1