19 settembre 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

La Posta

16.08.2019

Picnic con sorpresa
nell'orto dell'Erminia

La Posta della Olga
La Posta della Olga

Telefono alla Elide, scrive la Olga. «Cosa fèto a Feragosto?». Sento che la domanda la sorprende. «Cosa fago? Sto a casa col me Remigio. Andó vuto che andémo? La televisión la dise che gh'è casìn dapartuto». Allora telefono alla Miranda. «Mi e el me Marieto - mi risponde - stémo in leto tuto el giorno a far le parole crociate e ti?». Le rispondo che se fosse per me g'avarìa 'na mòta de robe da stiràr ma che el me Gino el tira par andàr da qualche parte. «Stè atenti ai autovelox - mi dice - che su le tangensiàli ghe n'è uno drio l'altro. El Comune el sega i àlbari e el pianta autovelox parché co' le multe el paga la filovia». Allora telefono alla Erminia. «Mi e el me Tino fémo 'na festina tra amici ne l'orto dove ghémo el caminéto par le brisòle. Gh'è anca el Tita co' la fisarmonica - mi risponde -. Vuto vègnar anca ti col to Gino? Me farìa piasér». Riferisco a mio marito. «El Tita, quel sopéto?» mi chiede. «Sì, ma el sona coi dièi de le mane» rispondo. Faccio altre telefonate. La Cecilia la g'à el marì col cagòto, la Elvira l'è piena de paturnie, la Mafalda la g'à la casa piena de parenti, la Susi la me dise che gh'è andà de sora el cesso e che so marì no le bon de desbugàrlo. «El to Gino èlo pratico? - mi chiede -. Pó magari magnémo qualcosa». «Spéta che ghe domando» le dico. Il mio Gino mi risponde che festegiàr Feragosto meténdo le man ne la m... no l'è propio quel che el pensa de far. «El dise che el no se ne intende» rispondo alla Susi. Decidiamo allora di accogliere l'invito della Erminia e le ritelefono. «Grassie, Erminia, vegnémo volentieri. Gh'émo da portar qualcosa?». «Se proprio volì - mi risponde - comprè le brisòle, sémo in vintidù. E magari portè anca el vin, 'na damigianèta la dovarìa bastàr, anca se el Tita l'è uno che bée tanto». Non potendo più tirarci indietro, mando il mio Gino dal becàr con la valìsa par le brisòle e col libretto degli assegni. «El sarìa sta meio andar a desbugàrghe el cesso alla Susi» mi dice dopo aver lasciato mezza pensione al becàr. É probabile che nell'orto della Erminia ci divertiremo perché, se non altro, el Tita l'è un brao sonadór de tanghi, ma la lezione di Ferragosto mi servirà per non chiedere più, in caso di invito, da qualsiasi parte arrivi, se devo portare qualcosa. •

Silvino Gonzato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1