23 febbraio 2020

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

24.01.2020

Quando la toponomastica
non suscitava polemiche

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Beata la vecchia toponomastica che, per essere da tutti condivisa - scrive la Olga - non suscitava polemiche come quella che oggi contrappone Liliana Segre all’amministrazione Sboarina che, nel mentre assegnava la cittadinanza onoraria alla superstite dell’Olocausto, decideva di intitolare una via al fondatore del Msi, Almirante. Mille volte beata perché non mi risulta che ci siano state beghe quando le commissioni toponomastiche che si sono succedute nel tempo hanno intitolato vie, vicoli e piazze a santi, poeti, navigatori, musicisti, scienziati, eroi del Risorgimento, fiumi eccetera. Tutti erano d'accordo. Magari qualcuno sta ancora adesso mugugnando su Garibaldi ma è roba da poco. Di sicuro nessuno ha avuto da ridire, se non forse per la banalità, sull'intitolazione di una via di borgo Venezia alle Quattro Stagioni, non a quelle di Vivaldi né a un tipo di pizza, come crede il mio Gino, ma ai quattro periodi dell'anno solare. Né credo che qualcuno si sia stracciato le vesti per piazza Bacanàl o per vicolo Bacco o per vicolo Balena o per vicolo Bogón. Torniamo allora a una toponomastica pacata e imparziale, non influenzata dalla politica che la vol métar le sate su tuto. Ci sono molte vie vegetali, via Betulle, via del Perlàr, via dei Cipressi. Manca via del Figàr. Potrebbe essere un'idea. La toponomastica animale annovera un vicolo Gallina. Perché non intitolarne uno al pìto o al cunèl? «Al léoro no se no i ghe spara» mi dice il mio Gino che però aggiunge alla lista Paperino. C'è anche vicolo Pomodoro. Non mi risulta che al pearón o alla séola abbiano intitolato qualcosa. Poi si potrebbe dedicare una piazza alla peperonata. E alla pearà no? Con tutti i lessi che abbiamo in politica la pearà ci vorrebbe proprio. Ed esistendo già un vicolo Polenta, non mi dispiacerebbe che ce ne fosse uno intitolato al pòcio. Poi, se partendo da via Amanti si volesse insistere sul filone erotico, ci sarebbe da sbizzarrirsi. Insomma, per evitare polemiche, ci sarebbero soluzioni a bizzeffe. Il mio Gino mi fa presente che, consultando lo stradario, non ha trovato una via intitolata a Noè, «quel del diluvio». «Làssa star - gli ho detto - de desgràssie ghe n'avémo bastànsa». •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1