01 ottobre 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

12.02.2020

Se è davvero un buon segno
che i buteléti si scazzottino

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Kevin, el neodìn della mia amica Veronica - scrive la Olga - l'altro giorno è tornato a casa con un òcio nero. Gliel'aveva procurato un coetaneo durante uno scontro tra bande di buteléti in piazza Arsenale. «L'è la moda de ancó - mi ha detto rassegnata la Veronica - ma anca so pare, cioè me fiól, quando el g'avéa la so età el se piciàva con quei de la banda rivale e 'na olta che l'è vegnù a casa co' 'na récia a spingolón, el me pòro marì el g'à domandà "Ma ti sito sta là a ciapàrle come un oco?". "No, ò menà le mane anca mi e ò róto un par de nasi", el g'à risposto. "Così se fa, le se ciàpa ma anca se le dà" el g'à dito me marì che quando l'èra buteléto l'era de la banda de San Nicolò che la fazéa a pugni con quela de Pradaval». La Veronica mi ha guardato e poi mi ha chiesto: «E to marì, el Gino, de che banda érelo?». «De la banda musicale de San Zen - le ho risposto - El sbatéa i quèrcioli». «E se ciocàeli?». «No - le ho risposto - ma el me Gino l'à lassà la banda quando par schèrso quel che el sonàa el pìfaro el voléa infilàrghe el strumento in quel posto. Te sè, quei de San Zen iè sempre sta maturlani». Insomma i buteléti si danno le botte da quando mondo è mondo. «Come nel musical West Side Story» dice il mio Gino a sproposito. «É un gioco» - ha spiegato il prof. Andreoli su questo giornale - Fanno a pugni perché hanno voglia di sentire il proprio corpo». D'accordo col professor Andreoli, il filosofo-psicologo-sociologo Strusa, parlando al bareto, ha detto di essersi preoccupato a lungo del fatto che queste generazioni, che pensava rammollite, non menassero le mani ma che finalmente la scazzottata di piazza Arsenale gli ha fatto cambiare idea. «Oltre al proprio corpo - ha spiegato - vogliono conoscere anche quello degli altri parché quando te ghe destàchi 'na recia a uno, te la cati su, te la guardi e te vedi che pressapóco l'è fata come la tua. Dopo aver passà sinque ore sul banco de scóla e altre sinque al telefonìn - ha proseguito el Strusa - se un buteléto no'l se sfóga ciapàndo a bòte i coetanei, el resterà 'na papa mòla tuta la vita». 'Sti discorsi i me trova d'acòrdo e quando vedarò un buteléto un po' mòlo ghe dirò: parché no vèto in piàssa a far a pugni con qualchedùn?». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1