08 luglio 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

10.01.2020

Una patacca fa saltare
l'uèb pataccaro

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Non ho mai avuto molta simpatia per gli influènser - scrive la Olga - e quindi ho goduto quando ho letto su L'Arena che due consulenti veronesi di marketing strategico, presentandosi su Instagram con un profilo falso, hanno dimostrato come si possano intortare le aziende facendosi credere persone che riescono realmente a orientare le tendenze di mercato. Dirò che fino a poco fa quando sentivo parlare di influènser pensavo a quelli che erano a letto con l'influenza, categoria di cui ogni tanto faccio parte anch'io. Non ero l'unica a essere ignorante in materia. Un giorno che avevo telefonato alla Elide per invitarla ad andare a mangiare insieme un bombolón in piazza Erbe, mi sono sentita rispondere: «Magari, ma son influènser, g'ò la féara a trentaòto e mezo». Poi qualcuno mi ha spiegato che gli influènser, quasi tutte butelòte non restie a farsi i sèlfi a le ciàpe e pubblicarli sul loro sito, sono animali da social nètuork che, grazie al grande seguito di ammiratori, in gran parte mona, possono indirizzare scelte di acquisto o far votare un politico anziché un altro. E allora ho pensato a quanto è cambiato il mondo da quando l'influènser era un imbonitore che passava per le strade con la Seicento multipla con sopra l'altoparlante e le banane del metano. Reclamizzava per pochi schei ora un negozio ora un altro: scóe, saòn da lìssia, amari desgropanti, materassi, regipèti, gabbie per canarini. A volte distribuiva gratis delle bottigliette mignòn di Fernet Branca con l'aquila sull'etichetta ed era ressa di mani protese verso il finestrino. Adesso gli influènser sono altri e nel mondo balordo e fragile dell'uèb succede che due scaltri veronesi riescano a intrufolarsi per dimostrare come sia facile screditarlo con una patacca. Ma non cambierà niente. In una società in cui l'immagine vale molto di più della sostanza, squìnsie furbe e disinibite continueranno ad accalappiare greggi di follòuer (pegoróni) perché più ne hanno al pascolo più le aziende gli affidano la pubblicità dei loro prodotti. Guadagnano milioni sfruttando l'ebetudine di quel prossimo che non conosce altra realtà che quella fittizia dell'uèb. Sono le vere dive del momentoma mi sono simpatiche come le ortìghe. •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1