25 giugno 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

24.05.2019

Se te voti par Toni e Bepi
te devi zontàrghe la Maria

La Posta della Olga
La Posta della Olga

La Elide - scrive la Olga - mi ricorda che domenica si va a votare e mi dice che non ha ben capito come funzionano le preferenze di genere. «Semplice - le rispondo -. Se ti te vol votàr do òmeni, te devi zontàrghe 'na dona e se ti te vol votàr do dòne te devi zontàrghe un omo. Te fago un esempio: te pol votàr Toni e Bepi ma se no te vol che i scancèla Bepi, te devi métarghe anca Maria. Se invese te vol votar Maria e Teresa, i te scancèla Teresa parché Teresa la deve èssar un omo. Ancora: se ti su la scheda te scrivi Toni, Bepi e Mario, i te scancèla sia el Bepi che el Mario. E se te scrivi Maria, Teresa e Carolina i te scancèla sia la Teresa che la Carolina». «E se voto solo el Toni o la Maria?». «Alora va ben, no i te scancèla gnente. Guarda però che i preferiti te i devi scrìvar a man e anca in modo che se capìssa». «Massa fatìga» mi risponde la Elide «mi voto solo par el Toni o par la Maria e che el Bepi e la Teresa i vaga a fàrse ciavàr». «Te pol anca no métar nessuno e far crocéta sul simbolo del partito, poi i ghe pensa lori a mandàr su el Toni o la Maria». La Elide mi fa un ragionamento giusto: dice che se ha fiducia nel Toni e nel Bepi e non ritiene la Maria degna di occupare un posto nel parlamento europeo, perché devono cancellarmi il Bepi che è meglio della Maria? Mi fa anche il ragionamento contrario: se ho fiducia nella Maria e nella Teresa, perché mi devono cancellare la Teresa che è meglio del Bepi? «Così - mi dice - mandémo su de le sgàlmare». Le rispondo che anche adesso il parlamento europeo è composto in buona parte da sgàlmare che però vengono pagate come se fossero cime, ma che nel prossimo ci saranno ancora più sgàlmare. «E te pàrelo giusto?» mi fa la Elide. «No - le rispondo - ma è in linea con l'ipocrisia di chi ha fatto questa legge balorda. E sia col Toni piuttosto che col Bepi e sia con la Maria piuttosto che con la Teresa, il parlamento europeo sarà una mangiatoia in cui i mussi e le cavre hanno lo stesso diritto degli altri di mangiare a crepapanza». «E ti vèto a votàr par la mangiatoia?» mi chiede la Elide. «Vago a votàr - le rispondo - parché l'è un me dirito, ma savéndo che le robe, in termini de sgàlmare e de mussi, le sarà pèzo de prima». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1